Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il complesso BAK/MCL1 in celle del tumore può predire la sensibilità delle droghe della chemioterapia nel cancro ovarico

Un gruppo di ricerca piombo da prof. DAI Haiming dagli istituti di Hefei di scienza fisica (HFIPS) dell'accademia delle scienze cinese (CAS) recentemente ha annunciato che i complessi costitutivi BAK/MCL1 potrebbero predire la sensibilità delle droghe della chemioterapia di cancro ovarico. Il risultato è stato pubblicato sulla morte & sulla malattia delle cellule.

Secondo lo stato di interazione e di attivazione di BAK in celle, i ricercatori hanno trovato che la sensibilità delle celle del tumore di linfoma e di sangue agli analoghi BH3 potrebbe essere preveduta, in modo da hanno catturato il cancro ovarico come l'oggetto della ricerca ed hanno analizzato la relazione fra lo stato di BAK in celle del tumore e la sensibilità del tumore a chemioterapia tradizionale.

L'incidenza di cancro ovarico si allinea terza fra i tumori ginecologici. Il cancro ovarico corrente è trattato con chemioterapia tradizionale, compreso le droghe del platino e il paclitaxel, che non sono molto efficienti e la previsione antitumorale della sensibilità della droga possono efficacemente migliorare il ciclo di vita o di qualità di vita dei pazienti. Corrente, vari metodi basati sui geni genetici, la selezione in vitro della droga ed i modelli paziente-derivati (PDX) dello xenotrapianto si sono applicati per predire la predisposizione delle droghe antitumorali.

In questo lavoro, i ricercatori hanno trovato che il complesso BAK/MCL1 in celle del tumore può predire la sensibilità di paclitaxel, degli inibitori MCL1 e della loro combinazione. Ulteriori studi sui modelli di PDX e sugli esperimenti sugli animali egualmente illustrano l'effetto premonitore del complesso BAK/MCL1.

Source:
Journal reference:

Liu, D., et al. (2021) Constitutive BAK/MCL1 complexes predict paclitaxel and S63845 sensitivity of ovarian cancer. Cell Death & Disease. doi.org/10.1038/s41419-021-04073-0.