Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio identifica i fattori che fanno il transessuale, adulti espansivi di genere di più o meno probabilmente a fumo

Mentre le tariffe del tabagismo fra gli adulti negli Stati Uniti sono diminuito significativamente durante i parecchi decenni passati, le disparità di uso del tabacco rimangono fra alcuni gruppi della popolazione e sproporzionatamente membri di influenza di comunità vulnerabili.

Un tale gruppo è adulti espansivi di genere e del transessuale (TGE), che sono due volte probabili fumare le sigarette che le persone del cisgender. Mentre la ricerca suggerisce che, dato le risorse appropriate e le opportunità, i fumatori di TGE siano altrettanto probabili volere terminare come fumatori del cisgender, gli efficaci interventi di cessazione mirati a agli adulti di TGE sono rimanere sottosviluppati.

Un nuovo studio di ricerca piombo da Andy Tan del banco di Annenberg della comunicazione agli obiettivi dell'università della Pennsylvania per contribuire a colmare questa lacuna. Lo studio ha identificato i fattori che fanno gli adulti di TGE di più o meno probabilmente a fumo, allo scopo a lungo termine di diminuire l'uso del tabacco e le disparità relative di salubrità fra le popolazioni di TGE.

Abbronzi ed i suoi colleghi hanno utilizzato un approccio a livello comunitario che ha fatto partecipare i partecipanti negli aspetti della ricerca compreso la raccolta di dati, l'analisi e l'interpretazione; quindi autorizzando le persone di TGE per lavorare con il gruppo per capire i fattori che influenzano le loro abitudine di fumare e per contribuire ad informare gli interventi futuri.

Il disegno della ricerca qualitativo unico dello studio ha combinato le metodologie compreso le discussioni di gruppo di controllo ed i gruppi sociali privati di media come pure un più nuovo approccio: raccolta di dati digitale di photovoice.

Con l'approccio di photovoice, i partecipanti hanno utilizzato i loro telefoni per catturare le foto dal momento che hanno ritenuto avviati per fumare, o qualcosa le ha impedite farlo. Ciò sta al contrario, Tan dice, alle indagini tradizionali durante cui la gente può essere chiesta di ricordare le loro esperienze a partire da una settimana, da un mese, o persino da un anno fa. Photovoice ha permesso al gruppo di spigolare una rappresentazione visivamente ricca, connettiva, in tempo reale delle esperienze dei partecipanti.

I partecipanti poi hanno diviso quelle foto nei piccoli, gruppi privati di Facebook, che Tan dice molti trovati piacevoli ed affermando.

“Quando abbiamo progettato lo studio, siamo stati interessati che sarebbe oneroso e pesante per i partecipanti,„ diciamo Tan. “Ma i nostri 47 partecipanti che hanno terminato lo studio ci hanno dato il feedback positivo. Hanno goduto di di essere co-creatori di conoscenza.„

Combinato con le trascrizioni del gruppo di controllo, i ricercatori hanno analizzato le foto ed i titoli per generare i temi connessi con il rischio di fumo ed i fattori protettivi. Hanno identificato sei temi importanti: esperienza nello sforzo, nell'affermazione di genere, nella coscienza di salubrità, nelle influenze sociali, nei comportamenti sistematici e nelle indicazioni ambientali.

I temi sempre non sono stati divisi ordinatamente nel rischio o nei fattori protettivi. Per esempio, essere affermazione di genere ha potuto dare ad una persona la fiducia per non fumare. Allo stesso tempo, qualcuno che identifichi maschile può volere prendere una sigaretta come affermazione di questa identità.

“Molti di questi fattori di rischio non possono sembrare troppo differenti dalle esperienze o fattori di sforzo fra i fumatori del cisgender,„ dice Tan, “ma fra gli adulti di TGE, queste esperienze stressanti sono molto più frequenti.„

I partecipanti di TGE egualmente hanno sperimentato i fattori di sforzo di minoranza di genere compreso il transphobia interiorizzato, la violenza fondata sul sesso, la distinzione ed i marchi di infamia. I partecipanti di studio hanno richiamato le istanze di essere misgendered nel loro posto di lavoro, al banco ed in pubblico. Un partecipante ha condiviso un'esperienza fisicamente in assalto da uno sconosciuto sulla via come conseguenza del loro aspetto.

“Queste sono esperienze realmente traumatiche e fattori di rischio importanti per il fumo all'interno di questa popolazione che sono certamente in aggiunta alle esperienze stressanti fumatori del cisgender che sta sperimentando,„ dice Tan, che è Direttore del laboratorio di comunicazione e di azione ordinaria di salubrità a Annenberg.

I risultati dello studio saranno usati per contribuire a progettare il messaggio culturalmente sensibile per promuovere fumare la cessazione fra le persone di TGE con i media sociali. I dati e le lezioni derivati da questo lavoro egualmente informeranno la ricerca più ancora comunità-impegnata, in cui i partecipanti di studio serviranno da collaboratori su nuovo, approcci culturalmente rispondenti. Il gruppo sta cercando il finanziamento per uno studio continuato e triennale che svilupperà un intervento diretto alle persone di TGE.

Source:
Journal reference:

Tan, A. S. L, et al. (2021)Smoking Protective and Risk Factors Among Transgender and Gender-Expansive Individuals (Project SPRING): Qualitative Study Using Digital Photovoice. Journal of Medical Internet Research. doi.org/10.2196/27417.