Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'allattamento al seno può urtare positivamente la prestazione conoscitiva delle donne postmenopausali

Un nuovo studio piombo dai ricercatori a salubrità del UCLA ha trovato che le donne sopra l'età di 50 chi avevano allattato i loro bambini hanno eseguito meglio sulle prove conoscitive confrontate alle donne che non avevano allattato mai. I risultati, pubblicati nell'evoluzione, medicina e salute pubblica, suggeriscono che allattare possa avere un impatto positivo sulla prestazione conoscitiva delle donne postmenopausali e potrebbe avere vantaggi a lungo termine per il cervello della madre.

Mentre molti studi hanno trovato che allattare migliora la salubrità a lungo termine ed il benessere di un bambino, il nostro studio è uno molto di pochi che ha esaminato gli effetti sulla salute a lungo termine per le donne che avevano allattato i loro bambini. I nostri risultati, che mostrano la prestazione conoscitiva superiore fra le donne oltre 50 chi aveva allattato, suggeriscono che allattare possa essere “neuroprotective„ più successivamente nella vita.„

Fox di Molly, PhD, autore principale dello studio e un assistente universitario nel dipartimento del UCLA di antropologia e nel dipartimento di psichiatria e di scienze Biobehavioral

La salubrità conoscitiva è critica per benessere negli adulti di invecchiamento. Tuttavia, quando la cognizione è alterata dopo l'età di 50, può essere un forte preannunciatore del morbo di Alzheimer (AD), del modulo principale di demenza e della causa dell'inabilità fra gli anziani - con le donne che comprendono quasi due terzi gli Americani che vivono con la malattia.

Molti studi egualmente indicano che fasi di vita cronologia riproduttiva di una donna, quale la mestruazione, la gravidanza, l'allattamento al seno e la menopausa possono essere collegati ad un più alto o più a basso rischio per sviluppare i vari stati di salute come la depressione o il cancro al seno, eppure pochi studi hanno esaminato l'allattamento al seno ed il suo impatto sulla cognizione a lungo termine delle donne. Di quelli che hanno, c'è stato prova contraddittoria se allattare potrebbe essere collegato per migliorare la prestazione conoscitiva o il rischio di Alzheimer fra le donne post-della menopausa.

“Che cosa sappiamo è che c'è una correlazione positiva fra allattamento al seno e un più a basso rischio di altre malattie quale il diabete di tipo 2 e la malattia di cuore e che questi termini sono connessi forte ad un elevato rischio per l'ANNUNCIO,„ ha detto Helen Lavretsky, MD, l'autore senior dello studio e un professore nel dipartimento della psichiatria e delle scienze Biobehavioral all'istituto di Semel per la neuroscienza ed il comportamento umano al UCLA.

“Poiché allattando egualmente è stato trovato per contribuire a regolamentare lo sforzo, promuova il legame infantile e riduca il rischio di depressione successiva al parto, che suggeriscono i vantaggi neurocognitive acuti per la madre, noi ha sospettato che potrebbe anche essere associato con la prestazione conoscitiva superiore a lungo termine per la madre pure,„ il Dott. aggiunto Fox.

Per scoprire, i ricercatori hanno analizzato i dati raccolti dalle donne che partecipano a due 12 test clinici controllati ripartiti con scelta casuale a sezione trasversale di settimana alla salubrità del UCLA: 1) “la connettività e la risposta del cervello al "chi" del Tai nella depressione geriatrica e nel declino conoscitivo,„ hanno incluso i partecipanti depressi. 2) “la diminuzione del rischio per il morbo di Alzheimer in donne ad alto rischio con addestramento di memoria o di yoga che ha incluso i partecipanti non depressi con alcuni reclami soggettivi di memoria e un rischio per la malattia di cuore.

Fra le due prove, 115 donne hanno scelto di partecipare, con 64 identificati come depresso e 51 non depressi. Tutti i partecipanti hanno completato una batteria completa dei test psicologici che misurano l'apprendimento, il richiamo in ritardo, il funzionamento esecutivo e la velocità di trattamento. Egualmente hanno risposto ad un questionario circa la loro vita cronologia riproduttiva che le domande incluse circa l'età essi hanno cominciato a mestruare, numero delle gravidanze complete ed incomplete, la durata che hanno allattato per ogni bambino e la loro età di menopausa.

D'importanza, nessuno dei partecipanti erano stati diagnosticati con demenza, o altre diagnosi psichiatriche quale la farmacodipendenza di disordine bipolare, dell'alcool o, disordini neurologici o hanno avuti altre inabilità impedire la loro partecipazione o catturare tutti i farmaci psicoattivi. Non c'erano egualmente differenza di età significativa, corsa, formazione o altre misure conoscitive fra i partecipanti depressi e non depressi.

I risultati chiave dall'analisi dei ricercatori dei dati raccolti dai questionari sulla cronologia riproduttiva delle donne hanno rivelato che circa 65% delle donne non depresse ha riferito l'allattamento al seno, confrontato a 44% delle donne depresse. Tutti i partecipanti non depressi hanno riferito almeno una gravidanza completata confrontata a 57,8% dei partecipanti depressi.

I risultati dalle prove conoscitive egualmente hanno rivelato che coloro che aveva allattato, indipendentemente da se erano depressi o non, eseguito meglio in tutti e quattro le delle prove conoscitive che misurano per l'apprendimento, richiamo in ritardo, funzionamento esecutivo ed elaborare ha confrontato alle donne che non avevano allattato.

Le analisi separate dei dati per i gruppi depressi e non depressi egualmente hanno rivelato che tutti e quattro i punteggi conoscitivi del dominio sono stati associati significativamente con allattamento al seno nelle donne che non erano depresse. Ma nelle donne che erano depresse, solo due dei domini conoscitivi - velocità esecutiva di trattamento e di funzionamento - sono stati associati significativamente con allattamento al seno.

Interessante, i ricercatori egualmente hanno trovato che l'allattamento al seno speso di tempo maggiore è stato associato con la migliore prestazione conoscitiva. Quando hanno aggiunto continuamente su un allattamento al seno speso donna nella sua vita, hanno trovato che le donne che non hanno allattato hanno avute punteggi conoscitivi significativamente più bassi in tre su quattro domini confrontati alle donne che avevano allattato per 1-12 mesi ed in tutti e quattro i domini hanno confrontato alle donne che avevano allattato per più di 12 mesi. Donne che avevano allattato il più lungamente avuto le più alte valutazioni del test conoscitive.

“Gli studi futuri saranno necessari esplorare la relazione fra la cronologia delle donne di allattamento al seno e la prestazione conoscitiva nei più grandi, più geograficamente diversi gruppi di donne. È importante capire meglio le implicazioni di salubrità di allattamento al seno per le donne, dato che le donne oggi allattino di meno frequentemente e per i più brevi periodi di tempo che è stato praticato storicamente,„ ha detto il Dott. Fox.

Source:
Journal reference:

Fox, M., et al. (2021) Women who breastfeed exhibit cognitive benefits after age 50. Evolution, Medicine, and Public Health. doi.org/10.1093/emph/eoab027.