Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La radiazione del petto dopo lumpectomy fa diminuire l'incidenza della ricorrenza ipsilateral del petto per DCIS “a basso rischio„

Un'analisi a lungo termine di seguito della prova ripartita con scelta casuale di NRG-RTOG 9804 ha indicato che il lumpectomy seguente di radiazione del petto diminuisce significativamente l'incidenza della ricorrenza ipsilateral del petto (IBR) per DCIS “a basso rischio„. NRG-RTOG 9804 è gli studi clinici intrapresi dall'oncologia nazionale del gruppo NRG della rete di test clinici dell'istituto nazionale contro il cancro. Questi risultati recentemente sono stati pubblicati in JCO.

NRG-RTOG 9804 ha iscritto e ripartito le probabilità su 636 donne fra dicembre 1999 e luglio 2006. L'età media dei partecipanti sulla prova aveva 58 anni e 76% dei pazienti sono stati considerati post-della menopausa all'entrata di studio. I pazienti sono stati ripartiti con scelta casuale ai gruppi del trattamento (RT) di radiazione o (OBS) di osservazione del petto. I pazienti nel gruppo di RT originalmente hanno ricevuto 50 GY in 25 frazioni o 50,4 GY in 28 frazioni finché un emendamento 2001 non permettesse 42,5 GY in 16 frazioni. Mg di tamoxifene 20 al giorno inizialmente è stato richiesto in entrambe le armi ma è diventato facoltativo nel 2001. Tutti i pazienti che hanno partecipato su NRG-RTOG 9804 hanno ricevuto la mammografia annuale ed hanno specificato gli intervalli clinici dell'esame. Per questa analisi, il tempo mediano di seguito era minuto-massimo 13,9 anni (: 0.01-20).

Nello studio di NRG-RTOG 9804, IBR era il punto finale primario. I punti finali secondari erano IBR dilaganti, eventi controlaterali del petto (CBEs), sopravvivenza (OS) globale e sana (DFS), metastasi distante (DM), mastetomia successiva (m) e la tossicità. Sia i punti finali primari che secondari sono stati misurati a partire dalla data di casualizzazione fin qui di seguito dell'ultimo o di ricorrenza per i pazienti. Questa analisi ha messo a fuoco sull'incidenza cumulativa a lungo termine di IBR. Lo studio ha supposto che la radiazione riducesse significativamente IBR da 6% a 3,5% (radiazione di rischio [ora], 0,58) a 5 anni, supponenti che la riduzione di IBR dal RT fosse più di meno delle prove precedenti che hanno compreso gli più alti gradi e le più grandi dimensioni di DCIS.

Con seguito a lungo termine, l'incidenza cumulativa di IBR è rimanere statisticamente significativamente più bassa con il RT, rispetto a OBS. A 10 e 15 anni, l'incidenza cumulativa di IBR con OBS era 9,2% (ci di 95%, 6,2 - 13,0) e 15,1% (ci di 95%, 10,8 - 20,2), rispettivamente ed era 1,5% (ci di 95%, 0,5 - 3,7) e 7,1% (ci di 95%, 4,0 - 11,5), rispettivamente, con il RT. I 10 e 15 l'incidenza dilagante di anno IBR, rispettivamente, era 0,4% (ci di 95%: 0,0, 1,9) e 5,4% (ci di 95%: 2,7, 9,5) con il RT; 4,3% (CI di 95%: 2,3, 7,2) e 9,5% (ci di 95%: 6,0, 13,9) con OBS (HR=0.44 [ci di 95%: 0,21, 0,91]; p=0.024. C'erano complessivamente 52 IBRs; 14 nel braccio di RT e 38 nel braccio di OBS. Non c'erano differenze statisticamente significative nella mastetomia (m), metastasi, (DM) complessive distanti (OS), o sopravvivenza sana (DFS) fra le due armi del trattamento. All'interno del braccio di RT, (> 90 giorni dall'inizio di trattamento) le tossicità recenti del grado 3 (dolore del petto, infarto congestivo/cardiomiopatia e ECG anormale) sono state riferite per 1% dei pazienti e di tutto il trattamento parte di destra-rivestito avuto. Non c'erano le tossicità recenti riferite dei gradi 4 o 5.

Poiché il rischio di IBR continua ad aumentare con almeno 15 anni, con radiazione che conferisce sia una mora che diminuzione in questo rischio, i dati presentati a supporto la decisione per curare i pazienti che desiderano minimizzare il loro IBR e specialmente il lungo termine di rischio di tumore invasivo. I fattori quali l'età, la speranza di vita e la volontà (se estrogeno ricevitore-positivo) catturare la terapia di antiestrogen dovrebbero essere presi in considerazione in questa decisione comune paziente-medico.„

Beryl McCormick, MD, del centro commemorativo del Cancro di Sloan Kettering e dell'autore principale del rapporto di lungo termine di NRG-RTOG 9804

Questo progetto è stato supportato dalle concessioni U10CA180868 (operazioni) di oncologia di NRG, U10CA180822 (oncologia sdmc), UG1CA189867 (NCORP) di NRG dall'istituto nazionale contro il cancro (NCI).

Source:
Journal reference:

McCormick, B., et al. (2021) Randomized Phase III Trial Evaluating Radiation Following Surgical Excision for Good-Risk Ductal Carcinoma In Situ: Long-Term Report. Journal of Clinical Oncology. doi.org/10.1200/JCO.21.01083.