Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ritrovamenti di studio aumentano di uso della cannabis dalle donne incinte durante la pandemia

Un'analisi di Kaiser Permanente di più di 100.000 gravidanze nella California del Nord trova un aumento di 25% nella tariffa di uso della cannabis presto nella gravidanza dopo che la pandemia ha cominciato in primavera 2020.

L'analisi è stata riferita in una lettera della ricerca nell'emissione del 27 settembre del JAMA. Lo studio ha trovato quello durante l'anno prima della pandemia, 6,75% delle donne incinte stavano usando la cannabis nella gravidanza iniziale e durante la pandemia che la tariffa ha sollevato a 8,14% delle donne incinte.

Lo studio non ha determinato perché più donne incinte potrebbero usare la cannabis. “La nostra ricerca precedente ha indicato che la prevalenza e la frequenza di uso prenatale della cannabis sta aumentando col passare del tempo e che le donne incinte sono più probabili usare la cannabis se sono depresse, ansioso, o avvertire il trauma. È molto possibile che più donne incinte stiano usando la cannabis nel tentativo di auto-medicare queste emissioni durante la pandemia,„ ha detto l'autore principale Kelly Giovane-Wolff, il PhD, il MPH, uno psicologo clinico ed il ricercatore con la divisione di Kaiser Permanente della ricerca.

I mandati del casalingo, le preoccupazioni circa ottenere COVID-19, le sfide economiche, il carico aumentato di puericultura ed altri aspetti difficili della pandemia hanno potuto contribuire alle donne incinte che ritengono sollecitate e deprimenti durante questo tempo.„

Kelly Giovane-Wolff, PhD, MPH, autore principale

Lo studio ha esaminato le prove di tossicologia dell'urina per le cannabis dalla prima visita prenatale per 100.005 gravidanze (che fanno partecipare 95.412 donne) a Kaiser Permanente nella California del Nord dal gennaio 2019 al dicembre 2020, paragonando le prove positive nel periodo pre-pandemico di 15 mesi a quelle durante il periodo pandemico.

La tendenza sta interessando a causa dei rischi potenziali per i neonati quale peso alla nascita infantile basso e gli effetti neurodevelopmental potenziali sui bambini connessi con la cannabis prenatale usano, detto l'autore Lyndsay senior Avalos, il PhD, il MPH, un ricercatore alla divisione della ricerca. “Poichè la pandemia continua sarà importante identificare i sottogruppi di donne che sono più probabili da usare la cannabis durante la gravidanza in modo da possiamo fornire gli interventi mirati a.„

Per i clinici è egualmente importante discutere l'uso della cannabis con i loro pazienti. “Dobbiamo ottenere la parola fuori più efficacemente che la cannabis non è una scelta sana durante la gravidanza,„ abbiamo detto il co-author Deborah Ansley, il MD, Direttore medico regionale per il programma di salute prenatale di inizio iniziale di Kaiser Permanente. “Le donne possono provare a gestire i problemi dell'umore o di nausea presto nella gravidanza o possono continuare semplicemente un'abitudine da prima che siano diventato incinte. Clinici -; e la gente che lavora in dispensari della cannabis -; necessità di contribuire ad istruire le donne che durante la gravidanza dovrebbero astenersi da qualunque tipo di uso della cannabis a causa dei rischi sanitari potenziali ai loro bambini.„

La ricerca non si è differenziata fra i tipi di prodotti della cannabis usati o le concentrazioni di CBD o di THC usato dalle donne. Giovane-Wolff e Avalos abbia finanziamento dall'istituto nazionale su abuso di droga per effettuare la ricerca più approfondita e più a lungo termine su uso di vari tipi di prodotti della cannabis nella gravidanza ed il loro impatto sulla salubrità delle madri e dei bambini.

In un editoriale recente in rete di JAMA aperta, Giovane-Wolff e 2 colleghi egualmente ha evidenziato l'esigenza di accesso equo al trattamento complementare e nonpunitive di uso della sostanza ed ha raccomandato polizze legali e regolarici di proteggere gli infanti ed i bambini mentre non imponevano i carichi criminali o discriminatori alle comunità vulnerabili.

Source:
Journal reference:

Young-Wolff, K.C., et al. (2021) Rates of Prenatal Cannabis Use Among Pregnant Women Before and During the COVID-19 Pandemic. JAMA Network Open. doi.org/10.1001/jama.2021.16328.