Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Modello matematico della medicina di Johns Hopkins per svolgere ruolo principale nella cessazione del HIV in tutta la nazione

Un modello matematico della nuova medicina di Johns Hopkins per predire come il virus dell'immunodeficienza umana (HIV) si sparge nelle aree urbane svolgerà un ruolo principale in un'iniziativa federale che mira a ridurre l'incidenza delle infezioni HIV negli Stati Uniti di 90% fra 2020 e 2030. Come componente della conclusione l'epidemia del HIV nel programma degli Stati Uniti (EHE), il modello sarà usata per prevedere l'incidenza del HIV in 32 città degli Stati Uniti quando applica gli interventi specifici per diminuire la trasmissione del virus.

In uno studio il 21 settembre pubblicato, 2021, negli annali di medicina interna, Anthony Todd Fojo, M.D., M.H.S. e colleghi descrive il loro modello, un algoritmo che divide la popolazione di ogni città in categorie di razza, di età, di sesso e di fattori di rischio del HIV e preventivi che il numero delle infezioni HIV si è associato con ciascuno.

Abbiamo calcolato il numero delle infezioni HIV per sottogruppo e poi abbiamo predetto che cosa probabilmente sarebbe accaduto se le città adottano gli interventi particolari.„

Anthony Todd Fojo, M.D., M.H.S.

Fojo dice che gli atti a livello urbano potenziali potrebbero comprendere la soppressione virale aumentante (diminuire il virus del HIV conta ad un livello inosservabile) fra la gente con il HIV, prova più frequente per diagnosticare il HIV e l'incoraggiamento dell'uso della profilassi dell'pre-esposizione (PrEP) - farmaci da vendere su ricetta medica che impediscono l'infezione HIV.

“Per alcune città, può avere più significato mettere a fuoco sull'ottenere il HIV della gente gestito. Per altri, può essere più importante incoraggiare i farmaci preventivi,„ Fojo dice. “Per raggiungere un rapporto di riproduzione nel corso dei 10 anni futuri, il modello di 90% predice che probabilmente catturerà una combinazione di entrambi, con la prova aumentata.„

Il modello descritto nel nuovo studio indica che se le tendenze correnti continuano, l'incidenza del HIV globalmente nelle 32 città potrebbe cadere da ora al 2030 da 19%. Con un aumento modesto in prova, in farmaci preventivi e nella migliore soppressione del virus attraverso la popolazione, quelle città hanno potuto migliorare quel risultato ad una riduzione tra compreso 34% e 67%.

Le previsioni dei cali nell'incidenza del HIV anche possono essere stimate per gli interventi in popolazioni specifiche.

Per esempio, il modello predice quello, se 25% di giovani uomini neri e ispani che fanno sesso con gli uomini usati si preparano e fossero provati due volte all'anno a più rapido identificano il HIV e 90% di quelli già con il HIV potrebbe raggiungere la soppressione virale, città potrebbe raggiungere un rapporto di riproduzione di 68% - di 13% dell'incidenza del HIV attraverso l'intera popolazione.

Quando gli interventi includono la gente che inietta le droghe e tutti gli uomini che fanno sesso con gli uomini, l'incidenza del HIV potrebbe essere diminuita da 48% a 90%. Tredici delle 32 città potrebbero raggiungere più di un rapporto di riproduzione di 90% dell'incidenza con gli interventi su grande scala che includono gli eterosessuali.

Fojo ed i suoi colleghi egualmente hanno sviluppato uno strumento di Web per aiutare le città per sviluppare le pianificazioni individualizzate. Dice spera che funzionari di salute pubblica usi questa risorsa per prendere le decisioni redditizie di intervento per le loro comunità.

Source:
Journal reference:

Fojo, A.T., et al. (2021) What Will It Take to End HIV in the United States? A Comprehensive, Local-Level Modeling Study. Annals of Internal Medicine. doi.org/10.7326/M21-1501.