Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Sud-est asiatico - un hotspot di molti virus con potenziale di causare le pandemie

Gli scienziati intorno al mondo conducono l'estesa ricerca per identificare e caratterizzare i virus per impedire le pandemie future. La pandemia in corso di malattia 2019 di coronavirus (COVID-19) è stata causata da un coronavirus novello chiamato sindrome respiratorio acuto severo coronavirus-2 (SARS-CoV-2).

Fin qui, COVID-19 ha reclamato più di 4,76 milione vite ed ha causato le perdite economiche massicce intorno al mondo. Di conseguenza, è estremamente importante identificare continuamente i virus con il potenziale di causare le pandemie.

https://www.nature.com/articles/d41586-021-02596-2Studio: I parenti conosciuti più vicini del virus dietro COVID-19 hanno trovato nel Laos. Credito di immagine: Martin Pelanek/Shutterstock.com

Nuovi virus simili a SARS-CoV-2

Un nuovo studio rivela che gli scienziati hanno trovato tre virus in pipistrelli nel Laos che esibiscono le simili caratteristiche come SARS-CoV-2. Questi virus sono stati scoperti da Marc Eloit, un virologo al Pasteur Institute a Parigi ed i suoi colleghi in Francia e nel Laos.

In questo studio, i ricercatori hanno raccolto la saliva, feci ed i campioni di urina da tre specie del pipistrello di Rhinolophus dentro frana il Laos del Nord. I ricercatori hanno rivelato che questi virus sono stati trovati per essere 95% identici a SARS-CoV-2 e sono stati nominati BANAL-52, BANAL-103 e BANAL-236.

Eloit ed il suo gruppo dei ricercatori egualmente hanno indicato il modo in cui i domini dell'ricevitore-associazione (RBD) dell'attaccatura recentemente trovata dei virus al ricevitore dell'enzima di conversione dell'angiotensina 2 (ACE2) in cellule umane è simili a quello di alcune delle varianti iniziali di SARS-CoV-2. Hanno coltivato BANAL-236 in celle e sono pianificazione per determinare la sua patogenicità facendo uso dei modelli animali.

Prova dell'origine naturale di SARS-CoV-2

La similarità parziale nelle sequenze genetiche di questi virus rinforza la credenza che SARS-CoV-2 ha un'origine naturale e non è sfuggito a dai laboratori. La conoscenza dell'esistenza di numerosi virus che possono infettare gli esseri umani ha consolidato il timore fra la gente.

David Robertson, un virologo all'università di Glasgow, specificata che questo che trova “sta affascinando ed abbastanza terrificante.„ Il la maggior parte riguardo all'aspetto di questi virus è che hanno simile RBDs al SARS-CoV-2; quindi, possono infettare le cellule umane. Nel caso di SARS-CoV-2, il RBD lega con ACE2 della cellula ospite per stabilire l'infezione.

Edward Holmes, un virologo all'università di Sydney in Australia anche spiegato perché la gente ha speculato che SARS-CoV-2 era stato creato in laboratorio. Ha detto inizialmente quando questo virus è stato ordinato, ricercatori ha trovato che il RBD non è sembrato esperto; quindi, l'idea di SARS-CoV-2 che è creato in laboratorio ha cominciato a guadagnare la protuberanza.

Tuttavia, le similarità genomiche fra i coronaviruses del Laos discussi qui e il SARS-CoV-2 sfidano questa idea e confermano che SARS-CoV-2 è esistito in natura. Ciò che trova egualmente ha convinto altri ricercatori compreso Linfa Wang, un virologo a Duca-NUS facoltà di medicina a Singapore, circa l'origine naturale di SARS-CoV-2.

Alice Latinne, un biologo evolutivo alla società di conservazione della fauna selvatica del Vietnam a Hanoi, specificata che molti studi sono disponibili che sono associati con la scoperta di SARS-CoV-2 sforza in Tailandia, in Cambogia ed il Yunnan in Cina del sud. Di conseguenza, ha suggerito che Sud-est asiatico fosse “un hotspot di diversità per i virus riferiti SARS-CoV-2.„

Un altro virus strettamente connesso a SARS-CoV-2 che è stato scoperto durante l'anno prima è RaTG13. Questo virus egualmente è stato trovato in pipistrelli nel Yunnan con similarità globale 96,1% con SARS-CoV-2.

Gli scienziati hanno sostenuto che questi due virus potrebbero dividere gli antenati comuni 40-70 anni fa. Lo studio corrente ha trovato che BANAL-52 e SARS-CoV-2 dividono una similarità globale di 96,8%.

Generalmente, i virus operazione swap i segmenti dell'acido ribonucleico (RNA) tra loro con un trattamento conosciuto come la ricombinazione. La ricombinazione in virus accade abbastanza frequentemente, tali che le componenti differenti del genoma contengono i dati storici evolutivi differenti. Secondo Spyros Lytras, un virologo evolutivo all'università di Glasgow, un segmento del genoma BANAL-103 e BANAL-52 potrebbero essere divisi con il genoma SARS-CoV-2 di meno che una decade fa.

Ricerca di futuro e di conclusione

L'aspetto più importante dello studio presente è che ha fornito le comprensioni nelle origini della pandemia in corso COVID-19. Tuttavia, ci sono alcune domande senza risposta.

I virus del Laos mancano del sito di fenditura di furin sulla proteina della punta, che assiste l'invasione di SARS-CoV-2 e di altri coronaviruses nelle cellule umane. Un altro anello mancante è a come il progenitore di SARS-CoV-2 potrebbe raggiungere Wuhan in Cina centrale, in cui questo virus in primo luogo è stato riferito. Quindi, gli scienziati devono più ulteriormente chiarire come questo virus ha raggiunto Wuhan via gli animali intermedi.

Recentemente, una nuova pubblicazione della pubblicazione preliminare è stata rilasciata sul quadrato della ricerca, che ha campionato intorno 13.000 pipistrelli fra 2016 e 2021 in Cina ed ha concluso che i coronaviruses dai pipistrelli sono rari in questa nazione. L'autore corrispondente di questo studio rifiutato per rispondere alle domande della natura circa i risultati, come loro studio è ancora allo studio. Secondo Wang, entrambi gli studi hanno potuto essere estremamente importanti da fare luce sulle origini della pandemia in corso.

Journal reference:
Dr. Priyom Bose

Written by

Dr. Priyom Bose

Priyom holds a Ph.D. in Plant Biology and Biotechnology from the University of Madras, India. She is an active researcher and an experienced science writer. Priyom has also co-authored several original research articles that have been published in reputed peer-reviewed journals. She is also an avid reader and an amateur photographer.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Bose, Priyom. (2021, September 28). Sud-est asiatico - un hotspot di molti virus con potenziale di causare le pandemie. News-Medical. Retrieved on December 01, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20210928/Southeast-Asia-A-hotspot-of-many-viruses-with-potential-to-cause-pandemics.aspx.

  • MLA

    Bose, Priyom. "Sud-est asiatico - un hotspot di molti virus con potenziale di causare le pandemie". News-Medical. 01 December 2021. <https://www.news-medical.net/news/20210928/Southeast-Asia-A-hotspot-of-many-viruses-with-potential-to-cause-pandemics.aspx>.

  • Chicago

    Bose, Priyom. "Sud-est asiatico - un hotspot di molti virus con potenziale di causare le pandemie". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20210928/Southeast-Asia-A-hotspot-of-many-viruses-with-potential-to-cause-pandemics.aspx. (accessed December 01, 2021).

  • Harvard

    Bose, Priyom. 2021. Sud-est asiatico - un hotspot di molti virus con potenziale di causare le pandemie. News-Medical, viewed 01 December 2021, https://www.news-medical.net/news/20210928/Southeast-Asia-A-hotspot-of-many-viruses-with-potential-to-cause-pandemics.aspx.