Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I pazienti neri di NSCLC che ricevono l'immunoterapia hanno più a basso rischio della morte che le controparti bianche

I pazienti neri del Non Latino-americano con il non piccolo cancro polmonare delle cellule (NSCLC) che sono stati curati con immunoterapia hanno avuti un più a basso rischio della morte che le loro controparti bianche del non Latino-americano trattate con immunoterapia, secondo i risultati presentati alla conferenza virtualeth di 14 AACR sulla scienza delle disparità di salubrità del Cancro in razziale/minoranze etniche e medicamente nel Underserved, tenuta 6-8 ottobre 2021.

I nostri risultati indicano che quando la gente riceve la cura appropriata, migliorano. Dobbiamo rimuovere le barriere al trattamento d'accesso di qualità per assicurarci che ognuno ricevi la migliore cura disponibile.„

Tomi Akinyemiju, PhD, professore associato nelle scienze di salubrità della popolazione, duca Cancer Institute e autore principale dello studio

Sebbene le disparità del cancro polmonare fra gli Americani in bianco e nero stiano diminuendo, gli uomini di colore sono ancora più probabili morire dal cancro polmonare che gli uomini bianchi. Le ragioni per questa disparità comprendono le differenze biologiche che pregiudicano la progressione di malattia e la risposta del trattamento come pure l'accesso alle cure differenziale. Le emissioni quale alto costo, mancanza di accesso ai centri medici accademici e la diffidenza in fornitori di cure mediche contribuisce a queste lacune, Akinyemiju hanno detto.

“Sappiamo che i pazienti afroamericani sono più probabili essere diagnosticati nelle fasi avanzate confrontate ai pazienti bianchi, contribuenti alla sopravvivenza più difficile. Poiché l'immunoterapia è utilizzata tipicamente nelle fasi avanzate, abbiamo voluto capire le differenze di sopravvivenza tramite la corsa dopo la ricevuta di immunoterapia in particolare,„ ha detto il primo autore dello studio, Anjali Gupta.

Negli ultimi anni, immunoterapie; quali gli anticorpi che mirano alle proteine immuni PD-1 e PD-L1- del controllo; è emerso come un trattamento di standard-de-cura per NSCLC avanzato. La relazione sullo stato di avanzamento di 2020 di AACR disparità del Cancro, tuttavia, risultati misti trovati circa se gli afroamericani erano ugualmente probabili ricevere il trattamento di immunoterapia come Americani bianchi. Akinyemiju ed i colleghi hanno progettato il loro studio per gestire per le emissioni in relazione con l'Access limitando la loro popolazione di studio ai pazienti che già avevano ricevuto l'immunoterapia.

“Abbiamo voluto vedere se, fra la gente che ha avuta accesso ad immunoterapia, le disparità fra i pazienti in bianco e nero hanno persistito, o se si sono attenuati,„ Akinyemiju ha detto. “Se persistessero, potrebbe potenzialmente significare che il trattamento non ha funzionato pure nei gruppi sicuri della popolazione, ma se si attenuassero, supporterebbe l'idea che l'accesso è una grande emissione.„

I ricercatori hanno ottenuto i dati dal database del Cancro del cittadino 2016 su 3.068 pazienti con NSCLC avanzati che sono stati trattati con immunoterapia. Dopo avere registrato i dati di sopravvivenza per ottenere i fattori sociodemografici; quali l'età, il sesso, la posizione ed il reddito; così come le caratteristiche del tumore ed il tipo di trattamento ricevuto, i ricercatori hanno trovato che i pazienti neri del non Latino-americano hanno avuti i 15 per cento più a basso rischio della morte che i pazienti di bianco del non Latino-americano.

Akinyemiju ed i colleghi egualmente hanno studiato i risultati nei gruppi specifici conosciuti per avere accesso alle cure limitato, vale a dire pazienti che vivono nelle aree impoverite ed in quelle con gli stati di salute di preesistenza. “La gente che è più sana può in media essere offerta le opzioni più aggressive del trattamento perché possono resistere ai rigori ed agli effetti secondari di queste terapie,„ Akinyemiju ha detto. “Se gli afroamericani, hanno in media più comorbidities, possono essere meno probabili essere offerto l'immunoterapia.„

Tuttavia, i dati hanno indicato che i destinatari neri di immunoterapia del Non Latino-americano che vivono nelle contee nei due quartili più bassi di reddito mediano hanno avuti i 18 per cento più a basso rischio della morte che i destinatari bianchi di immunoterapia del non Latino-americano allo stesso livello di reddito. Similmente, fra le persone immunoterapia-trattate con almeno un comorbidity, i pazienti neri hanno sperimentato i 24 per cento più a basso rischio della morte che i pazienti bianchi. Akinyemiju ha suggerito che, come la gente con gli stati di salute di fondo è omessa spesso dai test clinici, questo potrebbe presentare un'area possibile per intervento.

“Assicurarsi ognuno ha accesso ai migliori impianti e fornitori del trattamento in modo da possono trarre giovamento dalle terapie innovarici approfondite saranno essenziali per diminuire il carico del cancro,„ Akinyemiju ha aggiunto.

Le limitazioni di questo studio comprendono una mancanza di dati su stato di fumo, che è un fattore di rischio significativo per NSCLC come pure di dati limitati sui tipi e di severità dei comorbidities usati per stratificare i dati.

Questo studio è stato costituito un fondo per dalla scuola di medicina di Duke University. Akinyemiju e Gupta non riferiscono conflitti di interessi.