Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gravidanza adombrata costantemente da insicurezza e da solitudine durante la pandemia

Una gravidanza adombrata costantemente dallo sconosciuto. Quello è come le donne in Svezia che sono state incinte durante la pandemia la descrivono. Un cavo di studio dai ricercatori dall'università di Gothenburg ora evidenzia l'insicurezza e la solitudine che stanno sperimentando.

Lo studio, pubblicato nelle donne e nella nascita del giornale scientifico, è basato sulle interviste approfondite con 14 donne in Svezia. Lo scopo era di chiarire come le donne che non sono state infettate con SARS-CoV-2 hanno sperimentato essere incinte durante la pandemia. Gli intervistati avevano dato alla luce durante il periodo da agosto al novembre 2020 e sono stati intervistati a marzo e aprile 2021.

Essere incinto è un evento vita cambiante. Trasforma l'esistenza di una donna, se sta prevedendo già il suo primo bambino o una madre. Le restrizioni puntate su staccando la diffusione dal gambo di SARS-CoV-2 hanno pregiudicato le donne incinte in vari modi.

Globalmente, il benessere emozionale delle donne incinte si è deteriorato insieme con le preoccupazioni circa COVID-19 ed i lockdowns nazionali per impedire la diffusione dell'infezione. In Svezia, un aumento misurabile nell'ansia correlata con la salute fra le donne incinte è stato trovato all'inizio della pandemia, ma come questo ha pregiudicato da allora queste donne è stato poco chiaro.

Ritenere incerto e solo

Verena Sengpiel, professore associato nell'ostetricia ed in ginecologia all'accademia di Sahlgrenska, in università di Gothenburg ed anche in un ostetrico all'ospedale universitario di Sahlgrenska:

“Abbiamo saputo per un po di tempo che le donne incinte sono influenzate particolarmente dallo stress mentale durante i disastri naturali o gli altri eventi traumatici, poiché sono responsabili non solo della loro proprie sanità e sicurezza, ma anche il benessere del feto,„ dice.

“Globalmente, abbiamo veduto le indicazioni che il benessere emozionale delle donne incinte ha sofferto durante la pandemia COVID-19. Ma poiché la Svezia ha scelto una strategia differente per impedire l'infezione, è incerto se questi risultati sono applicabili alle circostanze svedesi.„

Il tiglio, il Ph.D., l'ostetrica ed il ricercatore di Karolina nella salubrità e nelle scienze di cura all'università di accademia del Sahlgrenska di Gothenburg, è l'autore principale dello studio. Riferisce come i dichiaranti incinti hanno ritenuto “adombrati costantemente dallo sconosciuto„, poichè lo hanno messo.

L'esperienza è stata caratterizzata dal dovere occuparsi delle incertezze causate dalla pandemia e dalla necessità contenere costantemente le nuove informazioni per quanto riguarda COVID-19 e la gravidanza. Le donne hanno ritenuto sole ed abbandonate quando al loro partner non è stato permesso assistere alle visite mediche, particolarmente nei casi in cui le complicazioni fossero sorto durante la gravidanza.

Allo stesso tempo, le donne hanno avute grande fiducia nei servizi prenatali e di maternità di cura, sebbene specificassero che non stavano ricevendo abbastanza informazioni sulla gravidanza e COVID-19 dai loro fornitori di cure mediche.„

Tiglio di Karolina, Ph.D., l'autore principale dello studio

Informazioni aggiornate vitali

I ricercatori, che ritengono i risultati di studio hanno un potenziale riguardante la cura delle donne incinte, consigliano queste donne dinamico di sollevare le emissioni riguardo ad ansia, incertezza e come essi dovrebbe riferirsi al flusso di informazione ed alla conoscenza costanti.

Tiglio ancora: “Invito tutte le donne incinte a parlare con loro ostetrica circa tutte le preoccupazioni che hanno circa COVID-19. Oggi, conosciamo più circa come SARS-CoV-2 pregiudica sia la donna incinta che il feto durante la gravidanza. Per i servizi di maternità di cura è importante comunicare le informazioni aggiornate direttamente alle donne incinte, particolarmente poiché il consiglio e le raccomandazioni cambiano mentre acquisiamo più conoscenza.

“Questo ora è particolarmente vitale in termini di vaccinazione contro SARS-CoV-2, dato che abbiamo veduto la copertura relativamente bassa della vaccinazione delle donne incinte, rispetto al resto della popolazione.

“Ora che le restrizioni hanno facilitato i curante egualmente devono prendere nota di importanza di permettere che il partner della donna incinta assista alle visite di cura,„ tiglio conclude.

Source:
Journal reference:

Linden, K., et al. (2021) Being in the shadow of the unknown — Swedish women’s lived experiences of pregnancy during the COVID-19 pandemic, a phenomenological study. Women and Birth. doi.org/10.1016/j.wombi.2021.09.007.