Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il SIG. studio non trova nesso causale fra l'età a menarca o l'età a menopausa ed al rischio di Alzheimer

Gli Invecchiamento-STATI UNITI hanno pubblicato “il ruolo dell'età a menarca e dell'età a menopausa nel morbo di Alzheimer: la prova studio d'osservazione precedente da un endogeno mendeliano bidirezionale di casualizzazione„ che ha riferito che l'associazione fra l'esposizione dell'estrogeno ed il morbo di Alzheimer rimane inconcludente negli studi e pochi studi mendeliani di casualizzazione ha messo a fuoco sulla loro causalità finora.

Il SIG. le analisi ha indicato la relazione causale non significativa fra l'età geneticamente risoluta a menarca o l'età a menopausa ed al rischio dell'ANNUNCIO. Al contrario, un'associazione inversa è stata individuata fra l'età a menarca e l'indice di massa corporea.

Come le età della popolazione, quasi 115,4 milione di persone universalmente avranno demenza da ora al 2050, con la causa principale che è morbo di Alzheimer.„

Dott. Zengnan Mo, centro per medicina genomica e personale, università medica del Guangxi

Considerevolmente, le donne hanno un maggior rischio di vita più di di 55% di ANNUNCIO all'età 65 che gli uomini e costituiscono due terzi delle casse dell'ANNUNCIO di manifestazione tardiva. Negli ultimi anni, le ormoni sessuali, particolarmente estrogeno, hanno guadagnato l'attenzione aumentante perché raccogliere la prova basata sulla popolazione ha proposto un ruolo protettivo per la terapia di sostituzione di ormone esogena nella progressione conoscitiva di demenza e di declino in femmine postmenopausali. Per esempio, un grande, diverso studio di gruppo ha indicato che il menarca in ritardo ha aumentato il rischio di demenza, ma questa associazione è scomparso dopo avere registrato per ottenere i fattori di rischio del riferimento di demenza in altri studi.

Similmente, i preventivi contradditori hanno variato da una demenza o da un rischio elevata modesta dell'ANNUNCIO con l'inizio iniziale di menopausa naturale ad un'associazione inversa o un'intera perdita di prova statistica.

Poichè le varianti genetiche sono assegnate a caso ai tempi della concezione e sono relativamente indipendenti dai fattori di stile di vita ed ambientali, i fattori tipici di confusione o la causa inversa limitati dagli studi d'osservazione potrebbero attenuarsi meglio. Tuttavia, il SIG. l'analisi può fornire la prova indiretta per un'associazione causale che conta sui seguenti tre presupposti che di memoria il IVs dovrebbe robusto essere correlato con l'esposizione il IVs dovrebbe essere indipendente da tutti i confounders dell'associazione di esposizione-risultato l'influenza di IVs il rischio di risultato soltanto con l'esposizione, piuttosto che qualunque vie alternative.

Il gruppo di ricerca di Mo conclusivo nel loro output della ricerca Invecchiamento-STATI UNITI, “il nostro SIG. bidirezionale studio non ha fornito prova per un effetto causale dell'età geneticamente risoluta a menarca o dell'età a menopausa su predisposizione dell'ANNUNCIO, o vice versa. Al contrario, il menarca più in anticipo ha potuto essere associato con il più alto adulto BMI. Ulteriori studi che combinano i diversi dati epidemiologici e genetici sono autorizzati per convalidare e ripiegare questi risultati.„

Source:
Journal reference:

Li, M., et al. (2021) The role of age at menarche and age at menopause in Alzheimer’s disease: evidence from a bidirectional mendelian randomization study. Aging-US. doi.org/10.18632/aging.203384.