Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il maltrattamento di infanzia causa le alterazioni neurobiologiche nelle fasi iniziali di vita

Un documento pubblicato nella medicina psicologica del giornale conferma l'esistenza delle alterazioni neurobiologiche nelle fasi iniziali di vita in minori esposti al maltrattamento. Il primo autore dello studio è il Laia Marqués-Feixa del ricercatore, dalla facoltà di biologia, l'istituto della biomedicina dell'università di Barcellona (IBUB) e la salute mentale di CIBER (CIBERSAM) ed è stata effettuata in collaborazione con il EPI-Giovane gruppo di sforzo di CIBERSAM.

“Quei bambini ed adolescenti che hanno sofferto il maltrattamento del bambino dagli adulti mostrano le alterazioni, nelle fasi iniziali di vita, nell'asse ipotalamico-pituitario-adrenale (HPA), in uno dei meccanismi biologici principali del regolamento di sforzo„, nei Marques di Laia delle note, membro del gruppo di ricerca sullo sviluppo dei geni, dell'ambiente e della gioventù piombo dal professor Lourdes Fañanás Saura, dal dipartimento di biologia evolutiva, dell'ecologia e delle scienze ambientali della facoltà di biologia del UB. “Inoltre - aggiunge, noi ha osservato una relazione dose-risposta, di modo che quei bambini che hanno sofferto le esperienze serie di maltrattamento mostrano le più alte alterazioni nel funzionamento di questo asse„.

A differenza di altri studi, questo egualmente comprende la frequenza dell'esposizione al maltrattamento come variabile di rischio che deve essere considerata. Lo studio indica che, in quegli oggetti che erano stati esposti al maltrattamento del bambino per un periodo più lungo, c'era maggior disfunzione nell'asse di HPA, indipendentemente dalla severità delle esperienze che avevano sofferto.

Maltrattamento di infanzia e disturbi mentali

Le esperienze nel maltrattamento durante l'infanzia sono state collegate tradizionalmente con lo sviluppo dei disturbi mentali, sia all'inizio di vita che durante l'età adulta. Inoltre, quelli con una diagnosi psichiatrica che riferiscono la sofferenza del maltrattamento durante la configurazione di infanzia un sottotipo clinicamente differente dei pazienti con una prognosi peggiore. Specificamente, tendono ad avere un inizio più iniziale di disturbo mentale, sintomatologia più severa, maggior comorbidity, risposta più difficile al trattamento psicologico e farmacologico come pure tentativi più suicidi e periodi più lunghi di ospedalizzazione.

La ricerca precedente in adulti mostra una chiara relazione dose-risposta fra le esperienze avverse ed il rischio di disturbo mentale. Tuttavia, gli studi nel bambino e nella popolazione della gioventù sono più insufficienti e soltanto sono messi a fuoco sui casi più severi, con i bambini sotto la tutela dei servizi per la protezione del bambino„.

Lourdes Fañanás Saura, ricercatore principale al gruppo di ricerca di CIBERSAM

Inoltre, i meccanismi neurobiologici che sono alla base di questa associazione rimangono in gran parte undescribed.

I ricercatori notano che “i bambini e gli adolescenti con una cronologia del maltrattamento esprimono i livelli elevati di ansia e mostrano il hyperactivation nel funzionamento di giorno basale dell'asse di HPA, con alto cortisol livella alla notte„. Hypercortisolism è un fattore di rischio ben noto e, secondo gli autori, “potrebbe piombo al hyperactivation dello stato di vigilanza in questi bambini ed adolescenti, causare le disfunzioni nel ciclo di sonno-risveglio, tra altri effetti„.

Bambini ed adolescenti con e senza i disturbi mentali, esposti e non esposti al maltrattamento del bambino, partecipato a questo studio. I partecipanti sono stati studiati facendo uso della prova di sforzo sociale di Treviri per i bambini (TSST-C), una prova di sforzo acuta che esplora la reattività dell'asse di HPA allo sforzo psicosociale. I ricercatori di UB e di CIBERSAM dicono quello “mentre i partecipanti senza una cronologia del maltrattamento (con o senza psicopatologia) hanno mostrato che un aumento nei livelli del cortisol dopo il fattore di sforzo acuto (come previsto), bambini ed adolescenti con una cronologia del maltrattamento hanno mostrato un asse appiattito e iper-reattivo di HPA al fattore di sforzo„.

Tuttavia, questi bambini hanno avuti alti livelli di ansia, mostranti una chiara dissociazione fra la loro percezione soggettiva dello sforzo e la loro risposta biologica. “Questa mancanza di plasticità nei sistemi biologici potrebbe avere implicazioni cliniche importanti che avrebbero ostacolato la capacità di riuscire ed attivare i trattamenti interni per fare fronte alle situazioni stressanti future in un modo ottimale e per costituire un fattore di rischio per sviluppare i disordini comportamentistici o le psicopatologie differenti„, i ricercatori conclude.

Un problema sanitario globale che dovrebbe essere considerato nelle registrazioni cliniche

Il maltrattamento del bambino è un problema sanitario globale riconosciuto che egualmente è associato con molti altri problemi di salute. Le esperienze nel maltrattamento dovrebbero essere considerate nelle cartelle sanitarie dei pazienti, particolarmente in bambini ed in adolescenti esposti al trauma complesso, poichè questa spiegherebbe gli aspetti chiave della risposta al trattamento e del corso della malattia. L'individuazione tempestiva e la prevenzione del maltrattamento del bambino dovrebbero essere un obiettivo nei sistemi di salubrità e di formazione come pure una preoccupazione della società.

Questo studio fa parte di un progetto costituito un fondo per dall'istituto di salubrità di Carlos III e piombo dal professor Lourdes Fañanás Saura, dall'università di Barcellona. È stato sviluppato in collaborazione con i ricercatori da sei unità del bambino e della psichiatria adolescente. Specificamente, quelli del Complejo Asistencial Benito Menni (Sant Boi del Llobregat), l'ospedale Clínic de Barcellona, l'ospedale universitario Gregorio Marañón (Madrid), l'ospedale universitario Puerta de Hierro (Majadahonda), l'ospedale Universitario de Araba - Santiago Apóstol (Vitoria) ed il day hospital per gli adolescenti in Gavà, dalle fondamenta di Orienta.

Source:
Journal reference:

Marques-Feixa, L., et al. (2021) Childhood maltreatment disrupts HPA-axis activity under basal and stress conditions in a dose-response relationship in children and adolescents. Psychological Medicine. doi.org/10.1017/S003329172100249X.