Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'esposizione alla luce durante la gravidanza può essere collegata allo sviluppo fetale del cervello

Ci può essere un collegamento fra l'esposizione ad indicatore luminoso durante la gravidanza e lo sviluppo fetale del cervello. I nuovi risultati dai ricercatori all'università di Umeå, Svezia, lavorante in collaborazione con i colleghi americani, possono fornire più successivamente la migliore comprensione di determinate malattie neurologiche nella vita.

Infine, questa scoperta può aprire le possibilità per usando il genere di destra di stimolo leggero durante la gravidanza per diminuire il rischio di disordini neurologici nell'età adulta.„

Il professor Lena Gunhaga, centro di Umeå per medicina molecolare, università di Umeå

Il gruppo di ricerca all'università di Umeå, insieme ai ricercatori nel gruppo di professor Richard Lang a Cincinnati, U.S.A., ora dimostra che un fotorecettore chiamato Opsin 3 già è espresso in parti dei sistemi nervosi centrali e periferici durante le fasi iniziali di sviluppo fetale. La molecola di Opsin 3 ha una vasta ma espressione distinta che suggerisce un ruolo importante nella formazione di vari neuroni, di vie neurali e di aree del cervello e del midollo spinale. L'espressione di Opsin 3 può essere collegata ad una serie di motore e vie neurali sensitive che regolamentano il movimento, dolore, la visione e l'olfatto come pure memoria, umore ed emozione.

Mentre l'idea che l'indicatore luminoso può pregiudicare le celle dentro l'organismo, anche nel feto futuro, può sembrare peculiare, sia i calcoli che gli esperimenti precedentemente hanno indicato che l'indicatore luminoso può passare tramite interfaccia, il tessuto molle ed il cranio per attivare i fotoricettori.

Opsin 3 individua l'indicatore luminoso nell'intervallo blu ad una lunghezza d'onda di circa 480 nanometri. La scoperta dei ricercatori di Umeå del reticolo di espressione di questo ricevitore suggerisce che l'indicatore luminoso giochi un ruolo vitale nello sviluppo e la funzione successiva del cervello. Ciò potrebbe spiegare perché il rischio di determinate malattie neurologiche e psichiatriche varia secondo il periodo stagionale della nascita. Finora, questa correlazione non spiegata è stata osservata nelle malattie quali Parkinson, Alzheimer, la sclerosi a placche, il disordine bipolare, l'autismo, la schizofrenia e l'epilessia. Che detto, il periodo della nascita è soltanto uno di parecchi fattori di rischio per le malattie in questione.

“Sebbene la più ricerca sia richiesta prima che possiamo formulare le raccomandazioni circa le terapie leggere specifiche per le donne incinte, siamo chiaramente su un cingolo emozionante che può finalmente provare altamente significativo,„ diciamo Lena Gunhaga.

Mentre i nuovi risultati sono basati sulle osservazioni del cervello e del sistema nervoso dei mouse, la funzione è reputata per essere simile in esseri umani. I ricercatori continuano con gli studi più dettagliati di come Opsin 3 pregiudica lo sviluppo e la funzione del cervello.

Source:
Journal reference:

Davies, W., et al. (2021) Distinct Opsin 3 (Opn3) expression in the developing nervous system during mammalian embryogenesis. eNeuro. doi.org/10.1523/ENEURO.0141-21.2021.