Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

i profili di attività di cervello di Post-trauma possono contribuire a predire i risultati a lungo termine di salute mentale

Il cervello il modo di una persona risponde per sollecitare quanto segue un evento traumatico, quale un incidente stradale, può contribuire a predire i loro risultati a lungo termine di salute mentale, secondo la ricerca di supporto dall'istituto della salute mentale nazionale (NIMH), parte degli istituti della sanità nazionali. La ricerca, pubblicata nel giornale americano della psichiatria, fa parte allo dello studio fondato NIMH dell'AURORA, uno studio su grande scala e multicentro che ha seguito più di 3,000 persone per fino ad un anno dopo l'esposizione ad un evento traumatico.

La prova dagli studi precedenti suggerisce che sia comune affinchè la gente mostri una vasta gamma di risposte dopo un'esperienza traumatica, quali un disastro naturale o un grave incidente. Una persona può mostrare i sintomi iniziali che diminuiscono naturalmente col passare del tempo, mentre un altro possono avere sintomi duraturi che lo rendono difficile svolgere le attività di ogni giorno. Queste risposte differenti non rientrano ordinatamente nelle categorie diagnostiche esistenti e, sebbene ci siano fattori conosciuti di elasticità e di rischio connessi con i risultati di salute mentale, i ricercatori non possono ancora predire come una persona specifica andrà dopo avere avvertito un evento traumatico.

Facendo uso di vario neurobiologico, le misure di auto-rapporto ed e comportamentistiche, i ricercatori di studio dell'AURORA sperano di sviluppare una maschera completa dei fattori che svolgono col passare del tempo un ruolo nella salute mentale dei superstiti di trauma. Per aiutare l'avanzamento questo sforzo, dati di studio dell'AURORA sarà messo a disposizione di più vasta comunità di ricerca attraverso l'archivio di dati di NIMH.

Come componente dello studio, Jennifer Stevens, Ph.D., dell'Emory University a Atlanta, piombo un'indagine su attività di cervello di post-trauma in un gruppo iniziale di 69 partecipanti dell'AURORA che erano in caso d'urgenza dipartimento veduto che segue un incidente stradale. Stevens ed i colleghi hanno supposto che i reticoli differenti di attività di cervello in relazione con lo sforzo potessero predire i sintomi a lungo termine della salute mentale dei partecipanti attraverso un intervallo delle diagnosi.

Due settimane dopo l'incidente, i partecipanti hanno fatti la loro attività di cervello misurare via la risonanza magnetica funzionale mentre hanno completato una serie di mansioni computerizzate standard. Le mansioni hanno valutato la loro attività di cervello in risposta alle indicazioni sociali di minaccia, alle indicazioni della ricompensa ed alle situazioni che le hanno richieste di inibire una risposta.

Durante i sei mesi prossimi, i partecipanti egualmente hanno completato le indagini digitali in cui auto-hanno riferito i sintomi di disordine post - traumatico, (PTSD) della depressione, della dissociazione, dell'ansia e del impulsivity di sforzo.

Le analisi dei dati di attività di cervello dei partecipanti hanno rivelato quattro profili distinti:

  • Reattivo/disinhibited: Relativo ad alta attività sia alla minaccia che alla ricompensa; poca attività relativa ad inibizione di risposta
  • Basso ricompensa/alto-minaccia: Relativo ad alta attività alla minaccia; relativo di poca attività a ricompensa
  • Alto-ricompensa: Nessun'attività relativa alla minaccia; poca attività relativa ad inibizione di risposta; relativo ad alta attività a ricompensa
  • Inibito: Disattivazione relativa alla minaccia; una certa attività relativa ad inibizione; relativo di poca attività a ricompensa

I ricercatori poi hanno eseguito le stesse analisi con un gruppo separato di 77 partecipanti dell'AURORA che egualmente erano in caso d'urgenza dipartimento veduto dopo l'esposizione ad un intervallo degli eventi traumatici non limitati agli incidenti stradali. In questo gruppo, hanno trovato la prova per tre dei quattro profili: reattivo/disinhibited, basso ricompensa/alto-minaccia ed inibito. Questi profili non sono stati correlati con altre caratteristiche demografiche, correlate con la salute, in relazione con il trauma, o sito-specifiche.

Esaminando i profili di attività di cervello dei partecipanti relativamente ai loro risultati di salute mentale, Stevens ed i co-author hanno trovato che i partecipanti con il reattivo/disinhibited i profilo-quei che hanno mostrato relativo ad alta attività sia alla minaccia che ricompensa-hanno riferito i livelli elevati dei sintomi sia di PTSD che di ansia durante il periodo di sei mesi di seguito rispetto agli altri profili.

I ricercatori non hanno trovato associazione fra c'è ne dei profili di attività di cervello ed altri risultati di salute mentale, quali i sintomi della depressione, della dissociazione, o del impulsivity.

Il collegamento fra l'alta reattività della ricompensa (come componente profilo reattivo/disinhibited) e sintomi a lungo termine era inatteso, come gli studi precedenti hanno indicato un'associazione fra la reattività della ricompensa e post-trauma PTSD e la depressione bassi. I risultati divergenti potrebbero essere spiegati dal fatto che la reattività a ricompensa e la minaccia sono esaminate raramente insieme negli studi in relazione con il trauma. I ricercatori suggeriscono che attenzione delle cedole della reattività della ricompensa la maggior in futuro studi come fattore di rischio potenziale per i sintomi in relazione con lo sforzo dopo il trauma.

Questi risultati sono preliminari e la ricerca supplementare con i più grandi campioni sarà necessaria confermare e raffinare questi a profili basati a cervello. Tuttavia, questi risultati iniziali suggeriscono che i profili potrebbero fornire informazioni significative sulla vulnerabilità di una persona allo sforzo dopo avere avvertito un evento traumatico. L'instaurazione dei profili affidabili e premonitori della risposta di sforzo potrebbe migliorare la cura clinica, i fornitori d'aiuto consegnano gli efficaci interventi che sono adeguati a bisogni e le circostanze dei superstiti di trauma i diversi.