Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il DNA senza cellula può contribuire a diagnosticare la malattia residua misurabile in bambini con il medulloblastoma

Gli scienziati all'ospedale della ricerca dei bambini della st Jude hanno indicato che il DNA senza cellula da liquido cerebrospinale (CSF) può essere usato per diagnosticare la malattia residua misurabile (MRD) in bambini curati per il medulloblastoma di tumore cerebrale. I ricercatori hanno sviluppato una prova per individuare il MRD e così il rischio di ricaduta, più presto di un tumore ricorrente sarebbe stato identificato facendo uso di una scansione tradizionale della rappresentazione. I risultati sono stati pubblicati oggi in cellula tumorale.

Medulloblastoma è fra i tumori cerebrali pediatrici maligni più comuni. La rappresentazione alla conclusione della terapia è utile da valutare per l'assenza di malattia ingombrante ma, fin qui, non c'è prova definitiva per dichiarare un paziente esente dalla malattia. Come tale, i clinici non conoscono chi è essiccato o chi ricadrà ma sanno che fino a un terzo dei pazienti può ricadere.

Il MRD si riferisce alle celle del tumore che sono presenti durante o dopo trattamento del cancro hanno concluso. La rilevazione queste celle del tumore, o degli indicatori di loro, quale DNA senza cellula, è vitale per il riconoscimento del rischio iniziale di ricaduta e potenzialmente la direzione del questo fuori prima che si sia consolidata.

Scandiamo frequentemente i pazienti per il primo paio d'anni quando si staccano la terapia, ma purtroppo, prima che vediamo una ricorrenza su una scansione c'è già molta malattia. Il medulloblastoma ricaduto harbors una prognosi incredibilmente difficile e per molti è troppo recente per fare maturare. Di conseguenza, abbiamo cercato un migliore modo determinare se un bambino è vero chiaro della malattia allora che si staccano la terapia.

Giles Robinson, M.D., autore Co-Senior, dipartimento della st Jude di oncologia

“Con questa prova, ora sappiamo che se c'è DNA senza cellula di medulloblastoma nel CSF alla conclusione della terapia, quindi quel paziente è molto probabile ricadere,„ Robinson ha detto. “Quel ci dà qualcosa che possiamo agire sopra, un'opportunità vero di sradicare la malattia prima che abbia avuta una probabilità ricadere o riapparire.„

La giusta prova per rispondere alla domanda esatta

Come componente del trattamento standard per il medulloblastoma, i bambini subiscono i rubinetti spinali seriali per controllare per vedere se c'è la malattia. Ciò è specifica al trattamento dei tumori cerebrali pediatrici, che sono più probabili spargersi con il CSF. Il DNA senza cellula non è limitato dalla membrana di una cella ed invece è trovato fluttuare nel plasma o nel CSF. I ricercatori hanno usato i campioni di CSF dai pazienti curati per il medulloblastoma sullo studio SJMB03 per cercare il DNA senza cellula che avrebbe indicato la presenza di MRD. I campioni di prova sono stati raccolti come componente di cura necessaria.

“C'è molto interesse nel concetto della biopsia liquida per cancro, ma la tecnologia non era stata ottimizzata per i tumori cerebrali pediatrici,„ ha detto l'autore Paul corrispondente e co-senior Northcott, il Ph.D., dipartimento della st Jude della neurobiologia inerente allo sviluppo. “Con scientifico attento approssimazioni successive e l'ottimizzazione al banco di laboratorio, abbiamo trovato un protocollo che può identificare attendibilmente le variazioni genomiche caratteristiche del medulloblastoma.„

Northcott ed il suo gruppo hanno contato su una metodologia chiamata ordinamento del intero-genoma di basso copertura che riassume la variazione genoma di ampiezza di numero di copia (cambiamenti nel codice genetico). La maggior parte dei genoma di medulloblastoma harbor questi cambiamenti che possono essere individuati prontamente con questo approccio.

I risultati hanno indicato che questo metodo di rilevazione del MRD può avvisare più presto i clinici al rischio di ricaduta. Tuttavia, prima che possa essere incorporato nei test clinici futuri, un laboratorio clinico certificato dovrà adottare la prova (piuttosto che un laboratorio di ricerca).

Source:
Journal reference:

Liu, A., et al. (2021) Serial assessment of measurable residual disease in medulloblastoma liquid biopsies. Cancer Cell. doi.org/10.1016/j.ccell.2021.09.012.