Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La ricerca apre la strada per gli avanzamenti nel trattamento di molti disordini del cervello

dalla la ricerca guidata da Bristol ha identificato gli obiettivi specifici della droga all'interno dei circuiti neurali che codificano le memorie, aprenti la strada per gli avanzamenti significativi nel trattamento di vasta gamma di disordini del cervello.

La perdita di memoria è una funzionalità di memoria di molti disordini neurologici e psichiatrici compreso il morbo di Alzheimer e la schizofrenia. Le opzioni correnti del trattamento per perdita di memoria sono molto limitate e la ricerca delle terapie farmacologiche sicure ed efficaci ha, finora, ha avuta successo limitato.

La ricerca è stata effettuata in collaborazione con i colleghi alla società biofarmaceutica internazionale Sosei Heptares. I risultati, pubblicati nelle comunicazioni della natura, identificano i ricevitori specifici per l'acetilcolina del neurotrasmettitore che ridirigono le informazioni che attraversano i circuiti di memoria nell'ippocampo. L'acetilcolina è rilasciata nel cervello durante l'apprendimento ed è critica per l'acquisizione di nuove memorie. Finora, il solo efficace trattamento per i sintomi di danno di memoria o conoscitivo veduto nelle malattie quale Alzheimer sta usando le droghe che amplificano largamente l'acetilcolina. Tuttavia, questo piombo agli effetti secondari avversi di multiplo. La scoperta degli obiettivi specifici del ricevitore che hanno il potenziale di fornire gli effetti positivi mentre evitando quei negativi sta promettendo.

Questi risultati sono circa i trattamenti fondamentali che si presentano nel cervello durante la codifica della memoria e come possono essere regolamentati dallo stato o dalle droghe del cervello che mira alle proteine di ricevitore specifiche. A lungo termine, la scoperta di questi obiettivi specifici dà i viali e le possibilità per lo sviluppo di nuovi trattamenti per i sintomi del morbo di Alzheimer e di altri termini con i danni conoscitivi prominenti. L'associazione dell'accademico-industria è importante per queste scoperte e speriamo di continuare a lavorare insieme su questi progetti.„

Jack Mellor, autore principale di studio ed il professor, centro per plasticità sinaptica, università di Bristol

Dott. Miles Congreve, ufficiale scientifico principale a Sosei Heptares, aggiunto: “Questi studi importanti hanno aiutato noi a progettare ed i nuovi, agenti terapeutici squisito mirati a selezionati che imitano gli effetti di acetilcolina ai ricevitori muscarinic specifici, senza avviare gli effetti secondari indesiderati dei trattamenti mirati a precedenti e meno-bene. Questo approccio ha il potenziale emozionante di migliorare la memoria e la funzione conoscitiva in pazienti con Alzheimer ed altre malattie neurologiche.„

“È affascinante come il cervello dà la priorità ai bit differenti di informazioni, risolvendo che cosa è importante da codificare nella memoria e che cosa può essere eliminato. Sappiamo che ci devono essere meccanismi per estrarre le cose che sono importanti noi ma conosciamo pochissimo circa come lavoro di questi trattamenti. Il nostro programma di lavoro futuro mira a rivelare come il cervello fa questo facendo uso di acetilcolina con altri neurotrasmettitori quale dopamina, serotonina e noradrenalina,„ ha detto il professor Mellor.

Source:
Journal reference:

Palacios-Filardo, J., et al. (2021) Acetylcholine prioritises direct synaptic inputs from entorhinal cortex to CA1 by differential modulation of feedforward inhibitory circuits. Nature Communications. doi.org/10.1038/s41467-021-25280-5.