Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Antigene del siero SARS-CoV-2: Un migliore preannunciatore di severità COVID-19

I test diagnostici hanno svolto un ruolo cruciale durante l'onda globale di COVID-19. Il sistema diagnostico di sistema monetario aureo per l'infezione di coronavirus 2 di sindrome respiratorio acuto severo (SARS-CoV-2) continua a rimanere analisi molecolari come reazione a catena della transcriptase-polimerasi inversa (RT-PCR) eseguita sui tamponi (NP) rinofaringei. Più nuove analisi, per esempio - i immunoassays chemiluminescenti (CLIA) e le singole schiere molecolari (Simoa), egualmente hanno dimostrato una buona correlazione con RT-PCR sui tamponi del NP, almeno per le soglie del ciclo.

Studio: Antigeni del siero SARS-CoV-2 per la determinazione di severità COVID-19. Credito di immagine: anyaivanova/Shutterstock
Studio: Antigeni del siero SARS-CoV-2 per la determinazione di severità COVID-19. Credito di immagine: anyaivanova/Shutterstock

Malgrado l'alta sensibilità di RT-PCR, la correlazione fra i risultati di RT-PCR dai tamponi del NP e la severità di malattia è stata sfidata. Inoltre, la variabilità nei valori di soglia (Ct) del ciclo dipendenti dalla procedura di campionamento come pure dalla probabilità dei falsi negativi, è alcuni degli svantaggi connessi con i risultati di RT-PCR dai tamponi del NP raccolti prima dell'inizio di sintomo. Di conseguenza, c'è portata per miglioramento nei sistemi diagnostici dell'infezione SARS-CoV-2. Il test diagnostico ideale dovrebbe essere capace di rilevazione della presenza virale con la simile o più alta sensibilità che RT-PCR eseguita sui tamponi del NP, con una valutazione superiore del valore prognostico, oltre a richiedere facilmente gli esemplari biologici accessibili.

Ordinariamente, i campioni di sangue sono impiegati per determinare la concentrazione nell'anticorpo. Eppure, questa tecnica è utilizzata raramente nei casi con l'infezione acuta o dovuto la possibilità degli anticorpi di circolazione preesistenti. Un'altra alternativa sta esaminando l'antigene in liquidi non respiratori come circolazione-che è appoggiato da prova che SARS-CoV-2 migra dai polmoni nella circolazione sanguigna.

In questa prospettiva, un nuovo studio pubblicato sul " server " della pubblicazione preliminare del medRxiv* ha analizzato l'efficacia clinica di due prove dell'antigene del siero per identificare l'infezione di SAR CoV-2 e per valutare la cinetica dell'antigene del nucleocapsid del siero (n) in pazienti severi e non severi per la previsione della severità di malattia.

Qui, l'antigene del siero N è stato valutato facendo uso di un CLIA e del Simoa e le soglie della severità sono state stabilite. Questo studio ha fatto partecipare 90 pazienti e 243 campioni di sangue si sono raccolti in diversi momenti dopo l'inizio di sintomo. La severità della malattia è stata valutata facendo uso del disgaggio (WHO) clinico di progressione dell'organizzazione mondiale della sanità. L'organigramma di studio (conformemente alla dichiarazione di Helsinki) è stato illustrato qui sotto:

Organigramma di studio
Organigramma di studio

Il kit commerciale di vantaggio della N-Proteina SARS-CoV-2, un'analisi dell'immunosorbente enzima-collegata a panino basato a microperla paramagnetico (ELISA), è stato usato per esaminare i campioni. CLIA ha individuato i sieri del ricoverato dell'antigene di SARS-CoV-2 N. LA PCR di RT per rilevazione SARS-CoV-2 nei campioni del tampone del NP è stata eseguita che mira ai geni di E e del N2. I dati sono stati analizzati facendo uso delle statistiche descrittive. Tutti i campioni longitudinali dalla popolazione della ricerca sono stati utilizzati per stimare le curve cinetiche di tempo facendo uso del lisciamento delle scanalature con quattro nodi.

È stato trovato che in persone con i sintomi severi, la reazione massima dell'antigene è stata individuata su day-7 facendo uso di entrambe le analisi. Seguendo quello, un declino è stato registrato nella reazione dell'antigene fino a day-20. La antigene-risposta in persone non severe ha corrisposto ad una fase del plateau che ha diminuito gradualmente con tempo. Facendo uso dell'analisi di Simoa, la differenza nella cinetica fra le persone severe e non severe era più distinguibile.

Cinetica del antigenemia dall
Cinetica del antigenemia dall'inizio dei sintomi in pazienti non severi e severi. Le linee punteggiate di grey corrispondono al taglio della positività di ogni analisi dell'antigene, come trovato dalle analisi delle curve ROC. La linea punteggiata del nero corrisponde al taglio della positività dell'analisi del iFlash, come ha dichiarato il produttore. Le linee punteggiate di rosso corrispondono al taglio della severità di ogni analisi dell'antigene, come trovato dalle analisi della curva ROC per la finestra di due giorni 14 del giorno. Soltanto i pazienti con i sintomi e la quantità negativa per SARS-CoV-2 la punta IgG diretto contro la proteina della punta sono stati inclusi in questa rappresentazione di cinetica.

L'uso di questi tagli della severità sui modelli cinetici ha determinato il tempo ottimale dall'sintomo-inizio in pazienti severi (cioè, 4 - 10 giorni). Per entrambe le analisi dell'antigene, la sensibilità clinica era 100% e la specificità clinica era 92,3%.

Più ulteriormente, quando il NP RT-PCR è stato usato, il valore medio di Ct dei pazienti asintomatici era sostanzialmente maggior di quello dei pazienti severi. Allo stesso tempo, nessuna differenza significativa è stata trovata fra i pazienti delicati, moderati e severi. le analisi dell'Siero-antigene hanno rivelato che i pazienti severi hanno avuti livelli elevati dell'antigene. La distinzione fra i pazienti severi e non severi era più evidente fra i giorni 4 e 10.

Sulle analisi del iFlash e di Simoa, i tagli per l'identificazione dei pazienti all'elevato rischio per la malattia severa sono stati preveduti per essere 5.043 pg/mL e un indice analitico di 313,8 tagli (COI). I rapporti di verosimiglianza per questi tagli erano rispettivamente 30,0 e 10,9, indicanti la loro capacità di differenziare severo dai pazienti non severi da day-2 a day-14.

Risultati di RT-PCR e di Antigenemia secondo il disgaggio clinico di progressione del WHO sui campioni ottenuti il giorno della diagnosi, cioè entro 12 ore dal RT-PCR. Le linee punteggiate del blu corrispondono ad una soglia del ciclo di 33. La linea punteggiata di rosso corrisponde al taglio della severità, come determinato dalla curva ROC analizzi. Le linee punteggiate di grey corrispondono al taglio della positività di ogni analisi dell
Risultati di RT-PCR e di Antigenemia secondo il disgaggio clinico di progressione del WHO sui campioni ottenuti il giorno della diagnosi, cioè entro 12 ore dal RT-PCR. Le linee punteggiate del blu corrispondono ad una soglia del ciclo di 33. La linea punteggiata di rosso corrisponde al taglio della severità, come determinato dalla curva ROC analizzi. Le linee punteggiate di grey corrispondono al taglio della positività di ogni analisi dell'antigene, come trovato dalle analisi delle curve ROC. La linea punteggiata del nero corrisponde al taglio della positività dell'analisi del iFlash, come ha dichiarato il produttore. Le mediane sono rappresentate sopra ogni contenitore di basette.

Notevolmente, i pazienti con SARS-CoV-2 chiodano i livelli di IgG sopra il taglio positivo hanno avuti statisticamente gli più alti valori significativi di Ct e livelli in diminuzione dell'siero-antigene. Considerando che la maggior parte dei pazienti (96,6%) con SARS-CoV-2 la punta negativa IgG era positiva per l'antigene in siero con entrambe le analisi.

L'analisi porta alle seguenti conclusioni.

  • La rilevazione sensibile dell'antigene di N in siero offre un indicatore novello importante per la diagnosi COVID-19 che è accessibile in tutti i laboratori clinici ed appena richiede un tiraggio di sangue.
  • Permette ai nuovi miglioramenti futuri di creare le analisi del sangue rapide dell'antigene o le analisi integrate di ELISA che individuano sia gli antigeni che gli anticorpi.
  • Significativamente, il antigenemia di valutazione nel primo inizio di sintomo del paletto da due settimane può aiutare nell'identificazione della gente a rischio di sviluppare COVID-19 severo.
  • Queste analisi sono più convenienti come metodi di prova per i pazienti e possono finalmente migliorare la valutazione clinica per ottimizzare l'utilizzazione di terapia intensiva.

Avviso *Important

il medRxiv pubblica i rapporti scientifici preliminari che pari-non sono esaminati e, pertanto, non dovrebbero essere considerati conclusivi, guida la pratica clinica/comportamento correlato con la salute, o trattato come informazioni stabilite.

Journal reference:
Nidhi Saha

Written by

Nidhi Saha

I am a medical content writer and editor. My interests lie in public health awareness and medical communication. I have worked as a clinical dentist and as a consultant research writer in an Indian medical publishing house. It is my constant endeavor is to update knowledge on newer treatment modalities relating to various medical fields. I have also aided in proofreading and publication of manuscripts in accredited medical journals. I like to sketch, read and listen to music in my leisure time.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Saha, Nidhi. (2021, November 24). Antigene del siero SARS-CoV-2: Un migliore preannunciatore di severità COVID-19. News-Medical. Retrieved on November 28, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20211124/Serum-SARS-CoV-2-antigen-A-better-predictor-of-COVID-19-severity.aspx.

  • MLA

    Saha, Nidhi. "Antigene del siero SARS-CoV-2: Un migliore preannunciatore di severità COVID-19". News-Medical. 28 November 2021. <https://www.news-medical.net/news/20211124/Serum-SARS-CoV-2-antigen-A-better-predictor-of-COVID-19-severity.aspx>.

  • Chicago

    Saha, Nidhi. "Antigene del siero SARS-CoV-2: Un migliore preannunciatore di severità COVID-19". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20211124/Serum-SARS-CoV-2-antigen-A-better-predictor-of-COVID-19-severity.aspx. (accessed November 28, 2021).

  • Harvard

    Saha, Nidhi. 2021. Antigene del siero SARS-CoV-2: Un migliore preannunciatore di severità COVID-19. News-Medical, viewed 28 November 2021, https://www.news-medical.net/news/20211124/Serum-SARS-CoV-2-antigen-A-better-predictor-of-COVID-19-severity.aspx.