Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio trova la sottorappresentazione delle popolazioni sicure nei test clinici del cancro

Nelle disparità d'esame e nelle tendenze relative di uno studio all'inclusione delle minoranze, le donne ed i pazienti più anziani nei test clinici del cancro, ricercatori hanno trovato che le popolazioni sicure rimangono sotto-rappresentate. Tuttavia, per alcuno, compreso i pazienti neri e ispani, la partecipazione è aumentato negli ultimi anni. I risultati sono pubblicati da Wiley online nel CANCRO, un giornale pari-esaminato dell'associazione del cancro americana.

Includendo la gente dai diversi ambiti di provenienza, i test clinici possono mostrare se i trattamenti sono sicuri ed efficaci per la gente con differenti caratteristiche. L'istituto nazionale contro il cancro (NCI) ha stabilito le iniziative multiple per incoraggiare tale diversità nei test clinici che costituisce un fondo per.

Juan F. Javier-DesLoges, MD, ms, di salubrità di Uc San Diego ed i suoi colleghi ha analizzato il sistema clinico dell'aggiornamento di dati di NSC, un database che contiene le informazioni sui partecipanti nei test clinici NSC-patrocinati, per valutare la rappresentazione delle minoranze, le donne ed i pazienti più anziani in petto 766, colorettale, in polmone e nelle prove del carcinoma della prostata dal 2000-2019.

Le prove nell'analisi hanno incluso 242.720 partecipanti: Un bianco di 197.320 Non Latino-americani (81,3%), 21.190 il nero (8,7%), 11.587 latino-americano (4,8%) e 6.880 asiatici/pazienti isolano pacifico (2,8%).

I ricercatori hanno confrontato la partecipazione di test clinico dal 2015-2019 alla proporzione di tariffe di incidenza del cancro dal 2015-2017 per i bianchi del non Latino-americano contro le minoranze, anziano contro nonelderly i pazienti e la femmina contro i pazienti maschii.

In questi confronti di partecipazione di prova con le tariffe di incidenza del cancro, i pazienti del latino-americano e del nero erano più probabili partecipare ai test clinici del cancro al seno, ma sotto-sono stati rappresentati in colorettale, in polmone e nelle prove del carcinoma della prostata; i più vecchi di 65 anni dei pazienti sotto-sono stati rappresentati nelle prove del cancro polmonare colorettale e e del petto; e le donne erano sottorappresentate nelle prove e colorettale del cancro polmonare.

Quando i ricercatori hanno confrontato gli anni 2000-2004 - 2015-2019, hanno trovato che i pazienti ispani e neri erano più probabili essere inclusi in petto, in polmone e nelle prove del carcinoma della prostata negli ultimi anni rispetto al primi anni '2000. Le donne erano meno probabili essere incluse negli ultimi anni nelle prove colorettali del cancro, ma più probabilmente partecipare alle prove del cancro polmonare. Le tendenze relative all'inclusione di più vecchi di 65 anni dei pazienti hanno variato dal tipo del cancro.

Il nostro articolo indica che la disparità per l'iscrizione clinica nei test clinici di NSC ha limitato per le minoranze, ma ulteriori sforzi ancora sono necessari.„

Juan F. Javier-DesLoges, MD, ms, salubrità di Uc San Diego

Il lavoro supplementare è necessario egualmente da indirizzare la sottorappresentazione in corso delle donne e dei pazienti più anziani nei test clinici.

Source:
Journal reference:

Javier-DesLoges, J., et al. (2021) Disparities and trends in the participation of minorities, women, and the elderly in breast, colorectal, lung, and prostate cancer clinical trials. Cancer. doi.org/10.1002/cncr.33991.