Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori identificano il nuovo biomarcatore per COVID-19 severo

Durante la pandemia, è diventato sempre più evidente che la gente con la malattia cardiovascolare e l'obesità è ad un elevato rischio molto di sviluppo molto severo, anche malattia interna COVID-19. I ricercatori a Karolinska Institutet in Svezia hanno identificato alcuni trattamenti metabolici che SARS-CoV-2 usa per attaccare il tessuto polmonare. I risultati, che sono pubblicati in Proteomics molecolare & cellulare, potrebbero l'un giorno essere usati per trattare COVID-19 e potenzialmente per altri virus come il virus ed il HIV-1 di febbre emorragica del Della Crimea-Congo.

La pandemia della corona, causata dal virus SARS-CoV-2, ha provocato una crisi di salubrità globale seria ed in corso. La maggior parte della gente che si ammala con la malattia si sviluppa delicato per moderare i sintomi; tuttavia, i pazienti con i disordini metabolici quali il diabete, le malattie cardiovascolari e l'obesità sono all'elevato rischio della malattia seria.

Tutti i virus si spargono “trasportando sulle spalle„ sulle sostanze e sui trattamenti che sono vitali all'approvvigionamento di energia cellulare, le vie metaboliche, in un organismo attaccato o in altri organismi.

Le indagini dal vivo che sono state fatte sui pazienti COVID-19 durante la pandemia indicano una correlazione fra la severità di malattia ed il disordine metabolico con gli alti livelli dei lipidi (grassi) nel sangue. Allo stesso tempo, il metabolismo è un trattamento altamente determinato ed è influenzato col passare del tempo dai fattori multipli, compreso l'età, il sesso, la dieta e lo stile di vita.

I ricercatori a Karolinska Institutet ora hanno esaminato quali parti dell'approvvigionamento di energia delle cellule sono particolarmente importanti a SARS-CoV-2 e come pregiudicano la severità della malattia.

Il virus del covid già è conosciuto per usare la via metabolica AKT/mTOR/HIF-1. Il nuovo studio complementa questa comprensione.

I ricercatori hanno scoperto che la glicolisi e il glutaminolysis sono le vie metaboliche che il virus “preferisce„ quando attacca i polmoni. Entrambi sono trattamenti chiave nell'approvvigionamento di energia e nella funzione cellulari.

Lo studio mostra quello quando SARS-CoV-2 infetta le celle del polmone, la glicolisi ed il gioco di glutaminolysis un la parte importante nella sue diffusione e crescita. Bloccando queste vie, possiamo limitare la produzione virale. Egualmente abbiamo osservato parecchi metaboliti tossici, quali il lattato ed il glutammato, nel plasma sanguigno dei pazienti il più severamente malati.„

Ujjwal Neogi, l'ultimo autore del documento, ricercatore, dipartimento della medicina del laboratorio, Karolinska Institutet

Uno dei risultati chiave dello studio è un biomarcatore per la severità della malattia.

“Abbiamo identificato un carboidrato, mannosio, come biomarcatore per COVID-19 severo,„ dice il primo dello studio Shuba Krishnan autore allo stesso dipartimento.

I ricercatori dicono che più ora necessità di essere imparato circa i livelli elevati di metaboliti tossici in pazienti severamente malati:

“I cambiamenti in questi metaboliti possono avere effetti durevoli su insulino-resistenza, disordini neurocognitive e l'errore dell'organo,„ spiega Carl Johan Treutiger, ricercatore al dipartimento di medicina, Huddinge, Karolinska Institutet. “Il livello elevato di mannosio ha una correlazione potenziale con il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 dopo l'infezione COVID-19.„

La strategia terapeutica possibile del blocco della diffusione virale morendola di fame fuori via l'approvvigionamento di energia delle cellule potrebbe anche provare un efficace trattamento per il virus emorragico di febbre del Della Crimea-Congo e una maturazione funzionale per il HIV-1, altri due virus che il ricercatore sta mettendo a fuoco sopra.

I risultati sono basati sui campioni di sangue di 41 paziente con COVID-19 analizzato facendo uso di varie tecniche compreso il metabolomics del plasma. I ricercatori egualmente hanno studiato la via molecolare con cui SARS-CoV-2 entra nel tessuto polmonare.

Source:
Journal reference:

Krishnan, S., et al. (2021) Metabolic perturbation associated with COVID-19 disease severity and SARS-CoV-2 replication. Molecular & Cellular Proteomics. doi.org/10.1016/j.mcpro.2021.100159.