Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La collaborazione diMcMaster-Amburgo scopre il composto antimalarico nuovo di promessa

Uno studio dal Michael G. DeGroote Institute per la ricerca della malattia infettiva alla McMaster University ha provocato la scoperta di un composto antimalarico nuovo di promessa.

guidato Co da Gerry Wright, professore della biochimica & delle scienze biomediche, la scoperta apre la porta allo sviluppo di nuove droghe che mirano alla malaria, una delle malattie infettive più micidiali sul pianeta.

Collaborando con il professor Tim Gilberger dell'università di Amburgo in Germania, i gruppi del ricercatore hanno eseguito uno schermo degli estratti dei batteri del terreno per gli antimalarico ed hanno identificato un inibitore estremamente potente dello sviluppo di malaria.

Abbiamo spleso un nuovo indicatore luminoso qui. Stiamo esaminando una parte di chimica che nessuno ha esaminato mai prima.„

Gerry Wright, professore di biochimica & di scienze biomediche

Gerry Wright è il cavo inaugurale del nesso globale del Canada per le pandemie e delle minacce biologiche a McMaster.

Questa innovazione, pubblicata oggi nella biologia chimica delle cellule, viene ad un tempo chiave nella gestione globale di malaria, Wright ha detto.

La farmacoresistenza nella malaria sta trasformandosi in “in un problema enorme,„ ha detto e mutamento climatico sta spingendo le zanzare ditrasporto nei nuovi posti, estendenti la diffusione della malattia. L'organizzazione mondiale della sanità stima che la malaria sia stata nel 2019 responsabile di più di 400.000 morti e di 229 milione infezioni da solo.

Wright ha detto che la famiglia dei composti allo studio -; duocarmycins -; sono stati conosciuti per uccidere per un po di tempo la malaria e le cellule tumorali; tuttavia, sono estremamente tossiche agli esseri umani. Come tale, facendo uso di loro mentre il trattamento viene con considerevole danno collaterale, che ha provocato molti ha venuto a mancare i test clinici. Wright chiama questi composti “anti-vita,„ poiché uccidono appena circa tutto in loro percorso.

Tuttavia, PDE-I2, la nuova molecola composta scoperta dal gruppo diMcMaster-Amburgo, sembra venire con tutti beni potenti di malaria-uccisione dei duocarmycins precedentemente conosciuti -; appena senza gli effetti contrari.

Wright ha detto che la scoperta era una decade nella fabbricazione, cominciando quando lui e Gilberger lavorati insieme a McMaster fra 2010 e 2014.

Da allora, il laboratorio di Wright sta inviando migliaia di sotto-frazioni da Hamilton ad Amburgo, in cui Gilberger ed il suo gruppo le analizzerebbero contro i parassiti di malaria all'istituto di Bernhard Nocht per medicina tropicale.

Era anni di prova-e-errore prima dei ricercatori definitivo ha frazionato la molecola giusta -; Wright trattato paragona a trovare un ago di stampa in un mucchio di fieno.

“Questo composto novello rappresenta un'impalcatura utile per la terapia di anti-malaria,„ ha detto Gilberger, che ha aggiunto che è eccitato per esplorare il suo risparmio di temi nelle infezioni sistematiche e per segnare il suo modo con esattezza di atto.

Il finanziamento principale per lo studio della ricerca è venuto dagli istituti canadesi per la ricerca di salubrità.

Source:
Journal reference:

Alder, A., et al. (2021) A non-reactive natural product precursor of the duocarmycin family has potent and selective antimalarial activity. Cell Chemical Biology. doi.org/10.1016/j.chembiol.2021.10.005.