Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'alta aderenza alla dieta Mediterranea migliora le funzioni e la memoria conoscitive

La gente dell'età avanzata che è di peso eccessivo o obesa con un di più alto livello di aderenza alla prerogativa Mediterranea di dieta la loro prestazione conoscitiva e perfino migliora le loro abilità dopo tre anni, secondo un nuovo studio.

La dieta Mediterranea non solo ha effetti benefici per la salubrità cardiovascolare di coloro che la segue, ma può permetterle di migliorare la loro memoria e di impedire o ritardare gli effetti di deterioramento conoscitivo connessi ad invecchiare. Tuttavia, questi effetti benefici non sono goduti di ugualmente da ognuno, che piombo a mettere in discussione il tipo di interventi basati sulle raccomandazioni dietetiche adattarle alle diverse funzionalità di ogni persona. Questi sono i risultati principali di uno studio pubblicato in nutrizione clinica, piombo dai ricercatori dal gruppo di ricerca in farmacologia e neuroscienza di sistemi integrate e dal gruppo di ricerca nel rischio cardiovascolare e dalla nutrizione dell'ospedale Del Mar di Instituto per ricerca medica (IMIM-Ospedale Del Mar) con il gruppo in psicologia e la salute mentale dell'istituto di ricerca biomedico di Bellvitge (IDIBELL) e dell'ospedale universitario di Bellvitge, di tutto da fisiopatologia del gruppo CIBEROBN di nutrizione e dell'obesità. Egualmente la parte della ricerca era l'università di Valencia, l'università di Rivira i Virgili e l'università di Navarra.

Lo studio ha seguito un gruppo di 487 volontari, praticamente la metà di cui era uomini e mezze donne e con un'età media di 65 anni, per tre anni. Interamente hanno partecipato alla prova di PREDIMED-PLUS, uno studio multicentrato che 23 centri di ricerca spagnoli partecipano dentro e che analizza l'effetto della dieta Mediterranea tradizionale con le restrizioni energetiche, promuovendo l'attività fisica e l'intervento comportamentistico, su perdita di peso e sulla prevenzione di malattie cardiovascolari. All'inizio dello studio, i partecipanti erano di peso eccessivo o obesi ed incontrati almeno tre criteri della sindrome metabolica, che include l'ipertensione, l'iperglicemia, un eccesso di grasso intorno alla vita, i bassi livelli di colesterolo di HDL e gli alti livelli dei trigliceridi. La sindrome metabolica è molto comune, essendo presente dentro vicino ad una in quattro adulti globalmente e comporta un elevato rischio di sofferenza la malattia di cuore, gli ictus, il diabete di tipo 2 e del deterioramento conoscitivo.

L'aderenza migliore alla dieta migliora la memoria

I ricercatori hanno analizzato, con le prove neuropsicologiche, lo stato conoscitivo dei volontari all'inizio dello studio ed un e tre anni più successivamente. I ricercatori hanno stabilito la loro prestazione per quanto riguarda la memoria ed altre funzioni conoscitive, compreso la capacità di prendere le decisioni, ragionano, l'attenzione di paga, pianificazione o trascurano determinati impulsi.

Secondo gli studi precedenti, durante un periodo di tre anni, la gente con la sindrome metabolica che non segue alcun tipo di intervento, avrebbe veduto la loro diminuzione globale di cognizione da quasi 0,4 punti e la loro memoria da 0,1. Tuttavia, con le raccomandazioni dello studio, ha registrato i miglioramenti oltre di 0,6 punti nella cognizione globale e vicino a 0,9 nella memoria. Le unità usate per misurare la cognizione sono state standardizzate per confrontare le prove neuropsicologiche differenti.

Per l'insieme dei pazienti, i risultati mostrano un legame diretto fra l'aderenza alla dieta Mediterranea ed il miglioramento conoscitivo. L'aderenza ad una dieta Mediterranea ipocalorica è stata misurata con uno scrutinio di 17 punti che esplorano il consumo di olio di oliva del supplemento-vergine ed il numero delle razioni di frutta e delle verdure che mangiano un giorno, tra altri argomenti. I punteggi oltre 11 punto sono considerati un'alta aderenza alla dieta Mediterranea. Quindi, per ogni punto di miglioramento per quanto riguarda l'aderenza a questo tipo di dieta, la memoria migliore da .12 punti. Secondo la ricerca, questo miglioramento può essere dovuto la perdita di peso e l'aumento nell'attività fisica, che egualmente è collegata ad una qualità di vita migliore. In questo senso, Rafael de la Torre, uno dei ricercatori principali dello studio, dice che questo “è importante, considerando che la gente non può notare i cambiamenti conoscitivi, ma possono essere più pertinenti una volta combinate con i miglioramenti alla loro qualità di vita„.

Nel frattempo, Fernando Fernández-Aranda, guida del progetto dal IDIBELL ed ospedale di Bellvitge, dice che “grazie a questo studio noi hanno stabilito i vantaggi della dieta Mediterranea oltre perdita di peso, quali la memoria o l'attenzione verbale, che si avvantaggiano chiaramente„.

Non ognuno ha gli stessi vantaggi, secondo Natàlia Soldevila-Domènech, primo signee dello studio. Le donne, la gente più anziana, quelle con un livello più basso di formazione e quelle con il diabete di tipo 2 ottengono i meno vantaggi da quanto segue la dieta Mediterranea. In questo senso, dice quella conoscitiva “malgrado vedere che le donne hanno meno miglioramento che gli uomini, questi miglioramenti si è presentata in tutti i partecipanti. Ognuno trae giovamento da quanto segue la dieta Mediterranea, appena un po'di più che altri.„

Nel frattempo, i volontari con la prestazione conoscitiva più bassa all'inizio dello studio per quanto riguarda la memoria ed altre funzioni conoscitive hanno la meno aderenza alla dieta Mediterranea e quelle che abbiano le meno possibilità di raggiungimento della perdita di peso significativa. “Abbiamo voluto conoscere quali volontari hanno perso il peso e quale non ha fatto e perché alcuni ha fatto ed alcuni non hanno fatto, dal punto di vista di cognizione ed il loro comportamento,„ spiega Rafael de la Torre. Specificamente, coloro che all'inizio dello studio ha avuto la migliore memoria uditiva, il più alte progettazione e capacità decisionali, i tempi di reazione più bassi e meno impulsività, erano fra 20% e 50% probabilmente per raggiungere lo scopo dello studio di perdita del 8% del loro peso nel corso dei tre anni. Secondo la ricerca, questo è perché la maggior parte della gente con queste abilità conoscitive ha avuta un'alta aderenza alla dieta Mediterranea ipocalorica, che piombo a perdita di peso clinicamente pertinente.

Per queste ragioni, gli autori dicono che i risultati ottenuti devono permettere di identificare i gruppi con la maggior parte delle difficoltà per trarre giovamento da questi interventi di stile di vita, di personalizzare le misure e così di renderla più facili affinchè loro adottino le linee guida sane di vita proposte, così anche aiutando impediscono il deterioramento conoscitivo.

Lo studio è stato costituito un fondo per dalle agenzie nazionali della ricerca, compreso l'istituto di salubrità di Carlos III ed il governo della Catalogna come pure con i fondi europei (progetto di Eat2BeNice).

Source:
Journal reference:

Soldevila-Domenech, N., et al. (2021) Interplay between cognition and weight reduction in individuals following a Mediterranean Diet: Three-year follow-up of the PREDIMED-Plus trial. Clinical Nutrition. doi.org/10.1016/j.clnu.2021.07.020.