Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'anatomia di Maggio-Thurner comune in pazienti con CTEPH, nuovo studio mostra

Come le strade principali, le strade e le stradine, vasi sanguigni nel corpo umano vengono nelle dimensioni differenti, con un intervallo delle capacità di trasporto. Queste differenze sono critiche a facilitare il sangue attraversano i tessuti. Ma quando si tratta dei coaguli di sangue - veicoli surdimensionati sulla strada principale del globulo - il rischio di ingorgo stradale intensifica con ogni giro nelle imbarcazioni sempre più strette che forniscono il cuore ed i polmoni. Finalmente, i grandi grumi sono attaccati, ostacolando il flusso sanguigno. Quando questo accade nei polmoni, uno stato potenzialmente pericoloso conosciuto come ipertensione polmonare thromboembolic cronica (CTEPH) si sviluppa.

In molti casi, i grumi che causano CTEPH vengono dai filoni nella metà inferiore dell'organismo, solitamente dovuto trombosi venosa profonda (DVT). Un fattore di rischio per DVT è compressione del filone iliaco nel bacino, che può essere causato da una variante anatomica conosciuta come l'anatomia di Maggio-Thurner (MTA). Mentre il MTA è generalmente probabilmente raro, un nuovo studio dai ricercatori alla scuola di medicina di Lewis Katz alla Temple University indica che l'anomalia è molto comune in pazienti con CTEPH - in un campione del programma del CTEPH di 148 templi riferiti a pazienti dal 2016, quasi 30 per cento sono stati trovati per avere MTA.

Pochissimo è stato conosciuto circa la prevalenza del MTA e della sua associazione con CTEPH. Ora sappiamo che è realmente abbastanza comune e ci sono terapie che possono migliorare il trattamento e la qualità di vita per questi pazienti.„

Riyaz Bashir, MD, FACC, RVT, il professor, medicina, scuola di medicina di Lewis Katz

Riyaz Bashir è egualmente il Direttore della medicina di Endovascular e vascolare all'ospedale di Temple University.

Il Dott. Bashir e colleghi descrive i loro risultati in un rapporto pubblicato online nel giornale JACC: Interventi cardiovascolari.

I pazienti che sono tipicamente ospedale riferito a di Temple University per la valutazione di CTEPH subiscono l'angiografia polmonare, una prova della rappresentazione che determina come sangue sta attraversando i polmoni. Ma mentre la procedura è utile per l'individuazione ed il trattamento dei grumi nei polmoni, non fornisce informazioni su come o su dove i grumi sono nato.

“Ci sono molti fattori di rischio per CTEPH, ma DVT è particolarmente importante, a causa della sua frequente partecipazione di grandi filoni nei cosciotti ed il bacino,„ il Dott. Bashir ha spiegato. “La compressione del filone iliaco che piombo a DVT può accadere alle sedi anatomiche differenti nel bacino, compreso la posizione anatomica del MTA.„

Il MTA specificamente comprime il filone iliaco comune sinistro al sito in cui il filone passa fra l'arteria iliaca sovrastante e la quinta vertebra lombare stante alla base. Col passare del tempo, l'irritazione dell'imbarcazione da compressione induce il filone a sviluppare un bloccaggio e questa piombo i frammenti del globulo per agglutinarsi insieme, formandosi si coagula. I grumi che sorgono come conseguenza del MTA sono una causa ben nota dell'embolia polmonare acuta e possibilmente CTEPH.

“Nessuno realmente ha esaminato la prevalenza del MTA nei pazienti di CTEPH, anche se il MTA può essere una causa primaria di questa circostanza e può essere trattato molto efficacemente,„ il Dott. Bashir ha detto.

Il Dott. Bashir e colleghi è in una posizione unica per studiare il MTA nei pazienti di CTEPH, a causa dell'ipertensione polmonare rinomata dell'ospedale di Temple University, di giusto infarto e del programma di CTEPH, che servisce da centro orientamento nazionale per i pazienti di CTEPH. “I clinici susciteranno frequentemente inquietudine per i disordini di coagulazione ematologici come causa potenziale per CTEPH ma spesso non considerano anatomico e le cause meccaniche per trombosi venosa,„ hanno spiegato Paul Forfia, il MD, professore di medicina alla scuola di medicina di Lewis Katz ed al co-direttore dell'ipertensione polmonare del tempio, di giusto infarto e del programma di CTEPH con Anjali Vaidya, il MD, FACC, FASE, FACP. Il Dott. Vaidya, un professore associato di medicina alla scuola di medicina di Lewis Katz, era un co-ricercatore sul nuovo studio.

I ricercatori hanno esaminato i dati della rappresentazione da 148 pazienti che si sono riferiti al programma fra gennaio 2016 e giugno 2020 e che hanno subito il venography dilagante. L'analisi delle funzionalità del MTA ha identificato 44 di quei pazienti come avendo la variante anatomica. La cronologia dell'estremità inferiore DVT era un preannunciatore chiave del MTA.

“Questo lavoro fornisce la comprensione novella sia nel sistema diagnostico che gli approcci di trattamento a CTEPH,„ il Dott. Forfia ha detto.

“La nostra speranza ora è che possiamo usare i metodi di vagliatura attuali per compressione del filone iliaco e MTA per migliorare trattamento per i pazienti di CTEPH e per identificare i pazienti che possono essere a rischio di CTEPH, in base a cronologia di DVT e dell'embolia polmonare ricorrente,„ il Dott. Bashir ha aggiunto.

Nei lavori futuri, il Dott. Bashir ed i colleghi pianificazione valutare il ruolo di altre ostruzioni venose pelviche in CTEPH. “Dato l'importanza dell'ostruzione venosa pelvica in DVT, sospettiamo che i siti di compressione del filone iliaco all'infuori del MTA sono cause supplementari di CTEPH,„ il Dott. Bashir abbiamo detto.

Source:
Journal reference:

Al-Otaibi, M., et al. (2021) May-Thurner Anatomy in Patients With Chronic Thromboembolic Pulmonary Hypertension: An Important Clinical Association. JACC: Cardiovascular Interventions. doi.org/10.1016/j.jcin.2021.06.042.