Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori identificano i geni che causano la resistenza al trattamento del fungo di glabrata del candida

È stimato che 80% delle donne soffra almeno una volta dalla candidosi vaginale nelle loro vite. Oltre alle infezioni superficiali, che possono essere orali o vaginali e solitamente non hanno una prognosi seria, i funghi del genere del candida possono causare le malattie sistematiche in persone immunocompromised e questi sono interni in 40% dei casi. Le droghe sono a disposizione per trattare queste circostanze, ma medici sempre più stanno incontrando le varietà di funghi che hanno sviluppato la resistenza ai trattamenti, così rendenti a candida l'infezione un problema sanitario globale serio.

Gli scienziati piombo dal Dott. Toni Gabaldón, dal ricercatore di ICREA e dalla guida del gruppo all'istituto per la ricerca nella biomedicina (IRB Barcellona) e nel centro di supercomputing di Barcellona (BSC), hanno studiato i meccanismi della resistenza sviluppati dal glabrata del candida di specie sopra l'esposizione alle varie droghe ed hanno identificato otto geni che, una volta mutati, sono responsabili del permettere che il fungo adatti e sopravviva al trattamento. Fin qui, soltanto la metà di questi geni è stata conosciuta come candidati confer a farmacoresistenza.

La cosa interessante circa questo lavoro è che l'identificazione di questi otto geni permette che noi usiamo una prova genetica per diagnosticare la farmacoresistenza potenziale presente nell'infezione di un paziente specifico e, pertanto, per contribuire a scegliere il migliore trattamento.„

Dott. Toni Gabaldón, testa del laboratorio comparativo di genomica, IRB Barcellona

Trattamento evolutivo che è alla base dell'incorporazione dei meccanismi di resistenza

Per svolgere questo studio, i ricercatori hanno coltivato le popolazioni indipendenti del glabrata del candida del fungo ed hanno amministrato varie droghe disponibili sul servizio che hanno meccanismi differenti di atto. Poi hanno analizzato la resistenza sviluppata ed i genoma delle popolazioni distinte per correlare i meccanismi con le differenze genetiche.

Gli sforzi che sono stati generati in questo lavoro, che combinano la resistenza a parecchie droghe, possono servire da modello di studio nella ricerca di nuovi trattamenti.

Fenomeni di resistenza crociata

Oltre alla resistenza al trattamento amministrato, i ricercatori hanno osservato che l'esposizione ad una droga particolare (fluconazol) egualmente ha causato la resistenza ad un altro tipo di droga (equinocandina) in 50% dei casi, sebbene queste popolazioni non fossero state esposte mai alla seconda droga.

“Questo fenomeno è conosciuto mentre la resistenza crociata e, in questo senso, le nostre scoperte dovrebbero piombo ad un adattamento delle linee guida del trattamento per evitare favorire l'aspetto del multiresistance,„ dice il Dott. Gabaldón.

Il laboratorio intestato dal Dott. Gabaldón ha ricevuto il supporto “dalle fondamenta di Caixa della La„ per iniziare un proprio del progetto a questi risultati. In questo senso, questo sforzo cerca di migliorare la diagnosi della candidosi e di progettare i nuovi trattamenti cercando i reticoli dell'infezione e dell'adattamento alle droghe nelle specie differenti di candida.

Il lavoro è una collaborazione con il Dott. Christoph Schüller, dal Universidad BOKU a Vienna (Austria) ed è stato costituito un fondo per dal Ministero spagnolo delle fondamenta di Caixa di scienza e dell'innovazione e “della La„.

Source:
Journal reference:

Ksiezopolska, E., et al. (2021) Narrow mutational signatures drive acquisition of multidrug resistance in the fungal pathogen Candida glabrata. Current Biology. doi.org/10.1016/j.cub.2021.09.084.