Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli esperti sollevano le questioni circa uso sistematico dei punti finali sostitutivi per le approvazioni della droga

Un numero crescente delle droghe sta essendo approvato in base alle misure (" sostitutive ") indirette che non predicono sempre attendibilmente i risultati che importino più ai pazienti, come vivere più lungamente o ritenere meglio.

Nel BMJ oggi, gli esperti sostengono che i punti finali del sostituto non forniscono garanzia del vantaggio clinico e dovrebbero essere utilizzati soltanto come ultima località di soggiorno nei test farmaceutici. In una funzionalità collegata, i giornalisti Jeanne Lenzer e Shannon Town Brownlee dicono che l'uso sistematico dei punti finali sostitutivi per le approvazioni della droga non sta avvantaggiando i pazienti o la borsa pubblica.

Facendo uso dei punti finali sostitutivi da misurare se impianti i nuovi di una droga possono diminuire la durata, costo e la complessità dei test clinici prima che valutazione regolatrice e faciliti l'accesso paziente più veloce alle nuove terapie, particolarmente per le malattie croniche, spieghi Dalia Dawoud all'istituto nazionale per salubrità e preoccupi l'eccellenza (PIACEVOLE) ed i colleghi.

Tuttavia, l'uso di tali punti finali può anche avere implicazioni negative, come prendere le decisioni più provocatorie per gli organismi di valutazione tecnologica di salubrità e complicazione delle decisioni del trattamento per i pazienti ed i clinici.

Eppure precisano che durante le tre decadi scorse, la proporzione di studi clinici che misurano l'efficacia di nuove droghe facendo uso dei punti finali sostitutivi da solo è aumentato più poco di 50% nel mid-90s a approssimativamente 60% da nel 2015-17. In alcune aree terapeutiche quale cancro, i punti finali sostitutivi rappresentano quasi 80% di tutti gli studi clinici che supportano le approvazioni regolarici.

Richiedono uso più selettivo dei punti finali sostitutivi quando valutare nuove le droghe, limitanti il loro uso alle malattie croniche, particolarmente quando raccogliendo i dati sui risultati clinici paziente-pertinenti richiede le prove con seguito irraggiungibile lungo.

E dicono che la maggior partecipazione dei pazienti (e delle organizzazioni che rappresentano i pazienti) nei trattamenti di salubrità e regolatori di valutazione tecnologica è egualmente essenziale per assicurarsi che i termini per l'accettazione dei punti finali sostitutivi per processo decisionale siano riempiti adeguatamente.

Così dovrebbero le autorità competenti approvare le droghe basate sui punti finali sostitutivi?

Jeanne Lenzer e Shannon Town Brownlee esaminano il trattamento accelerato (FDA) Food and Drug Administration di approvazione degli Stati Uniti che permette le droghe sul servizio prima che la loro efficacia sia stata provata.

Molte tali approvazioni sono basate sui punti finali sostitutivi e nel 2018, 73% di FDA ha conceduto una licenza a 43/59) di approvazione accelerata ricevuta delle droghe (.

Come componente del trattamento di approvazione accelerato, il produttore deve condurre le prove di post-approvazione per confermare i vantaggi clinici. Se queste prove non mostrano vantaggio, l'approvazione della droga può essere ritirata. Ma Lenzer e Brownlee dicono che prove di post-approvazione può essere ritardata per molti anni e FDA non ha giudicato le società responsabili quando non riescono a provare tale vantaggio.

Precisano che molti pazienti sono disposti, se non desideroso, catturare le droghe infondate dalla credenza che il trattamento di approvazione di FDA assicura l'efficacia e la sicurezza delle droghe. Medici egualmente stanno volendo prescrivere basato sulle simili credenze.

Ma discutono che concedendo droga sul servizio basato sui sostituti soltanto, “l'industria farmaceutica e FDA efficacemente ha scaricato l'onere della prova sulle spalle del pubblico, con il fisico nuoce a e costi finanziari della prova clinica (se fatto affatto).„

Le misure possono essere catturate per diminuire i rischi dal usando i punti finali sostitutivi, aggiungono, ma alcuni esperti ora stanno sostenendo che l'uso dei punti finali sostitutivi dovrebbe limitarsi quasi interamente agli studi di fase II (destinati per sviluppare le ipotesi per le prove e per determinare se il bilanciamento del vantaggio per danno è sufficiente da regolare la fase III studia).

Altri sono in disaccordo, ad esempio che sarebbe immorale non usare i punti finali sostitutivi e non lasciare i pazienti per morire mentre aspettava i nuovi trattamenti.

Nel frattempo, l'industria supporta l'uso dei punti finali sostitutivi, reclamante lo è troppo costosa ritornare ad approvazioni basate sui punti finali clinicamente importanti.

Il costo economico definitivo dell'approvazione e di usando delle droghe nocive è realmente ben maggior del costo della richiesta degli studi migliori all'inizio.„

Jerome Hoffman, professore emerito al centro medico del UCLA

I punti finali sostitutivi mettono a fuoco su effetto della droga piuttosto che il vantaggio paziente e sono raramente cerchi dibattuti del ricoverato, scrive Roger Wilson in un'opinione collegata. Come paziente del sarcoma, ha avvertito “l'entusiasmo malriposto„ per un trattamento trialled con un punto finale sostitutivo ed approvato basato su un punto finale secondario. Poi è stato ritirato quando il risultato non è stato confermato in uno studio successivo.

“Dobbiamo saldare attendibilmente due punti di vista differenti, una storia medica e una storia paziente parallela,„ dice. Come tale, sostiene che i punti finali del sostituto hanno bisogno del paziente complementare riferito i risultati (PROs) - le misure che contribuiscono a sviluppare una maschera di un termine da una prospettiva paziente.

I punti finali sostitutivi sono qui restare, scrive, ma i pazienti vogliono vedere i pro complementarli come punti finali primari coprimari o persino soli. “Il vantaggio sarà che i pazienti capiranno meglio i risultati di prova, mentre i medici che ci guidano alle decisioni del trattamento avranno meno incertezza e prova più ben fondata da usare.„

Source:
Journal reference:

Dawoud, D., et al. (2021) Raising the bar for using surrogate endpoints in drug regulation and health technology assessment. British Medical Journal. doi.org/10.1136/bmj.n2191.