Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La biopsia liquida permette all'identificazione in anticipo e accurata dei pazienti di cancro al seno con la prognosi difficile

La biopsia liquida può contribuire ad identificare più presto e più esattamente i pazienti di cancro al seno con una prognosi difficile di prima, un nuovo studio dall'università di manifestazioni orientali dell'ospedale universitario di Kuopio e della Finlandia. I risultati sono stati pubblicati nei Cancri pari-esaminati del giornale.

La biopsia liquida fornisce un'alternativa alla biopsia tradizionale

La prognosi di cancro al seno ha continuato a migliorare in paesi occidentali. In Finlandia, per esempio, quasi 90% dei pazienti di cancro al seno sono vivi dopo cinque anni di loro diagnosi del cancro al seno. Tuttavia, ci sono differenze significative nella prognosi dei sottotipi differenti di cancro al seno ed il cancro al seno finalmente ricorre in circa 20-30% dei pazienti. L'identificazione dei pazienti con una prognosi difficile dalla grande massa dei pazienti più presto e più esattamente di prima è chiave a diminuire la mortalità del cancro al seno.

La biopsia liquida è stata proposta come strumento possibile per la schermatura dei pazienti di cancro al seno con una prognosi difficile. Alla sua migliore, biopsia liquida utilizzare gli indicatori di circolazione rilasciati dalle cellule tumorali può dare una maschera più completa del tumore del cancro. Può anche contribuire ad identificare le caratteristiche di cancro al seno che ha una prognosi difficile, che sarebbe trascurata con i metodi tradizionali dell'analisi.

Ad alta integrazione di fare circolare il DNA è associato con una prognosi difficile

Lo studio ha studiato l'integrità di fare circolare il DNA senza cellula (cfDNA) nei pazienti di cancro al seno e l'associazione di questa integrità con la prognosi del cancro al seno.

“Ad alta integrazione è stato trovato per associarsi con una prognosi difficile ed essere un indipendente prognostico di fattore dai fattori prognostici tradizionali,„ dice Maria Lamminaho, Lic. Med., il primo autore dello studio.

“È stato conosciuto che l'integrità di cfDNA è più alta nei pazienti di cancro al seno che nei comandi sani o in pazienti con i tumori benigni del petto,„ dice Hanna Peltonen, il PhD, uno degli autori.

“Tuttavia, l'associazione di integrità del cfDNA con la prognosi del cancro al seno è stata studiata considerevolmente di meno ed il nostro studio fornisce la prova supplementare tanto necessaria dell'esistenza di questa associazione,„ Peltonen dice.

Lo studio ha utilizzato gli estesi dati pazienti dal progetto del cancro al seno di Kuopio (KBCP) lanciato negli anni 90, che hanno permesso ad un'analisi più completa della sopravvivenza dei pazienti che gli studi precedenti.

I pazienti nel KBCP sono stati riflessi per quasi tre decadi, che è un periodo particolarmente lungo di seguito anche tramite il confronto internazionale. Egualmente fornisce le fondamenta eccellenti per la valutazione della prognosi a lungo termine della sopravvivenza dei pazienti.„

Hanna Peltonen, PhD

Verso una prognosi più accurata in una fase precedente

I risultati sono particolarmente interessanti perché lo studio ha messo a fuoco sui pazienti di cancro al seno di cui la prognosi era buona una volta misurata sui fattori prognostici tradizionali. Per esempio quando analizza l'integrità del cfDNA di un gruppo di pazienti di cancro al seno positivi del ricevitore dell'estrogeno - di cui la prognosi è considerata generalmente come buona - i ricercatori potevano distinguere un gruppo di pazienti di cui la prognosi era significativamente peggiore del resto del gruppo.

“I nostri risultati indicano che insieme ai fattori prognostici tradizionali, misurare l'integrità di cfDNA può in futuro aiutarci ad identificare più presto e più esattamente i pazienti di cancro al seno con una prognosi difficile di prima. Ciò permetterebbe i pazienti che richiedono più terapia intensiva essere collocato nell'ambito di cura intensificata e riflettendo più presto,„ il professor Arto Mannermaa dice.

Source:
Journal reference:

Lamminaho, M., et al. (2021) High Cell-Free DNA Integrity Is Associated with Poor Breast Cancer Survival. Cancers. doi.org/10.3390/cancers13184679.