Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le madri che caregiving possono cancellare gli effetti negativi dello sforzo durante la gravidanza sugli infanti

Uno studio pubblicato nel giornale di psicologia infantile e della psichiatria suggerisce che caregiving sensibile delle madri dopo avere dato alla luce possa cancellare alcuni degli effetti negativi dello sforzo durante la gravidanza sui neonati.

Nello studio su 94 paia dell'madre-infante, i livelli elevati del cortisol dell'ormone di sforzo primario in donne durante la gravidanza sono stati associati con le maggiori alle risposte basate a cortisol di sforzo in infanti, ma soltanto in quelli di cui le madri erano meno emozionalmente disponibili dopo la nascita. Altri indicatori dello sforzo durante la gravidanza non hanno mostrato questa associazione, tuttavia.

Questi risultati sono in maniera sconvolgente simili a quelli riferiti nel lavoro animale e sottolineano il contributo unito degli ambienti prenatali e postnatali nella programmazione dei risultati successivi. Da una prospettiva clinica, i risultati suggeriscono quello che migliora caregiving sensibile materno, particolarmente nelle situazioni di alto sforzo nella gravidanza, dovrebbe essere un obbiettivo chiave degli interventi postnatali per attenuare le conseguenze a lungo termine di forza maggiore prenatale sullo sviluppo di bambino.„

Sara Nazzari, autore principale, istituto scientifico IRCCS Eugenio Medea, Italia

Source:
Journal reference:

Nazzari, S., et al. (2021) Maternal caregiving moderates the impact of antenatal maternal cortisol on infant stress regulation. Journal of Child Psychology and Psychiatry. doi.org/10.1111/jcpp.13532.