Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I migli possono svolgere un ruolo di promessa nell'impedire e nella diminuzione dell'anemia di carenza di ferro, manifestazioni di studio

Un nuovo studio ha indicato che il consumo corrente di migli può migliorare i livelli della ferritina del siero e dell'emoglobina per diminuire l'anemia di carenza di ferro, che sta aumentando globalmente. La ricerca recentemente pubblicata, una meta-analisi di 22 studi sugli esseri umani e di otto ricerche di laboratorio sul consumo e sull'anemia dei migli, sono state intraprese dalle sette organizzazioni attraverso quattro paesi e piombo dall'istituto di ricerca internazionale dei ventrigli per i tropici semiaridi (ICRISAT).

Lo studio ha concluso che i migli possono fissare tutti i o la maggior parte requisiti dietetici quotidiani del ferro di una persona media. Sebbene la quantità di ferro fornita dipenda dalla varietà del miglio e dal suo modulo di trattamento, la ricerca indica chiaramente che i migli possono svolgere un ruolo di promessa nell'impedire e nella diminuzione degli alti livelli dell'anemia di carenza di ferro.„

Dott. S Anitha, l'autore principale dello studio e dietista senior a ICRISAT

I ricercatori hanno trovato che i migli hanno aumentato i livelli dell'emoglobina vicino fino a 13,2%. Quattro studi nell'esame egualmente hanno mostrato la ferritina del siero che aumenta da una media di 54,7%. La ferritina è un ferro che contiene la proteina nel sangue ed è un indicatore clinico per la carenza di ferro.

Gli studi nell'analisi hanno fatto partecipare quasi 1.000 bambini, adolescenti ed adulti e sei tipi differenti del miglio - miglio di barretta, miglio africano, sorgo e una miscela del kodo, della coda di volpe e di piccoli migli. I partecipanti agli studi sono stati trovati per mangiare i migli consumati per dovunque fra il 21 giorno e 4,5 anni. I risultati sono stati pubblicati il 14 ottobre nelle frontiere in nutrizione.

“1,74 miliardo genti erano nel 2019 anemiche. Che il numero sta aumentando,„ ha detto il Dott. Jacqueline Hughes, il Direttore Generale, ICRISAT. “È stato provato che l'anemia di carenza di ferro pregiudica lo sviluppo conoscitivo e fisico in bambini e diminuisce la produttività in adulti. L'esigenza di una soluzione è critica e quindi introdurre i migli nella corrente principale e nei programmi governativi altamente è raccomandato.„

“Ora che c'è prova ben fondata del valore dei migli nella diminuzione o nell'impedire dell'anemia di carenza di ferro, è raccomandato che uno studio principale della ricerca sia intrapreso sull'anemia che riguarda tutti i tipi differenti di miglio, di varietà comuni e di tutti i moduli importanti di trattamento e cucinante, facendo uso di una metodologia di prova costante. Ciò fornirà il dato dettagliato richiesto per la progettazione degli interventi stati necessari per avere un effetto principale sulla diminuzione dell'anemia globalmente,„ ha detto il professor Ian Givens, un co-author dello studio e Direttore all'università di Reading l'istituto di alimento, di nutrizione e della sanità (IFNH) nel Regno Unito.

“È stato reclamato spesso che il ferro in migli non è altamente bioavailable dovuto gli alti livelli presunti dei antinutrients. La nostra analisi risulta che questo è un mito. Invece, i migli sono risultati comparabili alle percentuali tipiche della biodisponibilità del ferro per gli impianti. Inoltre, i livelli di antinutrients in migli sono stati identificati per essere simili o più bassi delle graffette del terreno comunale,„ ha detto sig.ra Joanna Kane-Potaka, ex direttore generale aggiunto, ICRISAT e direttore esecutivo dell'iniziativa astuta dell'alimento che è un co-author dello studio.

La ricerca egualmente ha indicato che elaborare può aumentare significativamente la quantità di ferro bioavailable. Per esempio, gli spuntini del miglio fatti da espansione (estrusione) hanno aumentato il ferro bioavailable 5,4 volte, mentre fermentazione, schioccare e maltazione più di quanto triplicato il ferro bioavailable. Germinazione (germogliare) e decorticazione (sbucciare) più di quanto raddoppiato il ferro bioavailable.

Source:
Journal reference:

Anitha, S., et al. (2021) Millets Can Have a Major Impact on Improving Iron Status, Hemoglobin Level, and in Reducing Iron Deficiency Anemia–A Systematic Review and Meta-Analysis. Frontiers in Nutrition. doi.org/10.3389/fnut.2021.725529.