Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli esperti nel WHO raccomandano il trattamento dell'anticorpo per due gruppi specifici di pazienti con covid-19

Un trattamento che combina due anticorpi (casirivimab e imdevimab) è raccomandato oggi per due gruppi specifici di pazienti con covid-19 da un gruppo del gruppo dello sviluppo (GDG) della linea guida del WHO degli esperti internazionali e di pazienti Nel BMJ.

I primi sono pazienti con covid-19 non severi che sono all'elevato rischio dell'ospedalizzazione ed il secondo è quelli con covid-19 severi o critici che sono sieronegativi, mfjtfning essi non ha montato la loro propria risposta dell'anticorpo a covid-19.

La prima raccomandazione è basata su nuova prova da tre prove che ancora non sono state il pari esaminato, ma indica che il casirivimab e il imdevimab probabilmente diminuiscono il rischio di ospedalizzazione e la durata dei sintomi in quelle all'elevato rischio della malattia severa, come unvaccinated, più vecchio, o pazienti immunosuppressed.

Questa seconda raccomandazione è basata sui dati dalla rappresentazione di prova di RIPRISTINO che il casirivimab e il imdevimab probabilmente diminuiscono le morti (che variano da 49 meno per 1.000 severamente nel malato a 87 meno criticamente nel malato) e l'esigenza di ventilazione meccanica in pazienti sieronegativi.

Per tutti i altri pazienti covid-19, tutti i vantaggi di questo trattamento dell'anticorpo sono improbabili da essere significativi.

Casirivimab e il imdevimab sono anticorpi monoclonali che una volta usati insieme legano alla punta SARS-CoV-2 la proteina, neutralizzante la capacità del virus di infettare le celle.

Le raccomandazioni fa parte di una linea guida vivente, sviluppato dall'organizzazione mondiale della sanità con il supporto metodologico delle fondamenta MAGICHE di ecosistema di prova, per fornire l'orientamento aggiornato e in maniera fidata sulla gestione di covid-19 e medici di guida prendono le migliori decisioni con i loro pazienti.

Le linee guida viventi sono utili nelle aree di ricerca rapide come covid-19 perché permettono che i ricercatori aggiornino riassunti precedentemente controllati ed il pari esaminati di prova mentre le nuove informazioni diventano disponibili.

Il comitato ha riconosciuto vari costati e le implicazioni delle risorse connesse con questo trattamento, che può fare l'accesso a sfidare dei paesi di reddito medio e di minimo. Per esempio, i test sierologici rapidi saranno necessari identificare i pazienti ammissibili che sono severamente malati, il trattamento devono essere dati per via endovenosa facendo uso della strumentazione dello specialista ed i pazienti dovrebbero essere riflessi per le reazioni allergiche.

Egualmente riconoscono la possibilità che le nuove varianti possono emergere in quali anticorpi del imdevimab e del casirivimab possono diminuire l'effetto.

Tuttavia, dicono dato i vantaggi dimostrati per i pazienti, “le raccomandazioni dovrebbero fornire uno stimolo per impegnare tutti i meccanismi possibili per migliorare l'accesso globale all'intervento ed alla prova associata.„

L'orientamento odierno aggiunge alle raccomandazioni precedenti per l'uso degli stampi del ricevitore interleukin-6 e dei corticosteroidi sistematici per i pazienti con covid-19 severo o critico; e contro l'uso del ivermectin e dell'idrossiclorochina in pazienti con covid-19 indipendentemente da severità di malattia.

Source:
Journal reference:

Rochwerg, B., et al. (2021) A living WHO guideline on drugs for covid-19. BMJ. doi.org/10.1136/bmj.m3379.