Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'esame trova il grande elasticità nella salute mentale durante durante la pandemia COVID-19

Malgrado un aumento significativo ma piccolo nei sintomi di salute mentale nella fase iniziale nella pandemia COVID-19, globalmente c'era grande elasticità nella salute mentale durante il 2020, università di ricercatori di Liverpool ha trovato.

Dubbio della colata di questi risultati sul presupposto che c'è stato “un tsunami„ dei problemi sanitari di salute mentale come conseguenza della pandemia.

L'esame su grande scala di 65 studi pubblicati nel giornale dei disordini affettivi mostra da ora alla metà del 2020 quello, i sintomi di salute mentale erano comparabili ai livelli pre-pandemici - tuttavia c'erano più grandi aumenti per i sintomi depressivi e quelli con salubrità fisica difficile attuale possono essere i più commoventi.

La nostra ricerca ha tratto le conclusioni che vanno contro l'idea che c'è stato una crisi di salute mentale durante la pandemia nella popolazione in genere o le quelle con gli stati di salute mentale attuali. I risultati in effetti mostrano quanto la salute mentale della gente notevolmente resiliente ha teso ad essere dopo la scossa iniziale molto iniziale della pandemia.„

Dott. Eric Robinson, autore corrispondente

I ricercatori dall'università di Liverpool e di università di Maynooth, esaminata 65 studi di gruppo longitudinali che confrontano la salute mentale prima di e durante la pandemia COVID-19.

La meta-analisi primaria degli studi North-american e principalmente europei ha indicato che c'era un aumento globale statisticamente piccolo nei sintomi di salute mentale. L'aumento nei sintomi di salute mentale era più grande fra gli studi che hanno campionato (marzo-aprile 2020) i partecipanti alle fasi iniziali della pandemia e la severità dei sintomi di salute mentale è diminuito significativamente durante i seguenti mesi (maggio-luglio 2020).

Il gruppo di ricerca suggerisce che questo reticolo dei risultati possa rappresentare una risposta acuta e normale ad un evento traumatico imprevisto e distressing, che poi è stato seguito da un periodo di adattamento e di elasticità psicologici.

Non c'era prova di un peggioramento dei sintomi di salute mentale fra i campioni dei partecipanti con uno stato di salute mentale preesistente.

Il Dott. Eric Robinson ha detto: “La nostra analisi suggerisce che il camice là sia stato considerevole elasticità nella salute mentale. I dati correnti sui suicidi registrati allineano con questo, poichè è stato teso per essere tariffe o diminuzioni stabili riferite attraverso una serie di paesi. Tuttavia, c'è un'esigenza della disposizione continuata di salute mentale, del video della salute mentale specialmente durante i periodi di infezione aumentata COVID-19 e della morte. L'investimento a lungo termine nei servizi medico-sanitari di salute mentale egualmente sarà utile.

“L'aumento nei sintomi di disordine di umore e della depressione che non hanno ritornato ai livelli pre-pandemici autorizza l'attenzione, poichè anche una piccola variazione ascendente nei sintomi depressivi può avere conseguenze cumulative significative sul livello della popolazione.„

Source:
Journal reference:

Robinson, E., et al. (2021) A systematic review and meta-analysis of longitudinal cohort studies comparing mental health before versus during the COVID-19 pandemic in 2020. Journal of Affective Disorders. doi.org/10.1016/j.jad.2021.09.098.