Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La ricerca dimostra un chiaro collegamento fra ritiro del nicotina ed abitudini alimentari difficili

I nuovi dati raccolti dall'università di ricercatori della facoltà di medicina di Minnesota dimostrano una chiara connessione fra ritiro del nicotina ed abitudini alimentari difficili. I loro risultati indicano il sistema dell'opioide, le funzioni del cervello responsabili di dipendenza ed il regolamento di appetito, come causa possibile della preferenza del fumatore di energia-denso, alimento di alto-caloria durante il ritiro del nicotina. Ciò può piombo ad obesità, per coloro che termina fumare, che, a sua volta, può aumentare il rischio di ricaduta.

Il al'Absi di Mustafa, il PhD, uno psicologo autorizzato e professore nel ministero della medicina di famiglia e della sanità Biobehavioral a U della facoltà di medicina di m., città universitaria di Duluth, è il ricercatore principale e l'autore senior dello studio recentemente pubblicato nel giornale di dipendenza dell'alcool e della droga.

Abbiamo esaminato indipendentemente da fatto che il ritiro acuto del nicotina aumenta l'assunzione di alimenti industriali -; livello in sale, grasso e zucchero -; e come i ricevitori d'alleviamento del sistema dell'opioide sono implicati. L'attenuazione delle queste sfide durante il trattamento del trattamento aiuterà i pazienti a terminare fumare mentre capiscono le loro abitudini alimentari ed incoraggi le decisioni più sane.„

Al'Absi di Mustafa, PhD, professore, dipartimento della medicina di famiglia e salubrità Biobehavioral, U della facoltà di medicina di m.

Il gruppo ha studiato un gruppo di partecipanti di fumo e di fumo fra le età di 18 e di 75 durante le due sessioni del laboratorio. Tutti a caso sono stati definiti per fare un ritiro di 24 ore dai prodotti del nicotina ed hanno amministrato un placebo o 50 mg di naltrexone. Alla conclusione di ogni sessione, i partecipanti sono stati dati un cassetto degli elementi dello spuntino che hanno differito nel livello a densità di energia bassa ed alle dimensioni di salato, del dolce e del grasso. Lo studio ha trovato quello:

  • I fumatori che subiscono il ritiro del nicotina hanno consumato più calorie che i non-fumatori. I partecipanti erano egualmente meno probabili selezionare l'alimento ad alta percentuale di grassi dopo che il naltrexone è stato amministrato che il placebo. “I risultati dello studio possono essere collegati con l'uso di alimento, particolarmente quel livello nelle calorie, fare fronte all'influenza negativa ed affliggere che caratterizza l'esperienza della gente di sensibilità durante il ritiro di fumo,„ il al'Absi ha detto. “I risultati dal supporto preclinico e clinico della ricerca questo e dimostrano che lo sforzo aumenta la propensione per gli alimenti dello alto-zucchero ed ad alta percentuale di grassi.„
  • Naltrexone ha normalizzato l'assunzione di caloria ai livelli veduti in non-fumatori, suggerenti che il sistema dell'opioide potesse essere un meccanismo da di assunzione indotta da ritiro delle calorie. “Questo è piuttosto un romanzo che trova nel contesto della dipendenza di nicotina ed ha lotti delle implicazioni per lo sviluppo del trattamento futuro,„ il al'Absi ha detto. La scelta ed il consumo di prodotti alimentari sono stati urtati dagli ambiti di provenienza di fumo dei partecipanti.

il al'Absi ed il suo gruppo ora stanno mettendo a fuoco sull'impatto dei cambiamenti di appetito su post-cessazione di obesità e sulle dimensioni a cui questi cambiamenti ostacolano la cessazione di fumo ed aumentano il rischio di ricaduta. I lavori futuri saranno critici ad identificare i meccanismi di questi cambiamenti ed hanno potuto essere mirati a per gli interventi terapeutici.

“Questi risultati estendono gli studi più iniziali che indicano l'impatto di uso del tabacco su appetito e contribuiscono ad identificare l'influenza di un collegamento biologico importante, il sistema dell'opioide del cervello, sul bisogno durante il ritiro del nicotina,„ il al'Absi ha detto. “Il timore di obesità è una preoccupazione importante fra i fumatori che pensano a terminare. Il tasto a rimuovere queste barriere è di capire meglio i fattori che aumentano lo stimolo per gli alimenti alto-calorici.„

Source:
Journal reference:

Anker, J.J., et al. (2021) Tobacco withdrawal increases junk food intake: The role of the endogenous opioid system. Journal of Drug and Alcohol Dependence. doi.org/10.1016/j.drugalcdep.2021.108819.