Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'emergenza materna prenatale durante il COVID si è collegata alle alterazioni nello sviluppo infantile del cervello

Avere un bambino è sia un tempo emozionante come pure stressante nella vita. Tuttavia, con l'inizio della pandemia di malattia 2019 di coronavirus (COVID-19), le donne hanno lottato con le difficoltà nella cura d'accesso e, di conseguenza, nell'incapacità avere in persona colloqui con i loro fornitori di cure mediche.

Le donne incinte, in particolare, temono spesso contrarre il coronavirus 2 (SARS-CoV-2) di sindrome respiratorio acuto severo ed essere da solo dovuto il sociale che distanzia i regolamenti durante le loro visite all'ospedale, particolarmente nel periodo di intrapartum.

Un nuovo studio pubblicato sul medRxiv* del " server " della pubblicazione preliminare discute gli effetti dello sforzo durante la gravidanza nella pandemia sul cervello di sviluppo dell'infante. I risultati dello studio corrente indicano l'esigenza dei cambi politici urgenti a migliore cura per le donne incinte, così migliorando sia la loro salute mentale che la formazione di connessioni neurali fetali.

Studio: Emergenza materna prenatale durante Il COVID-19 pandemico ed i sui effetti sul cervello infantile. Credito di immagine: Connetta il mondo/Shutterstock.com

Sfondo

Gli effetti della pandemia sono stati vasti, dalle ospedalizzazioni con la malattia o la morte severa, alle chiusure di una vasta gamma di istituzioni pubbliche dai banchi e dai campi da giuoco ai commerci. Le restrizioni ed i limiti di viaggio sulle interazioni sociali egualmente hanno urtato significativamente l'economia.

Fra le molte conseguenze della pandemia corrente è l'emergenza prenatale, che i ricercatori definiscono come “sintomi elevati di ansia e/o della depressione.„ L'emergenza prenatale è associata con gli effetti indesiderabili sia sulla donna incinta che sul feto di sviluppo, quali la nascita prematura come pure i rischi aumentati di problemi sanitari di salute mentale e comportamentistici nella prole.

Questi effetti sono probabili risultare dallo sviluppo aberrante all'interno del sistema limbico, che piombo alla formazione alterata di reticoli di comportamento. È particolarmente vero che questo danneggia la struttura dei nuclei del cervello come l'amigdala, la materia bianca e le connessioni fra l'amigdala e le regioni prefrontali.

La materia bianca è composta di fibre di un neurone che tengono conto miliardi di inter-connessioni che sono alla base dell'attività enorme e complessa del cervello. Le vie fra l'amigdala e le regioni prefrontali sono responsabili della risposta comportamentistica del bambino allo sforzo materno, quali l'iperattività e l'aggressione.

Quindi, la rottura della struttura del cervello media lo sviluppo anormale di comportamento del bambino una volta nata alle madri con emergenza prenatale.

Un aspetto notevole della pandemia, riguardo alle madri incinte, è stato la perdita di sanità e di contributo sociale alle madri in grande aspettativa e nuove. Le tariffe di emergenza mentale durante la gravidanza sono aumentato da un fattore di più di tre da quando la pandemia ha cominciato. Ciò è una preoccupazione, data i risultati degli studi più iniziali che dimostrano come l'emergenza prenatale pregiudica lo sviluppo ed il comportamento del cervello nel lungo termine.

Queste indicazioni provocano i timori circa la generazione imminente di bambini pandemico-nati, particolarmente il potenziale per le emissioni con il loro sviluppo conoscitivo nell'infanzia iniziale e l'infanzia.

Un altro bit importante di conoscenza si riferisce all'effetto protettivo di supporto sociale sui cambiamenti neurologici e psicologici che accompagnano l'emergenza prenatale. Lo studio corrente ha catturato questo ulteriore, esaminando il potenziale affinchè il supporto sociale impedisca la rottura dello sviluppo infantile del cervello come conseguenza di emergenza prenatale.

Lo scopo dello studio corrente era di determinare se questo fosse un fattore di rischio modificabile. Infine, i ricercatori sperano che i loro risultati aiutino i criteri di integrità di forma per mirare ai bambini ai cambiamenti rapidi dei prodotti ed ad alto rischio nel loro ambiente.

Risultati di studio

Lo studio corrente ha usato i dati dalla gravidanza durante lo studio pandemico COVID-19 (di PdP) che ha coperto la maggior parte del Canada. Tutti i partecipanti erano di meno di incinto 35 settimane. La loro salute mentale è stata valutata facendo uso del disgaggio della depressione di Edimburgo (EPDS) per la depressione, il paziente ha riferito l'ansia del sistema di informazione di misura (PROMIS) di risultati per ansia ed il questionario sociale di efficacia di sostegno (SSEQ) per valutare la quantità e la qualità di supporto che sociale la donna incinta stava ottenendo.

Lo studio ha mostrato un punteggio medio di EPDS superiore a 10, con un terzo dei partecipanti che sono depressi clinicamente con i punteggi di più di 12. Il punteggio medio di PROMIS era egualmente alto e quasi la metà dei partecipanti ha avuta sintomi clinici di ansia. Il disgaggio di SSEQ, nel frattempo, ha toccato in media 50.

Questi risultati hanno dimostrato il più alta emergenza materna prenatale dopo che la pandemia ha cominciato, anche dopo registrare per ottenere l'origine etnica e la corsa. Più alto lo SSEQ, meno le probabilità di emergenza prenatale significativa.

L'emergenza materna prenatale è stata correlata significativamente positivamente con l'anisotropia frazionaria media (FA) nel fasciculus uncinate giusto (A) e negativamente è stata correlata con diffusività media (MD) nel giusto tratto amigdala-prefrontale (B).

La struttura infantile del cervello è stata valutata sulle scansioni a risonanza magnetica di immagine (MRI) del cervello a tre mesi di vita. Le madri di questi bambini hanno avute punteggi di ansia media di PROMIS e di EDPS che erano più bassi di nel campione pieno ma livelli più superiore pre-pandemici.

Le scansioni hanno mostrato che quell'emergenza prenatale materna ha pregiudicato pricipalmente l'amigdala giusta e la corteccia orbitofrontal dalla destra. Le donne incinte con supporto sociale difficile hanno avute una relazione fra emergenza prenatale e la connettività funzionale diminuita, ma non quelle con buon supporto.

La connettività funzionale del intero-cervello medio dell'amigdala è indicata in infanti (A). La connettività funzionale dall'amigdala giusta e dalla corteccia orbitofrontal superiore giusta ha dimostrato un'interazione significativa fra SSEQ ed emergenza materna prenatale (B). Il gruppo basso di SSEQ ha dimostrato una correlazione negativa significativa fra emergenza materna e la connettività (a linea continua) e l'alto gruppo di SSEQ non hanno fatto (linea tratteggiata).

Implicazioni

I risultati da questo grande studio sulla gravidanza nel Canada durante la pandemia COVID-19 indicano una tariffa contrassegnato più alta di emergenza prenatale in madri che sono state collegate alle alterazioni nella struttura e nella funzione del cervello dei loro infanti. La depressione è stata identificata in un terzo delle madri e nell'ansia a metà quasi, durante la gravidanza.

Considerevolmente, l'avvenimento di emergenza fra le madri si è attenuato da supporto sociale adeguato, che ha inumidito le sensibilità di ansia e della depressione. Considerando che la connettività funzionale del cervello è stata alterata, come indicato dalla connettività alterata della materia bianca, con i cambiamenti nell'amigdala, il supporto sociale ha impedito questi cambiamenti.

Ciò sembra mostrare che quello fornire il supporto sociale alle madri sia importante, non solo supportare le madri ma ridurre il danno risultante all'infante modulando la transferenza dell'emergenza prenatale della madre via i cambiamenti nel cervello dell'infante.

I risultati correlano bene con gli studi più iniziali che mostrano le madri che ritengono l'affare di supporto con lo stress psicologico meglio di coloro che manca di tale supporto. Particolarmente durante la pandemia, la gente è stata separata per i lungi periodi di tempo dalla famiglia e dagli amici. Ancora, le persone in gran parte hanno sofferto dall'assenza di interazioni ordinarie della comunità a causa delle restrizioni sui raduni sociali, uscente nei luoghi pubblici, nelle chiusure affari/del banco come pure nei divieti di viaggio.

Nella gravidanza, questo ha significato che le donne incinte sono state costrette spesso ad assistere alle loro nomine prenatali da solo e questi sono stati passati spesso fuori a virtuale piuttosto che le nomine faccia a faccia. A volte il medico o l'ostetrica responsabile della cura del paziente è stata cambiata, che ha generato l'ansia e la depressione nella donna incinta.

La connettività amigdala-prefrontale alterata della corteccia in infanti sopportati durante la pandemia è stata indicata in questo studio da collegare ad emergenza prenatale materna. I cambiamenti, che sono stati veduti sulle scansioni di MRI del cervello in infanti, possono essere interpretati come sviluppo precoce delle connessioni della materia bianca fra l'amigdala giusta e la materia bianca prefrontale, che sono essenziali per le emozioni di regolamentazione.

Tali cambiamenti nella materia bianca di giusto emisfero sono collegati alla depressione materna nel periodo prenatale come pure la depressione o rischio di depressione in bambini ed in adolescenti. Ciò può indicare che “le alterazioni funzionali e strutturali del cervello possono essere un meccanismo di fondo via cui l'emergenza prenatale materna può piombo al rischio aumentato di difficoltà di salute mentale in prole.„

Il contributo principale di supporto sociale a diminuire l'impatto di emergenza prenatale sulla donna incinta ed egualmente sul cervello fetale di sviluppo è un'individuazione prominente in questo studio. La connettività funzionale diminuita fra l'amigdala giusta e la corteccia orbitofrontal superiore è stata trovata per essere un indicatore di maggior emergenza prenatale.

Cioè la connettività funzionale che è responsabile della capacità di regolamentare le emozioni e prendere le decisioni si sviluppa ad un modo alterato. Ciò è stata suggerita tramite la ricerca in bambini piccoli, comunque studia in infanti di sei mesi contraddice questo.

In generale, sembra essere importante fornire il supporto sociale ed impedire così la trasmissione dell'emergenza prenatale della madre all'infante via lo sviluppo aberrante del cervello. Le differenze strutturali osservate con emergenza prenatale, tuttavia, non si sono attenuate da supporto sociale.

È possibile che queste relazioni possano cambiare negli stadi avanzati dello sviluppo come il funzionale e il connectome strutturale del cervello infantile continua a svilupparsi e raffinare.„

La plasticità del cervello nell'infanzia e nella prima infanzia indica che quella facendo uso agli degli interventi basati a prova può correggere con successo gli effetti negativi dello sforzo prenatale e migliorare il comportamento del bambino come pure impedisce la cattiva salute mentale futura.

Questo evidenziano la necessità urgente della selezione di salute mentale prenatale come pure le polizze che mirano a migliorare il supporto sociale, poichè abbiamo dimostrato che questo può supportare lo sviluppo infantile sano del cervello nella vita in anticipo.„

avviso *Important

il medRxiv pubblica i rapporti scientifici preliminari che pari-non sono esaminati e, pertanto, non dovrebbero essere considerati conclusivi, guida la pratica clinica/comportamento correlato con la salute, o trattato come informazioni stabilite.

Journal reference:
Dr. Liji Thomas

Written by

Dr. Liji Thomas

Dr. Liji Thomas is an OB-GYN, who graduated from the Government Medical College, University of Calicut, Kerala, in 2001. Liji practiced as a full-time consultant in obstetrics/gynecology in a private hospital for a few years following her graduation. She has counseled hundreds of patients facing issues from pregnancy-related problems and infertility, and has been in charge of over 2,000 deliveries, striving always to achieve a normal delivery rather than operative.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Thomas, Liji. (2021, October 10). L'emergenza materna prenatale durante il COVID si è collegata alle alterazioni nello sviluppo infantile del cervello. News-Medical. Retrieved on November 28, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20211010/Prenatal-maternal-distress-during-COVID-linked-to-alterations-in-infant-brain-development.aspx.

  • MLA

    Thomas, Liji. "L'emergenza materna prenatale durante il COVID si è collegata alle alterazioni nello sviluppo infantile del cervello". News-Medical. 28 November 2021. <https://www.news-medical.net/news/20211010/Prenatal-maternal-distress-during-COVID-linked-to-alterations-in-infant-brain-development.aspx>.

  • Chicago

    Thomas, Liji. "L'emergenza materna prenatale durante il COVID si è collegata alle alterazioni nello sviluppo infantile del cervello". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20211010/Prenatal-maternal-distress-during-COVID-linked-to-alterations-in-infant-brain-development.aspx. (accessed November 28, 2021).

  • Harvard

    Thomas, Liji. 2021. L'emergenza materna prenatale durante il COVID si è collegata alle alterazioni nello sviluppo infantile del cervello. News-Medical, viewed 28 November 2021, https://www.news-medical.net/news/20211010/Prenatal-maternal-distress-during-COVID-linked-to-alterations-in-infant-brain-development.aspx.