Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

lo squilibrio Ossidazione-antiossidante nel sangue può essere un indicatore in anticipo del morbo di Alzheimer

La ricerca condotta dallo studente Mohamed Raâfet Ben Khedher ed il ricercatore postdottorale Mohamed Haddad di Ph.D dello scientifique ricercato de della La nazionale di Institut (INRS) ha indicato che uno squilibrio ossidazione-antiossidante nel sangue è un indicatore in anticipo del morbo di Alzheimer, piuttosto che una conseguenza. Questa innovazione fatta dai ricercatori sotto la supervisione del professor Charles Ramassamy fornisce un viale per intervento preventivo: l'assunzione degli antiossidanti.

Il gruppo di ricerca ha indicato che gli indicatori ossidativi, conosciuti per partecipare al morbo di Alzheimer, mostrano ad un aumento fino a cinque anni prima dell'inizio della malattia. I risultati di questo studiano, pubblicato nel Alzheimer & nella demenza: Il giornale di video di diagnosi, di valutazione & (DADM) di malattia, suggerisce che l'ossidazione possa essere un indicatore in anticipo di questa malattia che pregiudica più di 500.000 canadesi.

Poichè c'è un aumento nello sforzo ossidativo nella gente che sviluppa la malattia, possiamo regolamentare i sistemi antiossidanti. Per esempio, potremmo modulare i sistemi antiossidanti, quali i apolipoproteins J e D, che trasportano i lipidi ed il colesterolo nel sangue e svolgono un ruolo importante nella funzione e nel morbo di Alzheimer del cervello. Un altro viale sarebbe di aumentare l'assunzione degli antiossidanti con nutrizione.„

Il professor Charles Ramassamy

Biomarcatori accessibili

A differenza dell'insieme corrente delle prove dilaganti e costose usate per diagnosticare il morbo di Alzheimer, gli indicatori ossidativi scoperti dal gruppo di ricerca del professor Ramassamy possono essere individuati da un'analisi del sangue. Questi indicatori sono trovati in vescicole extracellulari del plasma, che sono caselle rilasciate da tutte le celle nell'organismo, compreso quelli nel cervello.

Il gruppo di ricerca ha messo a fuoco specificamente sul morbo di Alzheimer “sporadico„, il modulo più comune della malattia che deriva soprattutto dalla presenza del gene di predisposizione APOE4. Questo stesso modulo della malattia era stato studiato dal gruppo per altri indicatori in anticipo.

“Identificando gli indicatori ossidativi nel sangue delle persone al rischio cinque anni prima dell'inizio della malattia, potremmo fare le raccomandazioni rallentare l'inizio della malattia e limitare i rischi„, scienziati celebri.

Questa innovazione porta la nuova speranza alla ricerca di Alzheimer. Una volta che la malattia è sintomatica, è difficile, se non impossibile, invertirlo.

Source:
Journal reference:

Khedher, M.R.B., et al. (2021) Effect of APOE ε4 allele on levels of apolipoproteins E, J, and D, and redox signature in circulating extracellular vesicles from cognitively impaired with no dementia participants converted to Alzheimer's disease. Alzheimer s & Dementia Diagnosis Assessment & Disease Monitoring. doi.org/10.1002/dad2.12231.