Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio analizza i livelli di sforzo di lavoratori di sanità durante la pandemia

I lavoratori di sanità, le donne ed il minorenne 50 della gente hanno sperimentato particolarmente gli alti livelli dello sforzo durante la prima onda della pandemia COVID-19, secondo un 6 ottobre pubblicato nuovo studio nel giornale PLOS UNO di aperto Access da Sebastien Couarraze dell'ospedale universitario di Tolosa, della Francia e dei colleghi.

La pandemia COVID-19 è stata la causa di considerevole sforzo per la gente intorno al globo. I lavoratori di sanità, compreso il personale paramedico, sono stati sui fronti durante questa crisi di salubrità. Molti studi hanno messo a fuoco sullo sforzo e sulla preoccupazione dei professionisti di sanità durante questo tempo ma meno studi hanno confrontato relativamente lo sforzo dei medici al personale paramedico o completamente hanno valutato altri fattori di rischio per lo sforzo.

Nel nuovo studio, Couarraze ed i colleghi hanno usato i dati da COVISTRESS, un questionario internazionale distribuito online che ha raccolto le informazioni demografiche e in relazione con lo sforzo durante la pandemia. I ricercatori hanno analizzato 10.051 lavoratore; compreso i lavoratori 1379 di sanità, 631 medico ed il personale paramedico 748; da 44 paesi che hanno completato l'indagine da gennaio al giugno 2020.

I livelli di sforzo durante la prima onda della pandemia; su un disgaggio di analogo visivo da 0 a 100-; era 57,8 il ± 33 nell'intero gruppo, 65,3 ± 29,1 in medici e 73,6 ± 27,7 in personale paramedico. I professionisti di sanità hanno dimostrato un rischio aumentato di livelli elevati molto di sforzo (oltre 80 sul disgaggio) confrontati ad altri lavoratori (OR=2.13, ci 1.87-2.34 di 95%) ed il rischio per lo sforzo molto alto era più alto per il personale paramedico che medici (1,88, 1.50-2.34). Attraverso le occupazioni, il rischio di sforzo molto alto egualmente è stato trovato per essere aumentato di donne confrontate agli uomini (1,83, 1.61-2.09, p<0.001) e quel il minorenne 50 ha confrontato agli adulti più anziani (1,45, 1.26-1.66, p<0.001). Gli autori dicono che continuare a riflettere lo sforzo relativo al lavoro ed il suo effetto sui lavoratori di sanità è cruciale per la progettazione post-pandemica.

Gli autori aggiungono: “La crisi di salubrità causata da Covid-19 è senza precedenti in cronologia di salubrità. Gli effetti sui lavoratori ed in particolare ai loro livelli di sforzo devono essere esplorati per stabilire le misure preventive appropriate. I risultati del nostro studio indicano che i lavoratori sono stati influenzati specialmente e che i professionisti di sanità sono stati il più commovente. Fra i professionisti del settore medico-sanitario, gli infermieri in particolare hanno avuti molto alti livelli dello sforzo.„

Source:
Journal reference:

Couarraze, S., et al. (2021) The major worldwide stress of healthcare professionals during the first wave of the COVID-19 pandemic – the international COVISTRESS survey. PLOS ONE. doi.org/10.1371/journal.pone.0257840.