Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La ricerca sullo psychedelics ha potuto piombo ai nuovi trattamenti per la malattia mentale

Si in cinque adulti degli Stati Uniti avvertirà una malattia mentale nella loro vita, secondo Alliance nazionale della salute mentale. Ma i trattamenti standard possono essere lenti lavorare e causare gli effetti secondari.

Per trovare le migliori soluzioni, un ricercatore di tecnologia della Virginia ha unito una rinascita della ricerca su una classe a lungo vietata di droghe che potrebbero combattere parecchi moduli della malattia mentale e, in mouse, raggiungere i risultati duraturi da appena una dose.

Facendo uso di un trattamento il suo laboratorio sviluppato nel 2015, Chang la LU, il Fred W. Bull professore dell'ingegneria chimica nella facoltà di ingegneria, sta aiutando il suo studio dei collaboratori di Virginia Commonwealth University gli effetti epigenomic dello psychedelics.

I loro risultati danno la comprensione in come le sostanze psichedeliche gradiscono la psilocibina, la mescalina, lsd e le simili droghe possono alleviare i sintomi di dipendenza, di ansia, della depressione e del disordine post - traumatico di sforzo. Le droghe sembrano lavorare i farmaci più lungo correnti più veloci ed ultimi -; tutti con meno effetti secondari.

Il progetto munito di cardini l'analisi genomica della LU. Il suo trattamento permette che i ricercatori usino i campioni molto piccoli del tessuto, giù alle centinaia a migliaia di celle e che ricava le conclusioni significative da loro. I più vecchi trattamenti richiedono le dimensioni del campione molto più grandi, in modo dall'approccio della LU permette agli studi facendo uso appena di piccola quantità di materiale da una regione specifica di cervello del mouse.

Ed esaminare gli effetti dello psychedelics sui tessuti cerebrali è particolarmente importante.

I ricercatori possono fare i test clinici umani con le sostanze, prelevanti sangue ed i campioni di urina ed osservanti i comportamenti, Lu ha detto. “Ma la cosa è, i dati comportamentistici vi diranno il risultato, ma vi non dice che perché funzionano in un determinato modo,„ ha detto.

Ma esaminare i cambiamenti molecolari nei modelli animali, quali i cervelli dei mouse, permette che gli scienziati scrutino in cui la LU chiama la scatola nera della neuroscienza per capire i processi in corso biologici. Mentre i cervelli dei mouse sono molto differenti dai cervelli umani, Lu ha detto che ci sono abbastanza similarità per raffrontare validi i due.

Il farmacologo Javier González-Maeso di VCU ha fatto una carriera di studio dello psychedelics, che era stato vietato dopo che l'uso ricreativo delle droghe è stato diffuso negli anni 60. Ma negli ultimi anni, i regolatori hanno cominciato a permettere che la ricerca sulle droghe continui.

Nel lavoro da altri ricercatori, soprattutto su psilocibina, una sostanza trovata in più di 200 specie di funghi, González-Maeso ha detto che lo psychedelics ha indicato la promessa nell'alleviazione dei disordini importanti di ansia e della depressione.

Inducono gli effetti profondi nella percezione,„ ha detto. “Ma io erano interessati in come queste droghe realmente inducono gli effetti comportamentistici in mouse.„

Javier González-Maeso, farmacologo di VCU

Per esplorare la base genomica di quegli effetti, ha collaborato con LU.

Nella tecnologia unita della Virginia - studio di VCU, il gruppo di González-Maeso ha usato 2,5 dimethoxy-4-iodoamphetamine, o DOI, una droga simile al lsd, amministrante lo ai mouse che erano stati preparati per temere determinati grilletti. Il laboratorio della LU poi ha analizzato i campioni del cervello per i cambiamenti nel epigenome e nell'espressione genica. Hanno scoperto che le variazioni epigenomic erano generalmente più durature dei cambiamenti nell'espressione genica, così più probabilmente per collegarsi con gli effetti a lungo termine di uno psichedelico.

Dopo una dose di DOI, i mouse che avevano reagito ai grilletti di timore più non hanno risposto a loro con i comportamenti ansiosi. I loro cervelli egualmente hanno mostrato gli effetti, anche dopo che la sostanza non era più rilevabile nei tessuti, Lu hanno detto. I risultati sono stati pubblicati nell'emissione di ottobre dei rapporti delle cellule.

È uno sviluppo promettente per coloro che soffre dalla malattia mentale e dalla gente che le amano. Infatti, non era appena la scienza che ritirasse la LU al progetto.

Per lui, è egualmente personale.

“Mio fratello più anziano ha avuto schizofrenia per i 30 anni ultimi, basicamente. Così sono stato intrigato sempre dalla salute mentale,„ Lu ha detto. “E poi una volta che trovassi che il nostro approccio può applicarsi per esaminare i trattamenti come che -; ecco perché ho deciso di effettuare la ricerca nel campo della neuroscienza del cervello.„

González-Maeso ha detto che la ricerca sullo psychedelics è ancora nelle sue fasi iniziali e c'è molto lavoro da essere prima che i trattamenti derivati da loro potrebbero essere ampiamente - disponibile fatto.