Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

droga Anti-reumatica come candidato potenziale per il trattamento del COVID-19

Il coronavirus 2 (SARS-CoV-2) di sindrome respiratorio acuto severo produce le tempeste infiammatorie di citochina. Ma una droga anti-reumatica approvata dalla FDA, Auranofin, usato per trattare autoimmune e le malattie infettive, può anche contribuire a servire da trattamento antivirale per l'infezione COVID-19.

In un nuovo articolo della ricerca, Karine Sonzogni-Desautels e Momar Ndao dell'istituto di ricerca del centro sanitario di McGill University nel Canada dimostrano il fondatezza di Auranofin hanno basato sul meccanismo della droga di atto e dei beni antinfiammatori via la via di segnalazione NF-kBIL-6-STAT3.

I ricercatori scrivono:

“Una droga approvata dalla FDA orale-amministrata con antinfiammatorio ed i beni anti-SARS-CoV-2 con un profilo accettabile della tossicità offrirebbero i vantaggi significativi per il controllo della pandemia COVID-19.„

Lo studio “Auranofin si trasforma in in un nuovo trattamento dorato contro COVID-19?„ recentemente è stato pubblicato nelle frontiere mediche del giornale in immunologia.

Articolo di prospettiva: Auranofin si trasformerà in in un nuovo trattamento dorato contro COVID-19? Credito di immagine: NIAID
Articolo di prospettiva: Auranofin si trasformerà in in un nuovo trattamento dorato contro COVID-19? Credito di immagine: NIAID

Auranofin inibisce parecchi attori chiave nella via di segnalazione NF-kB-IL-6-STAT3

Le guide di Auranofin minimizzano lo sforzo ossidativo ed aumenta la sopravvivenza delle cellule inibendo l'enzima della riduttasi del thioredoxin.

La riduttasi di Thioredoxin è compresa nella regolamentazione del N-F-KB di fattore di trascrizione, che promuove l'infiammazione. Diminuendo la riduttasi del thioredoxin, Auranofin inibisce l'espressione genica N-F-KB-dipendente.

Auranofin è vantaggioso affinchè la sua capacità diminuisca l'espressione IL-6 con inibizione di N-F-KB in celle infettate SARS-CoV-2.

La ricerca priore ha implicato il N-F-KB con l'espressione aumentata IL-6. IL-6 è una citochina proinflammatory e un attore chiave nelle tempeste di citochina responsabili dei sintomi severi COVID-19 quali fibrosi polmonare ed i problemi multipli dell'organo. Più prova che rinforza questa teoria è che i SAR-CoV chiodano la proteina e proteina del nucleocapsid incoraggia l'espressione N-F-KB-dipendente IL-6.

Un altro modo che Auranofin inibisce il N-F-KB è bloccando il homodimerization del ricevitore del tipo di tributo (TLR) 4. TLR4 è associato con le risposte infiammatorie di SARS-CoV-2-induced. Inoltre, Auranofin può inibire TLR3, un altro ricevitore del tipo di tributo osservato durante l'infezione SARS-CoV-2.

Egualmente funge da inibitore di STAT3 e della chinasi 1 (JAK1) - una chinasi di Janus incaricata di fosforilazione di IL-6-induced.

Auranofin mostra la prova dei beni antivirali

L'inibizione di riduttasi del thioredoxin può inibire l'interazione spike-ACE2 richiesta per l'entrata SARS-CoV-2 in cellule ospiti. Inoltre, Auranofin ferma la replicazione virale inibendo le proteasi del tipo di papaina SAR-CoV e SARS-CoV-2.

In uno studio, il RNA SARS-CoV-2 è diminuito da 70% 24 ore dopo l'amministrazione del trattamento del auranofin. Dopo 48 ore, Auranofin ha causato un rapporto di riproduzione di 85% in RNA SARS-CoV-2.

“Per spiegare il suo effetto inibitorio sulla replicazione virale, è stato supposto che Auranofin potrebbe pregiudicare la sintesi delle proteine SARS-CoV-2 parzialmente dovuto il suo atto sull'ambiente redox via inibizione di riduttasi del thioredoxin. Raccomandiamo più ulteriormente di studiare in vitro l'atto antivirale diretto potenziale di Auranofin durante l'infezione SARS-CoV-2 capire meglio il suo meccanismo di atto,„ abbiamo scritto i ricercatori.

La capacità di Auranofin di inibire la replicazione virale è stata veduta con altri virus quali il virus di Zika, il virus equino venezuelano dell'encefalite ed il virus Chikungunya. Inoltre, parecchi studi del HIV egualmente mostrano la prova della capacità di Auranofin di diminuire l'infezione via inibizione di riduttasi del thioredoxin.

Poiché le cellule umane contengono la riduttasi mitocondriale del thioredoxin, le concentrazioni basse di Auranofin sono efficaci nell'inibizione. Il risultato finale è transizione mitocondriale aumentata di permeabilità della membrana, perdita di potenziale di membrana mitocondriale, la versione del citocromo C ed apoptosis.

Auranofin è sicuro e ben-tollerato generalmente in esseri umani

Auranofin è approvato dalla FDA per il trattamento dell'artrite reumatoide con un buon profilo di sicurezza.

Tuttavia, la droga ha alcuni effetti secondari non-vita-minacciosi che possono richiedere il controllo corrente. Per esempio, i pazienti che catturano le dosi orali di Auranofin tendono a riferire la diarrea ed i feci sciolti. Le eruzioni ed il proteinuria sono effetti secondari rari.

La trompocitopenia e la soppressione di midollo osseo sono rare, ma c'è potenziale affinchè Auranofin pregiudichi il sistema immunitario con uso a lungo termine. Per questo motivo, i ricercatori raccomandano di amministrare Auranofin per il trattamento a breve termine.

In un test clinico che studia la sicurezza del trattamento del auranofin, l'evento avverso più comune era emicranie. Tutti gli altri erano delicati e sono andato via senza richiedere il trattamento supplementare.

“I vantaggi del trattamento del auranofin nelle infezioni SARS-CoV2 prevarranno sopra la tossicità potenziale per la maggior parte dei pazienti, ma raccomandiamo di amministrare il auranofin nell'ambito del controllo medico vicino finché i dati della sicurezza non siano disponibili per i pazienti COVID-19,„ abbiamo concluso il gruppo.

Journal reference:
Jocelyn Solis-Moreira

Written by

Jocelyn Solis-Moreira

Jocelyn Solis-Moreira graduated with a Bachelor's in Integrative Neuroscience, where she then pursued graduate research looking at the long-term effects of adolescent binge drinking on the brain's neurochemistry in adulthood.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Solis-Moreira, Jocelyn. (2021, October 13). droga Anti-reumatica come candidato potenziale per il trattamento del COVID-19. News-Medical. Retrieved on January 21, 2022 from https://www.news-medical.net/news/20211013/Anti-rheumatic-drug-as-a-potential-candidate-for-treating-COVID-19.aspx.

  • MLA

    Solis-Moreira, Jocelyn. "droga Anti-reumatica come candidato potenziale per il trattamento del COVID-19". News-Medical. 21 January 2022. <https://www.news-medical.net/news/20211013/Anti-rheumatic-drug-as-a-potential-candidate-for-treating-COVID-19.aspx>.

  • Chicago

    Solis-Moreira, Jocelyn. "droga Anti-reumatica come candidato potenziale per il trattamento del COVID-19". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20211013/Anti-rheumatic-drug-as-a-potential-candidate-for-treating-COVID-19.aspx. (accessed January 21, 2022).

  • Harvard

    Solis-Moreira, Jocelyn. 2021. droga Anti-reumatica come candidato potenziale per il trattamento del COVID-19. News-Medical, viewed 21 January 2022, https://www.news-medical.net/news/20211013/Anti-rheumatic-drug-as-a-potential-candidate-for-treating-COVID-19.aspx.