Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Riscaldamento dopo che la terapia di raffreddamento aumenta le probabilità degli attacchi in neonati ossigeno-sfavoriti

i neonati Ossigeno-sfavoriti che subiscono la terapia di raffreddamento per proteggere i loro cervelli sono ad un rischio elevato di attacchi e di lesione cerebrale durante il periodo di riscaldamento, in grado di essere un precursore dell'inabilità o della morte, un nuovo studio da un gruppo dei ricercatori piombo da un pediatra sudoccidentale di UT suggerisce.

L'individuazione, pubblicata online in neurologia di JAMA, potrebbe piombo per migliorare i modi proteggere questi pazienti vulnerabili durante trascurata spesso eppure il periodo critico - o ipotermia - di terapia di raffreddamento.

Una ricchezza di prova ha indicato che quello bambini raffreddarsi che non ricevono abbastanza ossigeno durante la nascita può migliorare i loro risultati neurodevelopmental, ma pochi studi ha esaminato gli eventi che accadono mentre sono riscaldati ad una temperatura corporea normale. Stiamo indicando che c'è un rischio significativamente elevato di attacchi durante il periodo di riscaldamento, che tipicamente passano inosservati e possono causare il danno a lungo termine.„

Lina Chalak, MD, MSCS, autore principale di studio ed il professor di pediatria e di psichiatria, centro medico sudoccidentale di UT

Chalak è egualmente un capo di divisione del socio della neonatologia e Direttore medico fondante del programma neonatale della neurologia all'ospedale di parco

Milioni di neonati universalmente sono influenzati dall'encefalopatia hypoxic-ischemica neonatale (HIE), lesione cerebrale inizialmente causata da una mancanza di ossigeno durante la nascita. Sebbene l'organizzazione mondiale della sanità stimi che l'asfissia della nascita sia responsabile quasi di un quarto di tutte le morti neonatali, quei bambini che sopravvivono alla privazione dell'ossigeno sono lasciati spesso con le lesioni neurologiche, il Dott. Chalak hanno spiegato.

Per contribuire a migliorare i risultati, i bambini diagnosticati con HIE sono curati con l'ipotermia, facendo uso di una coperta di raffreddamento che porta la temperatura corporea giù a in basso come 33.5°C, ha detto il Dott. Chalak - un trattamento ha applicato 15 anni fa dagli istituti nazionali della rete neonatale della ricerca della salubrità (NIH), di cui UT sudoccidentale lungamente è stato un membro.

Gli studi di iniziale hanno indicato che durante il raffreddamento, i bambini con HIE hanno comunemente attacchi senza sintomi - eventi neurologici che possono più ulteriormente danneggiare il cervello - video electroencephalographic (EEG) di richiesta da trasformarsi in in una parte standard del protocollo dell'ipotermia. Tuttavia, il Dott. Chalak spiegato, bambini non è stato riflesso tipicamente durante il periodo di riscaldamento, di cui la temperatura della coperta è aumentata da 0.5°C ogni ora finché i bambini non raggiungessero una temperatura corporea normale.

Per capire meglio il rischio di attacco durante il riscaldamento, il Dott. Chalak ed i colleghi da 21 istituzione differente nella rete neonatale della ricerca hanno studiato 120 bambini che sono stati iscritti ad un altro studio che ha confrontato due protocolli di raffreddamento differenti, uno più lungo e più freddo dell'altro. A Dallas, i pazienti sono stati iscritti a salubrità & al sistema ospedaliero di parco, con seguiti alla salubrità dei bambini. Come componente di nuovo studio, i bambini egualmente sono stati riflessi con l'elettroencefalogramma per controllare per vedere se ci sono attacchi sia durante le fasi di raffreddamento che di riscaldamento di ipotermia.

Quando i ricercatori hanno confrontato i dati a partire dalle ultime 12 ore di raffreddamento e dalle prime 12 ore del riscaldamento, hanno trovato che riscaldare ha aumentato le probabilità degli attacchi circa triplo. Inoltre, i bambini che hanno avuti attacchi durante il riscaldamento erano circa due volte probabili morire o avere un'inabilità neurologica dall'età 2, rispetto a coloro che non ha avuto attacchi durante questo periodo. Ciò che trova ha sostenuto anche dopo registrare per ottenere le differenze nei centri medici e nella severità del HIE dei neonati.

Sebbene non sia conosciuto come impedire gli attacchi l'avvenimento nei bambini con HIE, trattante gli attacchi quando accadono possa contribuire ad impedire ulteriore lesione cerebrale, il Dott. Chalak ha detto. Di conseguenza, riflettere durante sia il raffreddamento che il riscaldamento può contribuire a proteggere i cervelli di questi giovani pazienti da ulteriori insulti mentre guariscono.

“Questo studio è dicendoci che che c'è un'opportunità non sfruttata di migliorare la cura per questi bambini durante il riscaldamento facendo il video della parte standard del protocollo,„ Dott. Chalak ha detto.