Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'impatto della pandemia COVID-19 su accesso ai vaccini durante la gravidanza

La pandemia di malattia 2019 di coronavirus (COVID-19) ha portato le numerose emissioni della disparità alla prima linea. Fra loro sono le diseguaglianze che esistono nell'accesso di sanità.

Una nuova pubblicazione preliminare discute come feltro delle donne durante la pandemia come hanno lottato per accedere alla vaccinazione sicura per se stessi e per i loro bambini. Fino a 40% ha detto che hanno incontrato la difficoltà, sebbene potessero rinviare le loro nomine di immunizzazione.

Una versione della pubblicazione preliminare dello studio è disponibile sul " server " del medRxiv* mentre l'articolo subisce la revisione tra pari.

Sfondo

Molte immunizzazioni sistematiche per le donne ed i bambini sono state influenzate da COVID-19. Il servizio nazionale sanitario Del Regno Unito (NHS) ha determinato i cambiamenti nei servizi della maternità e di pronto intervento, mettendo le donne incinte ed i bambini alla cima della lista per i servizi sistematici di immunizzazione. Ciò nonostante, l'assorbimento del morbillo, della parotite epidemica e del vaccino di rosolia (MMR) ha calato con l'inizio dei lockdowns.

Durante l'estate di 2020, l'assorbimento vaccino di infanzia ha continuato in basso ad essere confrontato agli anni priori. Inoltre, il vaccino di pertosse che si consiglia per le donne incinte fra 16-32 settimane della gravidanza, registrate un calo di 4% nell'assorbimento dopo i primo 2020 lockdown, immergenti all'più a basso livello durante cinque anni.

La ragione attribuita a questa goccia è il consiglio da restare a casa con utilizzazione di sanità diminuita ad una base solo come. I servizi di pronto intervento più di meno sono stati usati, mentre l'uso aumentato delle consultazioni remote sopra in persona le visite può rendere le vaccinazioni meno accessibili alle donne.

Lo stato ad alto rischio della gravidanza può contribuire all'evitare la vaccinazione mentre le donne incinte sono diventato più titubanti assistere alle nomine della vaccinazione e prenatali.

Lo studio corrente ha mirato a valutare la consapevolezza delle donne dopo la pandemia come pure la loro accettazione di ed accesso ai vaccini di infanzia e di pertosse durante questo tempo.

Che cosa lo studio ha mostrato?

La maggior parte delle donne (96%), compreso le donne incinte e successive al parto, ha saputo della raccomandazione per la vaccinazione di pertosse durante la gravidanza - spesso perché già la avevano catturata durante le gravidanze precedenti. Di piccolo numero che non ha fatto, erano più probabili avere un reddito domestico sotto £25,000.

C'era un gradimento distinto per le informazioni sui vaccini dalle ostetriche e dai GPs, particolarmente faccia a faccia. Le donne hanno detto che non hanno ottenuto le opportunità di ottenere le informazioni sui vaccini nella gravidanza ed altre emissioni in relazione con la gravidanza hanno confrontato alle gravidanze priori.

Circa 72% delle donne incinte e 89% di nuove madri, sono stati vaccinati con lo scatto di pertosse. Delle madri unvaccinated incinte, 84% erano nel primo o secondo acetonide e 87% stavano andando essere vaccinati. Anche fra coloro che non ha saputo circa la sua necessità, tre su quattro hanno detto che la hanno favorita.

Quasi ogni donna che era stata vaccinata in una gravidanza più iniziale ha detto che è stata vaccinata nella gravidanza corrente pure, con una percentuale di risposte non date vaccino di 7%, ma un cambiamento da unvaccinated a stato vaccinato fra le gravidanze priori e correnti in 30%.

Certo andare pericoloso ritenente riferito all'ospedale, mentre si si è riferito ad un tema razziale di disinformazione intorno al vaccino.

Le donne che hanno catturato il vaccino durante la gravidanza hanno avute determinati fattori comuni: erano più probabili essere bianche, invecchiate 30-34 e, fra le madri principianti soltanto, un reddito domestico sotto £25,000. Per contro, quelli nel loro terzo acetonide senza vaccinazione erano probabili rimanere così, riguardante il gruppo 30-34-year.

Coloro che è rimanere unvaccinated erano ancora più probabili essere da una minoranza etnica e con un reddito domestico più basso. Emissioni di Access

62% ha detto che hanno fatte una nomina del GP spostarsi o hanno annullato dovuto la pandemia, con la maggior parte di loro che ottengono nomine del telefono o online invece. Il cambiamento proveniva più spesso dal lato del GP.

Circa 40% delle donne con una nomina vaccino con un GP, ma soltanto 8% con una nomina vaccino dell'ospedale, ha detto che è stata spostata o annullato stata. Circa 43% ha avuto altre nomine variabili.

Di conseguenza, le donne hanno capito che dovessero catturare lo sforzo per ottenere i loro vaccini sistematici, che hanno provato difficile per le donne principianti.

Problemi di sicurezza

Circa un quinto delle donne ha detto avevano perso l'accesso ai vaccini di gravidanza, ma 45% ha detto che hanno ritenuto esposte al pericolo durante le nomine vaccino. L'accesso fisico era più basso e la percezione del rischio più su, fra ai i bianchi relativi di minoranze di colore e fra le donne con un reddito domestico più basso riguardante quelli nell'più alta classe di reddito.

Ciò era egualmente vero per le donne sotto l'età di 25 anni riguardo a meno accesso vaccino, sebbene non sicuro. Alcuni egualmente hanno riferito un trattamento confusionario e difficile per la prenotazione le nomine di gravidanza e degli scatti vaccino.

Circa la metà delle donne che ora erano state vaccinate all'ospedale durante le gravidanze priori ha ricevuto i loro scatti in ambulatorio del GP. L'assorbimento della vaccinazione era più alto in Galles e l'Irlanda del Nord, tutto l'esterno dell'ospedale, ma quasi la metà dello Scottish e un terzo delle donne inglesi sono stati vaccinati nell'ospedale.

Viaggi ai loro GPs o agli ospedali o alle cliniche era stato da trasporto pubblico prima di COVID-19, per 40% delle donne. Ciò è caduto ripidamente a 6% durante la pandemia.

Un quarto delle donne incinte unvaccinated ha sostenuto che la pandemia era responsabile, di supporto dal fatto che soltanto 2% delle donne unvaccinated successive al parto ha detto non hanno voluto il vaccino, ma 20% dicesse che la pandemia ha impedito loro di essere vaccinata.

Al contrario, 43% delle donne unvaccinated successive al parto non ha saputo a questo proposito.

Vaccinazioni infantili

Circa 94% delle donne ha percepito la vaccinazione infantile come compito importante persino durante COVID-19 ed oltre tre quarti che ha detto che era un trattamento sicuro. Tuttavia, 45% ha riferito le difficoltà fisiche nella vaccinazione dei loro bambini, particolarmente coloro che ha riferito lo stessi riguardo ai loro propri vaccini di gravidanza.

Quelle donne molto probabilmente per riferire le emissioni con accesso e la sicurezza e l'importanza più bassa per la vaccinazione infantile, provenivano dalle origini etniche di colore. Per contro, le più giovani donne (anni <25) hanno ritenuto meno sicure, mentre le donne a basso reddito hanno messo la meno importanza sulla vaccinazione infantile durante questo periodo.

Che cosa sono le implicazioni?

Le donne hanno avute una rottura globale della vaccinazione di pertosse nella gravidanza. La conoscenza precedente circa l'esigenza del vaccino e la gravidanza priore sperimenta, era chiave a modellare le esperienze correnti del vaccino di gravidanza.

I cambiamenti nelle nomine, la necessità di richiedere e continuare sulle nomine vaccino e la confusione che circonda il trattamento, sono stati riferiti in questo studio delle donne incinte. Più di meno sono stati soddisfatti con la qualità di cura prenatale confrontata ai livelli pre-pandemici, particolarmente la mancanza delle nomine faccia a faccia, che le hanno impedite ottenere le informazioni ed il consiglio che hanno avuto bisogno di.

Le minoranze etniche, come previsto, hanno avute tariffe più basse della vaccinazione, erano più probabili ritenere pericolose durante le nomine vaccino e le emissioni fisiche sperimentate con accessibilità vaccino. La base per la loro sensibilità del unsafeness è piantata, forse, nel fatto che la loro comunità ha sofferto sproporzionatamente dalla pandemia e che sono più probabili essere ospedalizzate con COVID-19.

Le donne dalle famiglie più difficili erano più probabili non sapere circa il vaccino affatto o pensare la vaccinazione infantile durante la pandemia era poco importante. Tali donne hanno rappresentato una proporzione elevata delle madri successive al parto unvaccinated e delle madri dei bambini unvaccinated.  

Per ricambiare questo, le donne di minoranza etnica ed a basso reddito dovrebbero specificamente essere mirate a per i vaccini, compreso il vaccino COVID-19, mentre sono al rischio aumentato per i risultati avversi, ma sono egualmente meno probabili essere convinte già circa l'esigenza del vaccino.

avviso *Important

il medRxiv pubblica i rapporti scientifici preliminari che pari-non sono esaminati e, pertanto, non dovrebbero essere considerati conclusivi, guida la pratica clinica/comportamento correlato con la salute, o trattato come informazioni stabilite.

Journal reference:
  • Skirrow, H. et al. (2021) "Women’s views and experiences of accessing vaccination in pregnancy during the COVID-19 pandemic: A multi-methods study in the United Kingdom". medRxiv. doi: 10.1101/2021.09.14.21263505.
Dr. Liji Thomas

Written by

Dr. Liji Thomas

Dr. Liji Thomas is an OB-GYN, who graduated from the Government Medical College, University of Calicut, Kerala, in 2001. Liji practiced as a full-time consultant in obstetrics/gynecology in a private hospital for a few years following her graduation. She has counseled hundreds of patients facing issues from pregnancy-related problems and infertility, and has been in charge of over 2,000 deliveries, striving always to achieve a normal delivery rather than operative.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Thomas, Liji. (2021, September 21). L'impatto della pandemia COVID-19 su accesso ai vaccini durante la gravidanza. News-Medical. Retrieved on December 03, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20210921/The-impact-of-the-COVID-19-pandemic-on-access-to-vaccines-during-pregnancy.aspx.

  • MLA

    Thomas, Liji. "L'impatto della pandemia COVID-19 su accesso ai vaccini durante la gravidanza". News-Medical. 03 December 2021. <https://www.news-medical.net/news/20210921/The-impact-of-the-COVID-19-pandemic-on-access-to-vaccines-during-pregnancy.aspx>.

  • Chicago

    Thomas, Liji. "L'impatto della pandemia COVID-19 su accesso ai vaccini durante la gravidanza". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20210921/The-impact-of-the-COVID-19-pandemic-on-access-to-vaccines-during-pregnancy.aspx. (accessed December 03, 2021).

  • Harvard

    Thomas, Liji. 2021. L'impatto della pandemia COVID-19 su accesso ai vaccini durante la gravidanza. News-Medical, viewed 03 December 2021, https://www.news-medical.net/news/20210921/The-impact-of-the-COVID-19-pandemic-on-access-to-vaccines-during-pregnancy.aspx.