Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Meccanismo molecolare che gestisce la transizione da acuto a dolore cronico rivelatore

Un nuovo studio piombo dall'università di California, ricercatori di Irvine è il primo per rivelare il meccanismo molecolare specifico che gestisce la transizione da acuto a dolore cronico ed identifica questo meccanismo come obiettivo critico per le medicine dimodificazione.

I risultati dallo studio, nominato “segnalazione NAAA-regolamentata del lipido governa la transizione da acuto a dolore cronico,„ pubblicato oggi negli avanzamenti di scienza, mostrano quello il amidase- rendente non valido dell'acido (NAAA) di N-acylethanolamine; un intracellulare enzima-nel midollo spinale durante la finestra di tempo di 72 ore che segue la lesione periferica del tessuto ferma lo sviluppo cronico di dolore in mouse maschii e femminili.

Delineando la natura, la localizzazione e cronometrare degli eventi in questione nella cronicità di dolore è necessaria a segnare i vertici con esattezza di controllo nel trattamento che può essere mirato a dalle nuove classi di medicine dimodificazione oltre gli analgesici. Questo studio è il primo per identificare quel NAAA, un vertice precedentemente non riconosciuto di controllo, può efficacemente essere mirato a da terapeutica della piccolo-molecola che inibisce questo enzima e blocca la transizione da acuto a dolore cronico.„

Daniele Piomelli, il professor distinto, servizio di scuola di medicina di anatomia & neurobiologia, università di California - Irvine

Il dolore cronico si evolve da dolore acuto causato tramite il trauma fisico di danno di tessuto dovuto chirurgia o la lesione ed è un problema massiccio, pregiudicante più di 1,5 miliardo genti universalmente. Il dolore cronico continua il tessuto passato lungo che guarisce, è spesso resistente alla terapia e rimane seriamente undertreated.

Il trattamento dipende in gran parte da una manciata di classi dell'analgesico quali gli opioidi, che possono perdere col passare del tempo l'efficacia e possono anche piombo a dipendenza. Il danno del nervo è considerato come un fattore critico nella transizione a dolore cronico, ma gli eventi molecolari di fondo che piombo alla sua emergenza sono stati capiti male.

“I nostri risultati suggeriscono che una nuova classe di droghe - inibitori di NAAA - possa essere usato per trattare i vari moduli di dolore cronico e nell'evitare il incisional e le lesioni infiammatorie dopo chirurgia,„ Piomelli ha detto

Source:
Journal reference:

Fotio, Y., et al. (2021) NAAA-regulated lipid signaling governs the transition from acute to chronic pain. Science Advances. doi.org/10.1126/sciadv.abi8834.