Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Exosomal e i miRNAs non-exosomal possono servire da biomarcatori per la cirrosi in relazione con HCV, cancro di fegato

Oncotarget ha pubblicato “Exosomal ed i livelli non-exosomal di espressione del miRNA in pazienti con il cancro in relazione con HCV di fegato e della cirrosi„ che ha riferito che i pazienti con la cirrosi in relazione con HCV sono a rischio dello sviluppo del cancro di fegato. Per questi pazienti, i miRNAs possono servire da indicatori preclinici, che i livelli di espressione sono diregolarizzati nel cancro e che sono parzialmente stabili ai fattori offensivi con formazione complessa con le proteine o l'imballaggio nei exosomes. La seconda domanda era se i livelli di espressione del miRNA della saliva - sia exosomal che non-exosomal - sono associati con il cancro di fegato primario.

Questi autori hanno valutato i miRNAs exosomal e non-exosomal - let-7a-5p, -16-5p, -18a-5p, -21-5p, -22-3p, -34a-5p, -103a-3p, -122-5p, -221-3p, -222-3p - in plasma e saliva dei pazienti con cirrosi epatica in relazione con HCV, il cancro di fegato primario ed i volontari sani.

In questo studio, i miRNAs non-exosomal normalizzati a miRNA-16-5p non-exosomal hanno mostrato una forte associazione con il cancro di fegato in plasma. Tre miRNAs, quelli con il cambiamento più pronunciato dell'espressione livella in plasma, - miRNA-21-5p, 122-5p, 221-3p - sono stati individuati in saliva.

Il cancro di fegato malgrado la sua tariffa di incidenza relativamente bassa con un carico globale geograficamente vario è una malattia interna dovuto il suo alto tasso di mortalità: il tasso di sopravvivenza di cinque anni cambia 2% - 33% secondo la fase della malattia ai tempi della diagnosi.„

Dott. Alisa A. Petkevich, l'università dell'amicizia della gente di Russia

Il carcinoma epatocellulare è il tipo più comune di cancro di fegato primario 80-90% di raggiungimento di tutti i cancri di fegato primari. In 20% di tutti i casi, questa è dal nulla una malattia che si sviluppa senza alcuna cirrosi epatica. In ogni modo, malgrado la tariffa di incidenza relativamente bassa di malignità di cirrosi in relazione con HCV e dell'era dei antivirals diretti, c'è un gruppo accumulato di pazienti con cirrosi epatica in relazione con HCV che sono al gruppo di rischio di sviluppo del cancro di fegato. Certamente, nel cancro di fegato di questi casi non è che molto dal nulla una malattia ma comunque può essere clinicamente silenziosa durante le fasi iniziali della malattia, così, i metodi per l'identificazione dei cambiamenti molecolari che si sviluppano nelle fasi precliniche della malattia sono essenziali.

I microvesicles possono contenere le proteine differenti, il DNA ed il vario RNA compreso miRNA, un acido nucleico di piccola non codifica di 18-24 nucleotidi in questione nel regolamento epigenetico dell'espressione genica. Exosomes con altri microvesicles può servire da delivery system e meccanismo dell'obiettivo per la conservazione della struttura delle molecole che sono la loro difesa dagli enzimi differenti.

Il gruppo di ricerca di Petkevich conclusivo nel loro output della ricerca di Oncotarget, “ricordando il cancro di fegato primario ha una forte dipendenza da geografia, la sua tariffa di incidenza è relativamente basso nella Federazione Russa [3]. Questa tariffa di incidenza bassa relativa con altri fattori compreso riluttanza dei pazienti del gruppo di rischio venire sistematicamente al centro di ricerca per la raccolta di sangue senza interessi personali rende alla formazione futura del database di casi un'emissione nella Federazione Russa.„

“Tenendo conto del fatto, il centro di ricerca del fegato dell'istituto medico di RUDN ha un database dei pazienti con la cirrosi HCV-associata con le informazioni di contatto, una soluzione possibile a questo problema potrebbe essere l'uso di un biomateriale che non richiede la presenza di personale medico per la sua raccolta, per esempio, quale una saliva. Nella nostra ricerca, siamo risultato che la saliva era un approccio di promessa come sorgente per i miRNAs exosomal e non-exosomal. I miRNAs exosomal normalizzati a miRNA-16-5p exosomal sembrano essere il modulo di normalizzazione del miRNA, che danno la più forte associazione con il cancro di fegato primario nei campioni della saliva.„

Source:
Journal reference:

Petkevich, A. A., et al. (2021) Exosomal and non-exosomal miRNA expression levels in patients with HCV-related cirrhosis and liver cancer. Oncotarget. doi.org/10.18632/oncotarget.28036.