Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Più alta assunzione di associato grasso della latteria con più a basso rischio della malattia cardiovascolare

La nuova ricerca fra i più grandi consumatori del mondo dei latticini ha indicato che quelle con le più alte assunzioni del grasso della latteria - misurato dai livelli di acidi grassi nel sangue - hanno avute un più a basso rischio della malattia cardiovascolare rispetto a quelle alle assunzioni basse. Le più alte assunzioni del grasso della latteria non sono state associate con un rischio aumentato di morte.

I ricercatori poi hanno combinato i risultati di questo studio dentro appena al disopra 4.000 adulti svedesi con quelli da 17 simili studi in altri paesi, creanti la prova più completa fin qui sulla relazione fra questa misura più obiettiva del consumo grasso della latteria, il rischio di malattia cardiovascolare (CVD) e la morte.

Il Dott. Matti Marklund dall'istituto di George per salubrità globale, dal banco di Johns Hopkins Bloomberg della salute pubblica e dall'università di Upsala ha detto quello con il consumo della latteria sull'aumento universalmente, una migliore comprensione dell'impatto di salubrità era necessario.

“Molti studi hanno contato sulla gente che può ricordarsi e registrare gli importi ed i tipi di latticini che hanno mangiato, che è particolarmente difficile data quella latteria è comunemente usata in vari alimenti.

“Invece, abbiamo misurato i livelli di sangue di determinati acidi grassi, o “particelle elementari grasse che sono trovate in latticini, che dà una misura più obiettiva del consumo di grassi della latteria che non conta sulla memoria o sulla qualità dei database dell'alimento,„ ha aggiunto.

“Abbiamo trovato che quelli con i livelli elevati realmente hanno avuti il più a basso rischio di CVD. Queste relazioni sono altamente interessanti, ma abbiamo bisogno di ulteriori studi di capire meglio l'impatto completo di salubrità dei grassi della latteria e dei latticini.„

Il consumo del prodotto lattiero-caseario e della latteria in Svezia è fra il più alto mondiale. Una collaborazione internazionale fra i ricercatori in Svezia, gli Stati Uniti e l'Australia ha valutato il consumo grasso della latteria in 4150 60enni dello svedese misurando i livelli di sangue di acido grasso particolare che pricipalmente è trovato in latticini e quindi può essere usato per riflettere l'assunzione del grasso della latteria.

Poi sono stati continuati per una media di 16 anni per vedere quanto hanno avuti gli attacchi di cuore, i colpi ed altri eventi circolatori seri e quanto sono morto da tutta la causa durante questo tempo.

Dopo statisticamente avere registrato per ottenere altri fattori di rischio conosciuti di CVD compreso le cose gradisca l'età, il reddito, lo stile di vita, abitudini dietetiche ed altre malattie, il rischio di CVD erano più basse per quelle con gli alti livelli dell'acido grasso (assunzione alta di riflessione dei grassi della latteria). Quelli con i livelli elevati non hanno avuti rischio aumentato di morte da tutte le cause.

Il Dott. Marklund ha aggiunto che i risultati evidenziano l'incertezza di prova in questa area, che è riflessa nelle linee guida dietetiche.

Mentre alcune linee guida dietetiche continuano a suggerire che i consumatori scelgano i prodotti lattier-caseario a bassa percentuale di grassi, altri si sono mossi a partire da quel consiglio, invece suggerire la latteria può fa parte di una dieta sana con enfasi sul selezionare determinati latticini - per esempio, yogurt piuttosto che burro - o sulla prevenzione dei prodotti lattier-caseario zuccherati che sono caricati con lo zucchero aggiunto.„

Dott. Matti Marklund dall'istituto di George per salubrità globale

Combinando questi risultati con altri 17 studi che comprendono complessivamente quasi 43,000 persone dagli Stati Uniti, la Danimarca ed il Regno Unito hanno confermato questi risultati in altre popolazioni.

“Mentre i risultati possono essere influenzati parzialmente dai fattori all'infuori del grasso della latteria, il nostro studio non suggerisce alcun danno del grasso della latteria di per sé,„ il Dott. Marklund ha detto.

Il Dott. Kathy Trieu dell'autore principale dall'istituto di George per salubrità globale ha detto quel consumo di determinati latticini, particolarmente prodotti fermentati, precedentemente è stato associato con i vantaggi per il cuore.

“La prova aumentante la suggerisce che l'impatto di salubrità dei latticini possa dipendere dal tipo - quali formaggio, yogurt, latte e burro - piuttosto che il tenore di materia grassa, che ha sollevato i dubbi se l'evitare il camice dei grassi della latteria è utile per salubrità cardiovascolare,„ ha detto.

“Il nostro studio suggerisce che ridurre la latteria grassa o evitare la latteria complessivamente non potrebbe essere la migliore scelta per salubrità del cuore.„

“È importante ricordarsi che sebbene i latticini possano essere ricchi in grasso saturato, sono egualmente ricchi in molte altre sostanze nutrienti e possono essere una parte di una dieta sana. Tuttavia, altri grassi come quelli trovati in frutti di mare, noci ed oli vegetali non tropicali possono avere più notevoli indennità-malattia che grassi della latteria,„ il Dott. Trieu ha aggiunto.

Source:
Journal reference:

Trieu, K., et al. (2021) Biomarkers of dairy fat intake, incident cardiovascular disease, and all-cause mortality: A cohort study, systematic review, and meta-analysis. PLOS Medicine. doi.org/10.1371/journal.pmed.1003763.