Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Donne sui redditi più bassi più probabilmente da soffrire da pre e sulla depressione postnatale

Uno studio longitudinale delle famiglie del Queensland ha trovato che le donne sui redditi più bassi sono più probabili soffrire da pre e la depressione postnatale.

Un'analisi dei dati di progetto pilota (QFC) del gruppo della famiglia del Queensland, condotta dall'università di professor Brenda Gannon, donne trovate di Queensland diagnosticati con la depressione prima di e poco tempo dopo dare alla luce utile in media 417 più di meno alla settimana che le loro controparti.

Egualmente ha rivelato 23 per cento è più probabile venire dagli ambiti di provenienza di colore.

Lo studio del professor Gannon ha valutato le circostanze economiche di 450 famiglie che partecipano alla prova all'ospedale delle madri del mater di Brisbane.

“Specificamente abbiamo discusso i dati che indicano la diseguaglianza dell'opportunità economica fra le popolazioni in termini di salute mentale ed utilizzazione delle risorse insufficienti di sanità,„ il professor Gannon ha detto.

È ben nota nella letteratura dell'economia di salubrità che le opportunità iniziali di vita prima che un bambino nasca, possono pregiudicare il loro uso del bambino la salubrità e dei servizi sanitari.„

Brenda Gannon, il professor, università di Queensland

“Che cosa è meno ben noto sono le dimensioni che le opportunità sociali ed economiche sono collegate con la salute mentale della madre e dell'uso della madre dei servizi sanitari prima e dopo la nascita.„

Così come le disparità nel reddito, le madri con la depressione erano più probabili essere singole (una in dieci) e 24 per cento meno probabili da avere assicurazione sanitaria privata.

“Questo studio ci aiuterà ad identificare immediato e requisiti futuri di sanità della popolazione, fornendo informazioni su questi gruppi vulnerabili,„ il professor Gannon ha detto.

I ricercatori di QFC stanno espandendo il pilota in uno studio longitudinale di tre-decade molto più grande di 12.500 famiglie attraverso il Queensland.

Il ricercatore principale di QFC, il professor Vicki Clifton dalla ricerca di mater, dice che le donne ed i loro partner sono stati reclutati dal 2018.

“Le madri ed i loro partner compilano i questionari circa le cose come formazione, l'occupazione, l'alloggio, la salubrità, intenzioni di allattare, cronologia della gravidanza e reticoli di sonno,„ il professor Clifton ha detto.

Le madri egualmente ricevono le visite faccia a faccia con un'ostetrica alla gestazione di 24, 28 e 36 settimane, mentre in ospedale ed ancora sei settimane dopo avere dato alla luce.

Il professor Clifton ha detto i simili studi sono stati sviluppati attraverso il mondo, che significa che i dati potranno essere confrontato, tenendo conto le culture specifiche, quale la prima gente di nazioni.

“L'aspetto più importante è di capire la salubrità corrente delle famiglie e dei loro bisogni futuri di salubrità.

“Questo lavoro contribuirà a migliorare la progettazione dei requisiti futuri di servizio sanitario,„ il professor Clifton ha detto.