Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La nuova analisi rivela le chiare differenze fra i profili molecolari di 3D e le 2D celle coltivate

Oncotarget ha pubblicato “il proteomics microsomico comparativo di una linea cellulare di modello NCI-H23 del cancro polmonare rivela le chiare differenze fra i profili molecolari di 3D e le 2D celle coltivate„ che hanno riferito quella per accertare delle differenze fenotipiche fra questi due stati distinti della cultura, questi autori hanno effettuato un'analisi proteomic comparativa di una frazione della membrana ottenuta dalla linea cellulare NCI-H23 NSCLC del modello di 2D-cultured e di 3D-.

Questa analisi ha rivelato una mappa di 1.166 specie della proteina regolamentate nel modo dipendente della cultura, compreso il regolamento differenziale di un sottoinsieme alle delle molecole basate a superficie del CD delle cellule. Hanno confermato l'espressione esclusiva di CD99, di CD146 e di CD239 nella cultura 3D.

Il carcinoma del polmone è il cancro più micidiale negli Stati Uniti ed universalmente.

Dott. Josip Blonder, laboratorio nazionale di Frederick per ricerca sul cancro

Nel 2019, l'associazione del cancro americana ha riferito 142.670 morti dal cancro polmonare negli Stati Uniti. Il cancro polmonare pregiudica ugualmente gli uomini e le donne, con un tasso di sopravvivenza quinquennale globale di 19%. Istologicamente, 80-85% di tutti i casi appartiene al cancro polmonare della non piccolo cella. Il modulo più comune di NSCLC è l'adenocarcinoma del polmone.

Malgrado l'estesa ricerca e gli investimenti economici, circa 95% di nuove droghe contro carcinoma del polmone finalmente vengono a mancare nei test clinici. Le culture in vitro bidimensionali aderenti delle linee cellulari umane del cancro sono il modello preclinico di prova di sostegno utilizzato nello sviluppo della droga del cancro polmonare e scoperta. In tumori solidi, tuttavia, le cellule tumorali si sviluppano in un ambiente tridimensionale. Ciò rende le 2D celle coltivate incapaci vero di riprodurre la proliferazione, la migrazione e/o la permeazione naturali della droga che ha luogo nel loro ambiente innato 3D.

Per aggirare questa imperfezione, la cultura di cellula tumorale 3D è stata proposta come modello preclinico più accurato/più pertinente di prova, non solo biomeccanico ma anche al genoma, al proteome ed al livello del metabolome. Questo approccio egualmente crea una via verso lo sviluppo di un atlante preclinico che descrive i profili molecolari delle linee cellulari sviluppate nel 2D contro 3D, informazioni che sono irritato necessarie esattamente riflettono lo sviluppo della droga. A proteomics basato a sig.ra contemporaneo rappresenta una tecnologia potente capace di rivelare le alterazioni nell'espressione/regolamento del livello della proteina e cambia nelle modifiche post-di traduzione connesse con la valutazione preclinica della droga.

Ancora, il fenotipo molecolare differenziale di un proteome della membrana della linea cellulare di NSCLC sviluppato nel 2D contro 3D-culture ancora sta mancando.

Il gruppo di ricerca più biondo ha concluso nel loro output della ricerca di Oncotarget che le celle NCI-H23 harbors il mutante omozigotico di KRas4BG12C e potrebbero essere usate come modello preclinico di NSCLC per le prove degli inibitori covalenti allele-specifici che legano alla cisteina alla posizione 12 del mutante di G12C KRas4B. D'importanza, l'approccio attuale tiene conto proteoform- diretto e la quantificazione allele-specifica dei cambiamenti nel regolamento mutante di KRasG12C e di KRasWT e può essere impiegato facilmente nelle risposte di misura agli inibitori covalenti allele-specifici o a tutti i altri composti terapeutici che pregiudicano l'espressione di Ras.

Il proteomics del fucile da caccia è egualmente favorevole alla quantificazione senza anticorpo assoluta delle isoforme di Ras facendo uso degli standard trittici isoforma-specifici pesanti sintetici per il video parallelo LC MS basato della reazione, questi autori del peptide precedentemente descritti mirando al ricevitore xenotropic e politropico 1 del retrovirus in una miscela complessa della proteina della membrana.

Source:
Journal reference:

Kaczmarczyk, J. A., et al. (2021) Comparative microsomal proteomics of a model lung cancer cell line NCI-H23 reveals distinct differences between molecular profiles of 3D and 2D cultured cells. Oncotarget. doi.org/10.18632/oncotarget.28072.